Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Lavoro / Collocamento mirato per disabili: ecco perché non funziona

Collocamento mirato per disabili: ecco perché non funziona

Collocamento mirato per disabili: ecco perché non funziona e si è rivelato uno strumento inutile per aiutare le persone più fragili a trovare un'occupazione.

di The Wam

Maggio 2022

Collocamento mirato per disabili: ecco perché non funziona come dovrebbe e si rivela uno strumento importante ma in realtà quasi inutile. Un paradosso. (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Sono tante le persone con una disabilità che si sono trovate di fronte il muro di gomma del collocamento mirato: dopo essersi iscritte e ottenuto l’inserimento nelle categorie protette hanno atteso per anni di essere chiamate da un datore di lavoro.

In molti “vantano” iscrizioni antiche, anche ventennali. Hanno trascorso decenni in una inutile attesa.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Lavoro e invalidità, come funziona con i concorsi pubblici

Collocamento mirato per disabili: buone intenzioni

Eppure la legge numero 68 del 1999 nasceva con le migliori intenzioni: l’obbligo di assumere un determinato numero di persone con disabilità rispetto all’organico completo, il coinvolgimento delle aziende pubbliche e private, dei ministeri, delle stesse persone con invalidità. Una rete che avrebbe dovuto facilitare l’inserimento lavorativo e ridurre al minimo il rischio di emarginazione sociale.

Scopri la pagina dedicata all’invalidità civile e ai diritti e le agevolazioni collegati.

L’obiettivo era ambizioso: un collocamento quasi personalizzato, orientato a valorizzare le competenze e le potenzialità del lavoratore.

Collocamento mirato per disabili: un fallimento

Beh, salvo rare (e benvenute) eccezioni, il collocamento mirato non ha svolto le sue funzioni.

Le testimonianze sono tante. Basta scorrere la nostra chat su Telegram, dedicata all’Invalidità e Legge 104, per avere un’idea. Riportiamo il breve sfogo di un componente della nostra comunità, Alessandro, che rispondeva a una ragazza sfiduciata: «Se sei iscritta a un centro dell’impiego non ti chiameranno mai. Fai prima a candidarti alle varie agenzie interinali che aspettare una chiamata dal centro. Sono iscritto dal 2014, non ho mai ricevuto una chiamata di lavoro».

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Ma del resto, basta chiedere in giro: il risultato non cambia. E l’amarezza, la frustrazione la si ritrova ovunque, anche in rete. C’è chi scrive: «Mi sono iscritto con fiducia al collocamento mirato, ma ben presto ho capito che era solo un’illusione. Sono passati anni e sono ancora disoccupato, sopravvivo con 200 euro al mese».

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Collocamento mirato per disabili: niente controlli

Viene da chiedersi, com’è possibile? La legge è chiara: in organico ogni azienda deve avere un determinato numero di persone con disabilità, devono essere scelte dall’elenco delle categorie protette del collocamento mirato.

Ma non accade. Molti datori di lavoro (non tutti, sia chiaro) preferiscono ignorare la norma. Tanto i controlli non ci sono. Per quale motivo dovrebbero assumere una persona che non ha una piena efficienza fisica o mentale se poi non c’è nessuno a far rispettare l’obbligo?

Dimenticando che una persona che ha un handicap, inserito in un contesto lavorativo dove può svolgere delle mansioni adeguate alle sue condizioni, può rendere allo stesso modo di un qualsiasi altro dipendente. E dimenticando pure che è un dovere sociale, anche per chi gestisce un’azienda, non chiudere la porta in faccia a chi ha avuto in sorte la necessità di dover convivere con una qualche menomazione.

Collocamento mirato per disabili: responsabilità

Il punto – dalle numerose testimonianze raccolte – è che gli addetti del collocamento mirato sanno perfettamente che quei controlli sulle assunzioni obbligatorie non vengono effettuati. Non dipendono da loro. E su questo hanno ragione. Ma allora, chi dovrebbe fari?

In Italia come al solito le responsabilità sono sempre così ramificate che alla fine non è possibile stabilire chi dovrebbe fare cosa.

La situazione è però ben nota anche ai vertici dei ministeri che hanno competenza in materia (Lavoro e Disabilità): il fallimento del collocamento mirato non è un mistero. Nessuno può fingere di non sapere.

Dopo anni di niente si sta cercando di correre ai ripari. È stato infatti varato il “nuovo collocamento mirato” (ne abbiamo parlato qui). È infarcito di buone intenzioni e buone pratiche. Su molte sorvoliamo e aspettiamo i fatti.

C’è un punto del nuovo collocamento mirato che è stato indicato quasi di striscio dai ministri che hanno presentato l’innovazione. Ma per le cose che abbiamo accennato prima potrebbe essere invece un punto cardine. E riguarda appunto i controlli.

Collocamento mirato per disabili: si riparte

Inutile imporre gli obblighi ai datori di lavoro se non si fanno rispettare. Può accadere nelle pubbliche amministrazioni di tenere conto delle categorie protette, ma moltissime aziende private hanno ignorato fino a oggi le disposizioni di legge.

Ebbene nel decreto 29 dicembre del 2021 si afferma che che sarà istituita una banca dati dove saranno disponibili tutti i dati sul collocamento mirato per «semplificare gli adempimenti, rafforzare i controlli e migliorare il monitoraggio e la valutazione degli interventi previsti dalla legge numero 68 del 1999».

Che significa, stringendo, che tutti i datori di lavoro obbligati all’assunzione di persone con disabilità (le aziende che hanno almeno 15 dipendenti) dovranno comunicare la loro posizione e l’adempimento dell’obbligo a tutti gli enti competenti. Questi dati saranno subito incrociati su una piattaforma digitale velocizzando quindi anche il controllo.

Nuovo collocamento mirato, i dati saranno raccolti così

Sono state anche aumentate le sanzioni per i datori di lavoro che non rispettano la legge: sarà molto più costoso non assumere un lavoratore con disabilità.

Collocamento mirato per disabili: sarà sufficiente?

È sufficiente tutto questo? Chi può dirlo. Il nuovo collocamento morato nasce per sostituire quello precedente che è stato un evidente fallimento. Si punta a rinnovarlo proprio nei punti dove si è dimostrato inefficace. Ci piacerebbe ritornare sull’argomento tra qualche mese o tra un anno per raccontarci un’altra storia e raccogliere testimonianze di persone con disabilità che hanno trovato lavoro e non rischiano più di finire ai margini della società.

Speriamo bene.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp