Come aprire una azienda agricola: quello che devi sapere

Come aprire una azienda agricola: dal progetto, al business plan, alla ricerca di finanziamenti pubblici o privati, tutto per avviare un'impresa. La base di partenza è avere idee chiare, ma anche la determinazione necessaria per portare avanti il progetto. Come concretizzare un'idea? Tutti i passaggi necessari.

6' di lettura

Come aprire un’azienda agricola? Ma soprattutto perché e con quali obiettivi. Il settore è in crescita in Italia e può rappresentare una opportunità importante per lo sviluppo e l’occupazione nella Penisola.

C’è il mercato, ci sono le prospettive, ci sono le competenze. Un mix di elementi che stanno spingendo molti giovani a puntare sull’agricoltura. Ma se qualcuno pensa ai vecchi contadini, è ovvio che si sta sbagliando.

La digitalizzazione è entrata in modo prepotente anche in questo settore. Con tutti i vantaggi e l’innovazione che ne consegue.

Ma, torniamo al dunque, come aprire un’azienda agricola?

Come aprire una azienda agricola: tradizionale o multifunzionale

Prima di ogni altra cosa è opportuno avere idee chiare. Nella fase iniziale bisogna scegliere una strada. Si vuole diventare imprenditore agricolo di tipo tradizionale, ossia specializzato in una singola produzione, o multifunzionale?

La differenza è consistente, anche dal punto di vista normativo.

Ma avere le idee chiare non su come aprire una azienda agricola ma sul perché, cioè con quale scopo, è fondamentale. Perché la successiva strategia dipende da quello che si intende fare.

Le strade sono tante: innovazione, vendita diretta, reti, qualità, agroenergie, agriturismo, fattoria didattica e tanto altro ancora.

E quindi, prima di tutto, su come aprire una azienda agricola, idee chiare. Obiettivi precisi.

Come aprire una azienda agricola: 5 punti fondamentali

Come aprire una azienda agricola. La Coldiretti qualche anno fa segnalava questi punti principali da chiarire prima di avviare concretamente una azienda agricola.

Ve li proponiamo, restano validi e sono sovrapponibili a qualsiasi altra attività imprenditoriale.

Quindi prima di partire analizzate tutti questi aspetti:

  • capitale umano: competenze professionali, la scelta del modello gestionale e la forma giuridica;
  • capitale fisico: le dimensioni dell’azienda, gli immobili disponibili e quelli da acquistare, macchine e attrezzature;
  • offerta: massa critica, differenziazione dei prodotti e attività, qualità e diversificazione;
  • mercato: i canali di vendita possibili, la promozione, il marketing;
  • performance economica: redditività dell’impresa e tutti i costi di gestione.

Come aprire una azienda agricola: componenti esterne

Avere un’idea precisa di tutti questi aspetti consente già di far partire il progetto su basi più solide.

Ma bisogna anche valutare le componenti esterne. Se si sottovaluta questo punto si rischia di scontrarsi con problemi che potrebbero frenare in maniera determinante lo sviluppo futuro dell’impresa. E quindi prestate attenzione anche a questi che sono tutt’altro che dettagli:

  • istituzionale: studiare bene la normativa di riferimento, informarsi sull’esistenza di reti formalizzate come i consorzi, le cooperative, le strade del vino e così via…
  • territoriale: la dotazione di infrastrutture materiali e immateriali (digitali), verificate anche la presenza e la disponibilità di servizi alle imprese agricole;
  • commerciale: i canali distributivi locali e l’analisi della domanda e dell’offerta;
  • competitivo: le strutture della concorrenza e il grado di concentrazione dell’offerta (verificate cioè se il mercato a cui puntate è saturo e anche “misurate” il livello della vostra eventuale concorrenza).

Analizzati tutti questi aspetti, con i pro, i contro e le soluzioni eventuali, siete già un passo oltre per formare una impresa agricola che aspiri ad avere successo.

Ora però si passa a una fase cruciale, la trasformazione dell’idea in un progetto di sviluppo imprenditoriale. La prima cosa da fare è quella di individuare le risorse e le strategie.

Come aprire una azienda agricola: il business plan

Come aprire una azienda agricola. Adesso l’idea ha assunto la forma di un progetto. Diventa più concreta, ma per renderla attuabile è necessario lo studio di fattibilità. È il momento di rivolgersi a qualche professionista. Bisogna infatti redigere un business plan.

Serve sia a conferire credibilità al progetto sia a consentire una richiesta di finanziamento, sia pubblico sia privato.

Nel business plan devono essere analizzate:

  • situazione di partenza
  • progetto di sviluppo
  • situazione post investimento

Come aprire un’azienda agricola: finanziamenti pubblici

Con il piano economico e finanziario pronto sarà anche possibile la ricerca dei finanziamenti.

Le possibilità sono svariate:

il subentro (favorisce il ricambio generazionale e mette e disposizione dei giovani agricoltori che subentrano una serie di agevolazioni e incentivi. Tra i requisiti richiesti c’è anche questo: l’azienda deve essere più vecchia della persona che subentra);

  • il premio primo insediamento
  • il piano di sviluppo rurale

per l’acquisto di un terreno c’è la possibilità di richiedere un mutuo con Ismea

Bisogna verificare anche l’esistenza di fondi europei senza contare il nuovo piano di sviluppo immaginato per l’Italia post covid. Comunque, le opportunità ci sono.

E proprio per questi motivi, e dopo aver individuato il tipo di finanziamento agevolato, è indispensabile leggere con attenzione il bando, anche per accertarsi di avere tutti i requisiti oggettivi e soggettivi per rientrare in quel tipo di misura.

Come aprire un’azienda agricola: i tempi

Dopo che avrete verificato tutte queste condizioni siete a un passo dal rispondere alla domanda, come aprire una azienda agricola?

Ora infatti è arrivato il momento di raccogliere tutto il lavoro di analisi che è stato fatto e presentare una domanda per accedere a un finanziamento pubblico. Prima di procedere, la Coldiretti consiglia di affidarsi all’assistenza di un CAA (Centro autorizzato di assistenza agricola), con la consulenza di un professionista per tutta la parte tecnica.

Avete fatto un gran lavoro, sviluppato un business plan, meglio non rischiare di sbagliare.

Se fate affidamento a un finanziamento pubblico non dovete però ignorare i tempi: le procedure sono lunghe. In genere l’iter per l’approvazione dura 275 giorni e l’erogazione del contributo varia tra i 18 e i 24 mesi.

Come aprire una azienda agricola: finanziamenti privati

La strada alternativa è la richiesta di finanziamento privato. Anche in quel caso ci sono pacchetti di agevolazioni. Sono messi a disposizione di CreditAgri, sarebbe opportuno chiedere la consulenza dell’istituto per valutare i prodotti finanziari che meglio si adattano alle vostre esigenze.

Quando sarete riusciti a completare tutti questi passaggi (sono complessi, non impossibili: si può fare), bisogna realizzare in concreto il progetto che avete strutturato. A quel punto spetta a voi dimostrare di avere la preparazione necessaria e le capacità imprenditoriali per trasformare l’idea e il progetto in un’azienda produttiva.

Torniamo infine al come aprire una azienda agricola. Non è una passeggiata dunque. Ma i passaggi che abbiamo descritto sono necessari per evitare di andare incontro a delusioni. Sono comunque tutte operazioni possibili. L’importante è anche la base di partenza: dovete avere idee chiare.

Per le news e i video di TheWam segui questi link:

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie