Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Come andare in pensione il prima possibile

Come andare in pensione il prima possibile

Come andare in pensione il prima possibile? Ecco alcune soluzioni per accedere alla pensione prima dei 67 anni.

di Carmine Roca

Maggio 2023

Come andare in pensione il prima possibile? Soluzioni e “trucchi” per anticipare la pensione di vecchiaia (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Come andare in pensione il prima possibile? Soluzioni “senza età”

Almeno fino al 31 dicembre 2024, l’accesso alla pensione di vecchiaia scatta al compimento dei 67 anni di età con almeno 20 anni di contributi versati.

Ma come andare in pensione il prima possibile, senza maturare il requisito anagrafico richiesto? Il nostro ordinamento previdenziale prevede alcune “scorciatoie” per uscire in anticipo dal mondo del lavoro.

Di soluzioni anticipate ce ne sono in quantità. La prima alternativa alla pensione di vecchiaia è la pensione anticipata (legge Fornero), che consente l’uscita con un’anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e un anno in meno per le donne, a prescindere dall’età anagrafica.

La pensione è davvero anticipata, però, soltanto se si inizia a lavorare in giovane età e non più tardi dei 23 anni (per gli uomini) o dei 24 anni (per le donne), senza interruzioni di carriera. Altrimenti, il rischio è di arrivare comunque a 67 anni e di andare in pensione con la modalità “classica“.

Un’altra prestazione senza limiti anagrafici è Quota 41 per lavoratori precoci. L’accesso è consentito a chi ha iniziato a lavorare in giovanissima età (è obbligatorio aver versato un contributo prima di aver compiuto 19 anni) maturando almeno 41 anni di contributi.

Attenzione, però: non tutti i lavoratori hanno diritto a Quota 41 precoci. La misura spetta soltanto:

Scopri la pagina dedicata a tutti i modi per andare in pensione in anticipo. Per qualsiasi dubbio o domanda sulle pensioni, scrivici nel nostro gruppo Telegram.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come andare in pensione il prima possibile? Soluzioni con requisito anagrafico

Come andare in pensione il prima possibile? Presentano un requisito anagrafico tutte le altre soluzioni anticipate, a iniziare da Quota 103, l’ultima arrivata nel panorama previdenziale italiano. Segue Quota 100 (accessibile a chi ha compiuto 62 anni e versato 38 anni di contributi entro il 2021) e Quota 102 (accessibile a chi compiuto 64 anni e versato 38 anni di contributi entro il 2022).

L’accesso a Quota 103 è consentito a 62 anni di età e con 41 anni di contributi. I due requisiti sono piuttosto stringenti (soprattutto per le donne), basti pensare che per averne diritto occorre aver iniziato a lavorare a 21 anni, senza interruzioni.

C’è poi Opzione Donna, uscita rinnovata (male) dall’ultima legge di bilancio: l’accesso è consentito soltanto alle lavoratrici dipendenti o autonome:

Invariato, rispetto al 2022, il requisito contributivo (35 anni), è cambiato il requisito anagrafico:

Come andare in pensione il prima possibile? Ape Sociale e lavori usuranti

Anche l’Ape Sociale consente di andare in pensione prima dei 67 anni di età. L’anticipo pensionistico scatta al compimento dei 63 anni di età per disoccupati, caregiver, invalidi (dal 74% a salire) e impiegati in mansioni gravose.

In base alla categoria di appartenenza, cambia il requisito contributivo.

Occorrono:

Si distingue dall’Ape Sociale, la pensione anticipata per lavori usuranti: per accedervi occorre aver versato 35 anni di contributi e aver compiuto almeno 61 anni e 7 mesi di età (Quota 97,7).

Si può andare in pensione anticipata per lavori usuranti con:

I lavoratori notturni invece, che lavorano dalle 72 alle 77 notti all’anno, possono andare in pensione anticipata sfruttando Quota 98,7 e Quota 99,7, in questo modo:

Infine, i lavoratori notturni, che lavorano dalle 64 alle 71 notti all’anno, hanno diritto a Quota 99,7 e Quota 100,7, in questo modo:

Come andare in pensione il prima possibile
Come andare in pensione il prima possibile: in foto un uomo e una donna sorridono mentre guardano un tablet.

Come andare in pensione il prima possibile? Altre soluzioni

Come andare in pensione il prima possibile? Prorogato fino al 2025, il contratto di espansione prevede l’uscita dal lavoro fino a 5 anni prima della maturazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia (62 anni anziché 67 anni; 15 anni di contributi anziché 20 anni di contributi) ai lavoratori impiegati in grandi aziende (almeno 50 dipendenti), in seguito ad accordo con le massime organizzazioni sindacali.

L’Isopensione, invece, prevede l’uscita dal mondo del lavoro fino a 7 anni prima (60 anni) ai lavoratori dipendenti di grandi aziende (più di 15 impiegati) per incentivare l’esodo dei lavoratori più anziani, tramite accordi con le organizzazioni sindacali più rappresentative. La misura è stata prorogata fino al 2026, con l’ultimo decreto Milleproroghe.

Infine, non va dimenticata la possibilità concessa dalla RITA, la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata, che consente l’uscita 5 anni prima della maturazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia, e in alcuni casi anche con 10 anni di anticipo (ai disoccupati da almeno 2 anni).

Abbiamo visto come andare in pensione il prima possibile. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp