Come diventare procuratore sportivo: requisiti e guadagni

Come diventare procuratore sportivo? Scopriamo insieme quali sono i requisiti per essere un buon agente e come si svolge la prova di abilitazione.

3' di lettura

Come diventare procuratore sportivo? Cosa fa e quanto guadagna un professionista che opera in questo campo?

Proveremo a rispondere alle domande con questo articolo, illustrando gli step da seguire per intraprendere una carriera da procuratore sportivo.

(Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

INDICE

Cosa fa un procuratore sportivo?

Prima di tutto iniziamo col rispondere alla domanda: cosa fa un procuratore sportivo?

Semplice: gestisce gli atleti che fanno parte della sua “scuderia”, cura gli aspetti commerciali e legali della loro carriera e li aiuta a scegliere le destinazioni migliori trasferendoli da una società all’altra.

È una figura molto importante, presente in diverse federazioni sportive, tra cui il calcio, la pallacanestro e il volley.

Come diventare procuratore sportivo: requisiti, test e guadagni

Diventare un buon procuratore sportivo richiede soprattutto una certa dimestichezza con il diritto e l’essere brillante in sede di contrattazione per permettere al proprio assistito di acquisire vantaggi economici, bonus e altre soluzioni per migliorare la carriera.

Un procuratore sportivo che si rispetti deve avere ottimi rapporti con le società e la federazione di riferimento, deve conoscere le lingue e informarsi nulle novità giuridiche.

Come diventare procuratore sportivo? Requisiti

Diversi sono i requisiti da possedere per intraprendere la carriera da procuratore sportivo.

L’accesso alla professione è cambiato con la Legge di Bilancio del 2018 che ha reintrodotto l’esame di abilitazione cancellato tre anni prima.

L’albo dei procuratori sportivi è sotto la competenza del CONI, che indice il test selettivo, mentre la prova di abilitazione è indetta dalla federazione di appartenenza (FIGC, FIP, FIV).

Nel test saranno presenti domande di Economia, Scienze Economiche e Giurisprudenza. Appare quasi d’obbligo, quindi, possedere conoscenze in materia o una Laurea conseguita in una di queste facoltà.

Come diventare procuratore sportivo: test di abilitazione, in cosa consiste?

Un avvocato, per esempio, per operare nel campo della procura sportiva, non ha bisogno di essere iscritto all’albo della federazione di riferimento, essendo già iscritto a quello degli avvocati.

Altrimenti, basta essere in possesso del diploma di maturità e di altri requisiti quali:

  • Nazionalità italiana o di un altro Paese dell’Unione Europea

  • Diritti politici e civili

  • Fedina penale pulita

  • Essere iscritti al registro dei procuratori sportivi

  • Non essere tesserato CONI, allenatore, calciatore o dirigente sportivo

Si possono anche seguire dei corsi per procuratore sportivo o conseguire uno o più master post-laurea in materia.

In ogni caso bisogna avere una certa padronanza con il diritto penale, civile e commerciale, essere un appassionato di sport e conoscerne i regolamenti. Spesso un atleta sceglie come procuratore un avvocato o un esperto di diritto.

Come diventare procuratore sportivo: abilitazione e guadagni

L’esame per diventare procuratore sportivo si svolge presso la sede del CONI e prevede una prova scritta (composta da 30 domande a risposta multipla) e una prova orale.

La procura di un calciatore dura un paio d’anni, ma può essere prorogata più a lungo. La retribuzione varia in base al contratto e alle categorie sportive.

Il procuratore di un calciatore guadagna fino al 3% del compenso lordo percepito dal suo assistito, ma può intascare anche bonus, incentivi e commissioni che variano in base alla popolarità dello sportivo di riferimento e alla categoria di appartenenza.

Potrebbero interessarti anche:

Come diventare arbitro di calcio: esami e requisiti

Stipendio Ronaldo: ecco quanto guadagna CR7

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie