Aspirina e Aulin, come curare il coronavirus a casa

Come curare il coronavirus a casa: è stato studiato e valutato un protocollo per affrontare i primi sintomi dell'infezione con Aspirina, Aulin e nel caso cortisone. È stato studiato e sperimentato da un gruppo di medici di Bergamo ed ha ridotto i tempi di guarigione e i ricoveri in ospedale. Un sistema che rimette al centro il medico di famiglia ed evita di affollare le strutture sanitarie.

4' di lettura

C’è un protocollo chiaro per iniziare a curare il coronavirus a casa. L’Istituto Mario Negri lo ha elaborato nel novembre scorso e supera e innova quello che è invece in circolazione da tempo ed è raccomandato dall’Istituto Superiore di Sanità. È un protocollo che può anche ridurre i casi gravi e i ricoveri in ospedale. Questo protocollo deve essere adottato subito, anche prima di avere l’esito del tampone. Vi spiegheremo perché.

Qui trovi tutte le notizie su covid, vaccinazioni e ordinanze

Avviare subito la cura del coronavirus a casa, prima che il tampone confermi l’infezione o anche immediatamente dopo, significa impedire al virus di moltiplicarsi. Cosa che avviene soprattutto nei primi 7, 10 giorni.

Come curare il coronavirus a casa

Niente tachipipirina, naturalmente, ma aspirina. E in caso di dolori il buon vecchio Aulin. Con questo approccio – come scrive il Corriere della Sera – «si sdoganano i farmaci infiammatori», che vengono usati subito.

Se il caso diventa più serio, con il supporto del vostro medico di fiducia, si passa all’uso di cortisone. Un farmaco, che nella prima ondata del coronavirus – quando si era ancora capito poco sia del virus, sia di come affrontarlo – era stato quasi bandito. E come oggi si rivela invece utile per curare il coronavirus da casa, anche quando i sintomi diventano più seri.

I risultati dello studio

Questo protocollo era stato testato da una trentina di medici di famiglia su 500 pazienti. A metterlo a punto è stato Freddy Suter, che per 12 anni è stato primario di Malattie Infettive nell’ospedale bergamasco “Papa Giovanni XXIII”, insieme a lui anche altri specialisti. Ma nonostante le 500 persone testate i dati erano ancora insufficienti per elaborare un vero e approfondito studio. Ora quei dati sono arrivati. Lo studio ha confrontato novanta pazienti trattati subito con Aspirina, Aulin e, nel caso, cortisone, e altri 90 che hanno ricevuto altre terapie. I due gruppi sono sovrapponibili per età, sesso e presenza di altre patologie.

Riduce i ricoveri in ospedale

Il metodo messo a punto dai medici di Bergamo non è miracoloso (chiaro), ma riduce i tempi di guarigione dai sintomi più frequenti dell’infezione da coronavirus: febbre e dolori muscolari e articolari. 18 giorni contro 14.

Anche gli altri segni tipici dell’infezione da covid (perdita di olfatto e affaticamento), sono durati molto di meno tra i pazienti che hanno curato a casa il coronavirus con aspirina e Aulin.

I farmaci biologicici sono compatibili con il vaccino Covid?

Ma il punto vero, quello determinante, è soprattutto un altro: su 90 persone solo due tra quelle che hanno adottato il protocollo di cure a casa sono finite il ospedale (2.2%), contro le 13 (14.4%), dell’altro gruppo.

Se è la sindrome infiammatoria la strada che conduce i pazienti coronavirus in ospedale, prevenirla significa evitare gran parte di quei ricoveri (e di conseguenza problemi di gestione nelle strutture sanitarie), e abbassare la percentuale di infezioni gravi, che possono avere anche un esito letale.

Il ruolo dei medici di famiglia

Con questo protocollo – come scrive il Corriere della Sera – c’è anche il «coinvolgimento dei medici di famiglia, che diventano così l’autorità di riferimento in questa corsa alla guarigione evitando l’ospedale».

Basta poco, dunque. Consultate il medico di famiglia: e se avete il dubbio di essere stati infettati, e in attesa del tampone, non aspettate, iniziate subito, secondo le sue indicazioni, a curarvi. Se risulterete positivi avrete iniziato a contrastare la diffusione del coronavirus nel vostro organismo prima che faccia troppi danni. E magari eviterete così danni più seri e un eventuale ricovero in ospedale. Curare a casa il coronavirus è possibile, anche con farmaci che spesso sono già in tutti gli armadietti dei medicinali.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie