Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro domestico / Come assumere una baby sitter e quanto guadagna

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: con il contratto nazionale di lavoro (per prestazioni continuative) o il libretto di famiglia (se saltuarie).

di The Wam

Novembre 2021

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna. Come sapete i lavoratori domestici hanno tutti un contratto nazionale di lavoro. Quando si ritiene di averne bisogno sarebbe opportuno ricordarsene. In caso contrario si rischiano delle sanzioni, anche gravi. Ma come vedremo ci sono delle alternative, come il libretto di famiglia.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: il contratto

Un contratto nazionale di lavoro significa che ci sono orari, compensi, modalità di avvio e di cessazione del lavoro.

Il contratto può essere importante in particolare se il servizio non viene richiesto una tantum, ma è stabile, continuativo, soggetto a giorni e orari precisi. Oltretutto chi resta nelle regole, oltre a essere più sicuro, può anche dedurre una parte dei costi dal reddito complessivo.

Ci riferiamo soprattutto a quelle famiglie che hanno bisogno di una baby sitter per almeno quattro ore al giorno. Il che significa che le baby sitter lavorano in forma continuativa e prevalente.

Ovviamente, come accennato, l’assunzione non è l’unica strada. La lavoratrice potrebbe anche essere “autonoma” e rilasciare una fattura o essere una cosiddetta collaboratrice saltuaria.

In questi casi si può ricorrere al libretto di famiglia o al voucher baby sitting.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: i diritti della baby sitter

L’assunzione è ovviamente vantaggiosa per la baby sitter:

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: le deduzioni fiscali

Il datore di lavoro evita invece possibili sanzioni e ottiene delle agevolazioni fiscali. Si possono infatti dedurre dal reddito complessivo Irpef i contributi previdenziali e assistenziali. L’importo massimo deducibile è di 1.549,37 euro.

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: costo orario

Ora vediamo quando guadagna una baby sitter che viene assunta come dipendente.

Come detto le baby sitter sono inquadrate con il contratto di lavoro che regola il lavoro domestico, nel livello A super.

Si tratta quindi di una tipologia di lavoratori non addetti all’assistenza di persone.

I minimi tabellari per questa funzione (vengono incrementati di anno in anno e adeguati al costo della vita), sono di 7,69 euro l’ora.

Ma il totale della retribuzione contempla anche altre voci:

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: le ferie

Una baby sitter con contratto di assunzione avrà diritto alle ferie (in un anno si maturano 26 giorni), all’indennità di malattia e a un determinato numero di permessi (oltre al congedo matrimoniale e alla maternità)..

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: orario di lavoro e straordinari

L’orario di lavoro della baby sitter viene concordato con il datore di lavoro. Non può superare le 8 ore (10, se non sono consecutive) giornaliere e 40 ore settimanali da distribuire in 5, 6 giorni.

Se capita di fare degli straordinari (da richiedere con un giorno di anticipo, a meno di una improvvisa emergenza), i compensi vengono calcolati così:

Questa maggiorazione viene calcolata sulla retribuzione complessiva.

Come assumere una baby sitter e quanto guadagna: il libretto di famiglia

Le baby sitter che lavorano in modo occasionale e autonomo (non sono cioè dipendenti con contratto subordinato), possono essere pagate con il libretto di famiglia.

Cos’è il libretto di famiglia?

È uno strumento telematico, disponibile sul sito Inps (e raggiungibile nella sezione Prestazioni Occasionali), già in uso per le prestazioni occasionali dei collaboratori domestici. Possono essere usati dai datori di lavoro che non sono imprese o professionisti.

Possono essere utilizzati per retribuire le baby sitter, certo, ma anche altri servizi (servizi domestici e di assistenza, ripetizioni private e così via), l’importante è che siano saltuari.

Il libretto di famiglia è composto da titoli di pagamento, con un valore nominale di 10 euro.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp