Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Come annullare le cartelle esattoriali con la rottamazione

Come annullare le cartelle esattoriali con la rottamazione

Come annullare le cartelle esattoriali con la rottamazione quater, qual è la procedura e quali sono i debiti inclusi.

di The Wam

Aprile 2023

Come annullare le cartelle esattoriali con la rottamazione: il 30 aprile scade il termine, la procedura funziona così. (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

La scadenza per la presentazione delle domande di rottamazione si avvicina e l’Agenzia delle Entrate invita i contribuenti che voglio aderire di attivarsi in anticipo per evitare, così è scritto in una nota, «i rallentamenti dei sistemi informatici per l’altro traffico degli ultimi giorni».

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

I contribuenti che hanno scelto la definizione agevolata delle cartelle, dovranno versare i debiti affidati in riscossione dal primo gennaio 2000 al 30 giugno 2022, senza però aggiungere sanzioni, interessi di mora e l’aggio (oltre alle spese per l’iscrizione a ruolo).

Le multe stradale e le altre sanzioni amministrative potranno invece essere definite dai contribuenti con l’esclusione del pagamento degli interessi e dell’aggio.

Ma  vediamo come funziona la Rottamazione Quater, ovvero come si possono annullare le cartelle esattoriali.

Potrebbe interessarti un articolo che spiega nei dettagli come presentare la domanda per la rottamazione delle cartelle esattoriali; abbiamo anche proposto una guida breve che spiega le cifre e cosa fare.

Come annullare le cartelle esattoriali: funziona così

Con la Rottamazione Quater si può definire il pagamento di un vecchio debito fiscale in una sola soluzione o con 18 rate fino a un massimo di 5 anni. La domanda, come detto, deve però essere presentata entro il 30 aprile.

Dopo aver presentato la richiesta, l’Agenzia delle Entrate comunicherà al contribuente entro il 30 giugno:

Un esempio: se un contribuente ha un debito con il fisco di 15.000 euro in cartelle esattoriali, dopo aver scelto di aderire alla Rottamazione, potrà scegliere se versare il dovuto in una sola rata o se scegliere suddividere la somma in 18 rate (da 833,33 euro).

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come annullare le cartelle esattoriali: la domanda

Come aderire alla Rottamazione Quater? La domanda può essere presentata via web sul sito dell’Agenzia Entrate-Riscossione.

Il contribuente deve accedere all’area pubblica (quindi non serve la password) o all’area riservata (con Spid, Cie o Cns).

Nell’area riservata, il cittadino interessato potrà presentare una dichiarazione di adesione. Basta selezionare i debiti che si intendono inserire nella richiesta. Non sono necessari i dati identificativi degli atti.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione è anche disponibile il servizio che consente di chiedere il prospetto informativo: contiene l’elenco di tutti i debiti che possono essere rottamati. Nella stessa area sono anche previste le simulazioni dell’importo che bisognerà versare al fisco con le riduzioni previste dalla definizione agevolata.

Come annullare le cartelle esattoriali: quali debiti

Quali sono i debiti che rientrano nella Rottamazione Quater? Come detto tutti quelli che sono stati affidati all’Agenzia della Riscossione tra il primo gennaio del 2000 e il 30 giugno del 2020.

Sono incluse anche le cartelle che non sono state notificate, i debiti già soggetti a una rateizzazione (o sospensione). Rientrano anche i debiti per i quali sono state chieste precedenti rottamazioni (anche se risultano decaduti per il mancato o tardivo versamento delle rate).

Nella Rottamazione Quater rientrano anche i carichi affidati alle casse o enti previdenziali. In questo caso però solo se l’ente ha adottato un provvedimento specifico entro il 31 gennaio 2023.

Come annullare le cartelle esattoriali: i debiti che non rientrano

Niente rottamazione per chi ha debiti affidati alla riscossione in un periodo precedente al primo gennaio del 2000 o successivo al 30 giugno 2022.

Dalla rottamazione sono stati esclusi anche i carichi che riguardano:

In questo quadro non rientrano dunque le multe, perché si tratta di sanzioni amministrative.

Come annullare le cartelle esattoriali con la rottamazione
Come annullare le cartelle esattoriali con la rottamazione

Come annullare le cartelle esattoriali: conclusione

Ribadiamo dunque quali sono i debiti che rientrano nella rottamazione (sempre nel periodo compreso tra il primo gennaio 2000 e il 30 giugno 2022):

Questi sono invece i debiti che non rientrano nella Rottamazione Quater:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp