Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Partite Iva / Partita Iva giovani: come aprirla e quanto costa?

Partita Iva giovani: come aprirla e quanto costa?

Partita Iva giovani. Scopri qual è la procedura per aprirla e quali sono i costi iniziali e quelli di gestione.

di Antonio Dello Iaco

Marzo 2022

Partita Iva giovani: sei interessato ad aprirla, ma non sai come fare e quanto costa? Ecco l’articolo giusto per te (Scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Come aprire la partita iva giovani

L’apertura di una partita Iva per giovani prevede le stesse modalità di quella ordinaria. I costi e le agevolazioni cambiano in base alla tipologia di lavoro svolto e non ai requisiti anagrafici. L’inquadramento fiscale infatti può essere di due tipi:

Se vuoi aprire una partita Iva giovani avendo una ditta individuale devi seguire la procedura ComUnica che approfondiremo in questo articolo.

Per quanto riguarda la partita Iva giovani come libero professionista invece, il passo è breve. È tutto gratuito. Dovrai solo presentare il “Modello AA9/12” all’Agenzia delle Entrate. Puoi farlo:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Aprire partita Iva giovani 2022: la “ComUnica”

Dopo aver visto come aprire una partita Iva giovani tramite il Modello AA9/12 dedicato ai liberi professionisti, scopriamo come funziona per le ditte individuali.

La procedura da seguire è la “ComUnica“. In questo caso è necessario svolgere dei passaggi più complessi.

Detta anche Comunicazione Unica d’Impresa, la ComUnica non è una semplice dichiarazione che viene fatta all’Agenzia delle Entrate. Vengono infatti informate anche le camere di commercio territoriali e l’Inps.

In questo modo ti ritroverai con una partita Iva e in più sarai inserito nel Registro delle Imprese, iscritto alla Gestione Commercianti e Artigiani per avere accesso ai servizi previdenziali e, in base al tipo di ditta, anche all’INAIL.

Questa dichiarazione dovrà essere accompagna dalla SCIA comunale che varia a seconda della tipologia di attività portate avanti.

Per presentare la ComUnica puoi affidarti al servizio telematico delle Camere di Commercio o in alternativa a un qualsiasi libero professionista che svolge questi servizi.

Partita Iva giovani: i costi di apertura

Partiamo subito dal presupposto che bisogna distinguere tra le spese di apertura e quelle di gestione di una partita Iva.

Come abbiamo visto i costi di apertura per i liberi professionisti non esistono. Per quanto riguarda le ditte individuali invece variano in base al libero professionista a cui scelgono di affidarsi.

Partita Iva giovani: i costi di gestione

Il costo di gestione di una partita Iva giovani è variabile e dipende da molti fattori. La tassazione infatti cambia in base a:

Chi sceglie il regime fiscale forfettario deve registrare un fatturato annuo inferiore ai 65mila euro (ha il beneficio di non pagare l’Iva) e ha un coefficiente di redditività fisso. Al momento del pagamento dei costi di gestione, dovrà scalare dal fatturato la percentuale già stabilita da questo coefficiente e pagare le tasse sulla quota restante.

L’aliquota può essere del 15 per cento o del 5 per cento (aliquota star-up che è accessibile solo rispettando dei requisiti abbastanza stringenti). Con il regime fiscale forfettario non si ha diritto ad altre detrazioni e altre agevolazioni.

Partita Iva giovani: costi di gestione
Partita Iva giovani: costi di gestione

Chi adotta invece il regime fiscale ordinario può superare il fatturato dei 65mila euro annui, deve pagare l’Iva e ha un coefficiente di redditività variabile. Le spese di gestione quindi non sono fisse.

Tuttavia può beneficiare di numerose agevolazioni fiscali e quindi scaricare spese e investimenti fatte con la propria attività.

Regime fiscaleCoefficiente
di redditività
IVADetrazioni
e agevolazioni
Tassazione
ForfettarioFissoNoNoFissa (15 o 5 per cento)
OrdinarioVariabileVariabile in base
al coefficiente
La tabella sui costi di una partita Iva giovani

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp