Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno di inclusione » Bonus e Incentivi / Assegno di inclusione domanda: come controllarla

Assegno di inclusione domanda: come controllarla

Ecco come controllare la domanda di Assegno di inclusione, perché in alcuni casi è respinta e come si usa la Carta di inclusione.

di Romina Cardia

Febbraio 2024

In questo approfondimento chiariamo come controllare la domanda di Assegno di inclusione (scopri le ultime notizie sul Rdc e sui bonus attivi in italia. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Come controllare la domanda di Assegno di inclusione

Dal 18 Dicembre 2023 è possibile richiedere il nuovo aiuto economico chiamato Assegno di Inclusione.

Questo sostegno è destinato a coloro che hanno figli minori, persone con disabilità, sessantenni e individui in condizioni svantaggiate nel nucleo familiare.

Il pagamento dell’Assegno di inclusione avviene tramite una carta prepagata, da ritirare presso l’ufficio postale dopo aver ricevuto una notifica via SMS o email da INPSComunica. Al primo ritiro, l’importo sarà già disponibile sulla carta.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno di Inclusione 2024 con risposte a oltre 100 domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Per verificare lo stato della richiesta dell’Assegno di Inclusione, è necessario avere le credenziali INPS (Spid, Carta d’identità elettronica o Carta nazionale dei servizi).

Accedendo al servizio online INPS “Assegno di Inclusione” e inserendo le proprie credenziali, si potrà accedere all’area personale.

All’interno dell’area personale, cliccando su “Accedi alla domanda” nella sezione “Gestione della Domanda“, sarà possibile visualizzare lo stato della richiesta:

Cliccando sulla ‘i‘ relativa allo stato della domanda, si potranno consultare diversi dettagli, tra cui:

Questo processo consente ai beneficiari di monitorare in modo trasparente l’avanzamento della richiesta dell’Assegno di Inclusione e di avere accesso a informazioni dettagliate sull’erogazione del sostegno economico.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Domanda Assegno di inclusione respinta: perché?

L’Assegno di Inclusione può essere respinto solo se non si rispettano i requisiti stabiliti dalla legge.

Questi requisiti includono la residenza anagrafica, il possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo, il superamento dei limiti ISEE, la mancata comunicazione dell’inizio lavorativo di un componente familiare o le dimissioni volontarie di un componente nei 12 mesi precedenti.

La principale ragione del rifiuto della domanda riguarda spesso la mancanza dei requisiti ISEE, che si basa principalmente sul reddito di tutti i membri della famiglia. Per l’ISEE 2024, si guardano i redditi dell’anno 2022.

È fondamentale verificare non solo l’attestazione Isee, ma anche il quadro FC8 della dichiarazione DSU di tutti i membri della famiglia:

La pratica potrebbe essere sospesa anche in caso di assenza alla convocazione ai servizi sociali, al Centro per l’impiego o per la mancata partecipazione ai progetti di utilità sociale.

In sintesi, per ottenere l’approvazione dell’Assegno di Inclusione, è cruciale rispettare i requisiti legali e assicurarsi di soddisfare i criteri ISEE. La partecipazione a convocazioni e progetti sociali è altrettanto importante per evitare la sospensione della pratica.

Assegno di inclusione e figli maggiorenni single: come funziona? Scopriamolo insieme.

Cosa fare se la domanda per l’Assegno di inclusione è stata respinta

Se la tua richiesta all’INPS è stata rifiutata, è importante esaminare attentamente le ragioni fornite dall’ente.

Potrebbe essere necessario presentare nuovamente la richiesta correggendo eventuali errori o riesaminando i criteri di idoneità.

In ogni caso, è consigliabile scrivere al servizio online “INPS Risponde“, specificando il numero della tua richiesta ADI.

Prima di tutto, è fondamentale verificare l’attestazione ISEE 2024 per assicurarsi che soddisfi tutti i requisiti stabiliti dalla legge. Se, in questo caso, i redditi rientrano nei limiti (calcolati moltiplicando 6000 per la scala di equivalenza), sarà necessario presentare una nuova richiesta.

Controlla anche il quadro FC8 della Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE, insieme ai documenti fiscali come il modello 730 e il CU di tutti i membri della famiglia, dove sono indicati i redditi.

come controllare la domanda di Assegno di inclusione
Come controllare la domanda di Assegno di inclusione. Nella foto: una famiglia davanti a un computer.

Come si usa la Carta di inclusione

La Carta di inclusione ti offre la possibilità di pagare facilmente beni essenziali, bollette, affitto e la rata del mutuo per la tua casa. Puoi ritirarla presso gli Uffici postali e usarla per le tue necessità quotidiane.

Tuttavia, ci sono alcune restrizioni. Con questa carta, non è consentito pagare giochi d’azzardo, sigarette (inclusi quelli elettroniche) o prodotti correlati al tabacco, giochi pirotecnici, alcolici, navi e imbarcazioni da diporto, servizi portuali, armi, materiale pornografico, beni e servizi per adulti, servizi finanziari e creditizi, trasferimento di denaro, servizi assicurativi, gioielli, pellicce, acquisti in gallerie d’arte e in club privati.

Se ritiri una sola carta, puoi prelevare fino a 100 euro, moltiplicati per la scala di equivalenza. Al momento, non c’è alcuna penalità se l’importo non viene speso entro il mese successivo al ritiro della carta.

FAQ sulla domanda per l’Assegno di inclusione

Cosa fare se la domanda per l’Assegno di inclusione è stata accolta?

Se la domanda di Assegno di inclusione è stata accolta bisogna recarsi in qualunque ufficio postale, dal 26 gennaio 2024, con un SMS o un’email dell’INPS che attesta l’approvazione della richiesta e un documento di riconoscimento. In caso di esito positivo e in assenza di SMS o email, consigliamo di presentarsi in Posta con il numero di protocollo della domanda accolta e un documento di riconoscimento valido.

Quali sono i requisiti per ricevere l’Assegno di inclusione?

L’Assegno di inclusione spetta alle famiglie che hanno al loro interno:

Per richiedere all’Assegno di inclusione si devono soddisfare anche dei requisiti economici, di cittadinanza, residenza e soggiorno.

Requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno

Requisiti economici e patrimoniali

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno di inclusione:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp