Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Come e dove si fa la domanda per l’assegno sociale

Come e dove si fa la domanda per l’assegno sociale

Dove si fa la domanda per l'assegno sociale? Ecco cos'è l'assegno sociale, a chi spetta, quali requisiti possedere e come e dove presentare la domanda per ottenerlo.

di Carmine Roca

Ottobre 2022

Come e dove si fa la domanda per l’assegno sociale? Ne parliamo in questo approfondimento sulla prestazione economica (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Dove si fa la domanda per l’assegno sociale: cos’è l’assegno sociale?

Come e dove si fa la domanda per l’assegno sociale? Prima di rispondere, andiamo prima a vedere cosa si intende per assegno sociale.

L’assegno sociale è una prestazione economica di tipo assistenziale che l’INPS eroga a domanda a chi, residente in Italia, vive in condizioni economiche difficili e con redditi inferiori alle soglie previste dalla legge.

Possono richiedere e ottenere l’assegno sociale i cittadini italiani, quelli comunitari iscritti all’anagrafe del comune di residenza, i cittadini extracomunitari familiari di un cittadino comunitario e i cittadini extracomunitari titolari di regolare permesso di soggiorno di lungo periodo.

Spetta pure ai cittadini stranieri o apolidi titolari dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria. L’assegno sociale non è reversibile ai superstiti.

Scopri la pagina dedicata a tutti i tipi di pensioni, sociali e previdenziali.

Nel 2022 l’importo dell’assegno sociale è stato portato a 468,28 euro al mese, per 13 mensilità, ma a ottobre 2022, per effetto della rivalutazione anticipata del 2% voluta dal Governo Draghi, l’importo è salito di 9,36 euro, arrivando a 477,64 euro.

La misura spetta per intero ai soggetti non coniugati che non possiedono alcun reddito o ai soggetti coniugati con un reddito familiare inferiore a 12.175,28 euro annui (ma anche questo limite è destinato a salire per effetto della rivalutazione).

L’assegno spetta in misura ridotta ai soggetti non coniugati con un reddito inferiore all’importo annuo dell’assegno (6.087,24 euro) e ai soggetti coniugati che posseggono un reddito familiare compreso tra i 6.087,24 euro e i 12.175,28 euro annui.

Oltre queste soglie (6.087,24 euro e 12.175,28 euro) l’assegno sociale non spetta. Inoltre la misura non è soggetta a trattenute IRPEF.

Questi sono i redditi che partecipano al computo totale:

Ai fini dell’attribuzione non si computano:

Nei prossimi paragrafi vedremo come e dove si fa la domanda per l’assegno sociale.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come e dove si fa domanda per l’assegno sociale?

Come e dove si fa domanda per l’assegno sociale? La domanda per richiedere l’assegno sociale può essere inviata, in modalità telematica, all’INPS, accedendo al sito dell’istituto con una delle credenziali personali in vostro possesso (SPID, CIE o CNS).

Le alternative sono: telefonare al contact center dell’istituto, al numero 803164 da rete fissa (gratuito) o allo 06 164164 da rete mobile (a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico). Oppure si può chiedere aiuto a un patronato o a un intermediario dell’INPS.

Dove si fa la domanda per l’assegno sociale. Alla domanda per l’assegno sociale devono essere allegate:

Ricordiamo che se il titolare dell’assegno sociale dovesse essere ricoverato in un istituto a spese dello Stato, la misura verrà ridotta:

Dove si fa la domanda per l’assegno sociale? La domanda di assegno sociale può essere rigettata dall’INPS, ma è possibile produrre ricorso al Comitato provinciale dell’istituto entro 90 giorni dalla data di ricezione della comunicazione del rigetto della domanda.

Dove si fa la domanda per l'assegno sociale
Dove si fa la domanda per l’assegno sociale?

Dove si fa la domanda per l’assegno sociale: assegno sociale sospeso o revocato, quando?

Dove si fa la domanda per l’assegno sociale. L’assegno sociale non dura per sempre. In alcuni casi si può rischiare la revoca della misura. Uno di questi motivi riguarda un eventuale soggiorno all’estero del titolare, per un lungo periodo (superiore a 29 giorni). In quel caso la misura viene prima sospesa e dopo un anno, se non ci si mette in regola, revocata.

L’assegno sociale viene revocato anche quando il titolare, in un successivo momento, matura il diritto alla pensione. Ad esempio può accadere a chi accede alla pensione di vecchiaia a 68 o 69 anni oppure a chi ricorre alla pensione di vecchiaia contributiva (71 anni e 5 anni di contributi).

Ma l’assegno sociale può essere revocato anche quando viene a mancare il requisito economico. Ecco perché ogni anno, i titolari della misura devono presentare un modello RED aggiornato all’INPS. Con questo documento si attestano i redditi del beneficiario e si verificano eventuali modifiche o superamenti delle soglie reddituali previste dalla legge.

Chi non presenta il modello RED entro i tempi indicati subirà, ugualmente, la revoca della misura. Nei primi 60 giorni dopo la mancata consegna del documento, l’INPS provvederà a sospendere il beneficio; oltre i 60 giorni di attesa farà decadere l’assegno sociale e per riottenerlo sarà necessario presentare una nuova domanda.

Dove si fa la domanda per l’assegno sociale e non solo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp