Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Come andare in pensione a 60 anni: importi e possibilità

Come andare in pensione a 60 anni: importi e possibilità

Come andare in pensione a 60 anni? Possibilità e importi: scopri tutto in questo ampio approfondimento.

di Carmine Roca

Settembre 2022

Come andare in pensione a 60 anni? Quali sono gli importi e le possibilità di uscita dal mondo del lavoro? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

Pensione: possibilità e requisiti

Oltre alla pensione di vecchiaia, il nostro ordinamento previdenziale permette di accedere alla pensione con qualche anno di anticipo, rispettando determinati requisiti, in primis quelli contributivi.

Come andare in pensione a 60 anni? Prima di andare a verificare quali sono le soluzioni possibili, vediamo insieme quanto si prende di pensione con:

Scopri la pagina dedicata a tutti i modi per andare in pensione in anticipo.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come andare in pensione a 60 anni? Pensione anticipata ordinaria

Come andare in pensione a 60 anni? Iniziamo col dire che, con questa età, non si ha diritto alla pensione di vecchiaia, che spetta al compimento dei 67 anni, con almeno 20 anni di contributi versati.

A questo punto non resta che puntare alle varie forme di pensione anticipata previste dal nostro ordinamento. A 60 anni, con 42 anni e 10 mesi, si può accedere alla pensione anticipata ordinaria, ma significa aver iniziato a lavorare in giovanissima età.

Se volessimo calcolare l’importo dell’assegno mensile di un lavoratore di 60 anni, che accede alla pensione anticipata ordinaria, avendo maturato 42 anni e 10 mesi di contributi, con una retribuzione annua di 30.000 euro lordi, avremmo come risultato 1.381 euro, ovvero l’importo dell’assegno mensile a fronte di circa 1.600 euro netti di stipendio mensile.

Come andare in pensione a 60 anni? Quota 41 per lavoratori precoci

Come andare in pensione a 60 anni? Un’altra possibilità a disposizione dei lavoratori italiani è Quota 41 per lavoratori precoci.

Con 41 anni di contributi versati, di cui uno prima del compimento dei 19 anni, si può accedere a Quota 41. Ma attenzione, è necessario rientrare in una delle categorie indicate dalla legge.

Parliamo dei:

Oltre a rispettare questi requisiti è necessario che il lavoratore sia iscritto all’AGO (Assicurazione Generale Obbligatoria), alle forme sostitutive o esclusive della stessa, in possesso di anzianità contributiva maturata entro il 31 dicembre 1995.

Come andare in pensione a 60 anni? Opzione Donna

Come andare in pensione a 60 anni? Alle lavoratrici è dedicata una forma di pensione anticipata, chiamata Opzione Donna.

Maturando 35 anni di contributi è possibile andare in pensione al compimento dei 58 anni (lavoratrici dipendenti) o 59 anni (lavoratrici autonome).

L’opzione previdenziale non è particolarmente conveniente, considerando che per ricevere il primo assegno è necessario rispettare una finestra mobile di 12 mesi, per le dipendenti, e di 18 mesi per le autonome.

Inoltre, considerando che l’importo dell’assegno con Opzione Donna è calcolato esclusivamente con il sistema contributivo, il rischio per chi accede a questa forma previdenziale è di subire un taglio dell’assegno tra il 10 e il 30%.

Come andare in pensione a 60 anni? Isopensione

Come andare in pensione a 60 anni? Un’altra possibilità è fornita dall’Isopensione, ovvero quel meccanismo che consente al lavoratore di anticipare l’uscita fino a 7 anni prima della pensione di vecchiaia.

La possibilità è aperta soltanto ai lavoratori o alle lavoratrici in esubero, impiegati/e presso aziende con più di 15 dipendenti, a condizione che venga raggiunto un accordo tra l’azienda per la quale si presta servizio, i sindacati e l’INPS.

La domanda va presentata dall’azienda all’INPS e l’assegno viene erogato dall’azienda al lavoratore, in un’unica soluzione oppure a rate, tramite l’INPS, fino a quando il lavoratore non matura i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia.

L’importo dell’assegno percepito andando in pensione con l’Isopensione non equivale allo stipendio, ma all’assegno che si riceverà quando scatterà la pensione vera e propria.

All’importo va versata anche la contribuzione figurativa, relativa al periodo che intercorre tra fine servizio e l’accesso alla pensione di vecchiaia.

Facciamo un esempio: prendiamo un lavoratore di 58 anni che accede all’Isopensione con 38 anni e 10 mesi di contributi. L’assegno si calcola tenendo conto dell’età del lavoratore e del coefficiente di trasformazione previsto a 58 anni.  

È quindi da considerare un taglio dell’assegno di circa 100-200 euro rispetto all’importo che si percepirebbe andando in pensione a 67 anni o con il massimo dei contributi per la pensione anticipata ordinaria.

Come andare in pensione a 60 anni
Come andare in pensione a 60 anni?

Come andare in pensione a 60 anni: assegno straordinario

Come andare in pensione a 60 anni: l’ultima possibilità è l’assegno straordinario, ovvero quel trattamento a sostegno del reddito per i datori di lavoro dei Fondi di solidarietà.

Questo sostegno è riconosciuto come un accompagnamento alla pensione e si può accedere fino a 7 anni prima della maturazione dei requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia, ma soltanto tramite un accordo collettivo aziendale o territoriale.

Chi va in pensione a 60 anni con l’assegno straordinario percepisce un assegno mensile dello stesso importo di quello che riceverebbe andando in pensione. Il versamento dei contributi previdenziali spetta all’azienda per la quale si presta servizio.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp