Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro / Come lavorare nelle forze dell’ordine: requisiti e stipendi

Come lavorare nelle forze dell’ordine: requisiti e stipendi

Come lavorare nelle forze dell'ordine. Scopri le modalità previste, i requisiti da rispettare e il valore degli stipendi

di Antonio Dello Iaco

Gennaio 2023

Come lavorare nelle forze dell’ordine? Per entrare nell’arma è necessario superare degli appositi concorsi che vengono banditi ogni anno dai ministeri di riferimento. Esistono però diversi metodi che prevedono età e titoli di studio di accesso differenti (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Gli esami da superare variano in base alla tipologia di forza dell’ordine che vuoi diventare e di norma si articolano in prove fisiche, pratiche e psico attitudinali.

Indice:

Come lavorare nelle forze dell’ordine: serve il concorso

Per lavorare nelle forze dell’ordine è necessario superare un concorso appositamente bandito dai ministeri di competenza e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

I concorsi ufficiali, banditi e pubblicizzati sulla Gazzetta, li puoi trovare visitando il sito gazzettaufficiale.it e approfondendo la sezione “4ª Serie Speciale – Concorsi ed Esami“. Molti bandi li puoi consultare anche tramite il sito concorsi.difesa.it, gestito dal Ministero della Difesa. In particolare questa tipologia di selezione serve per accedere alle seguenti forze armate e di polizia:

Tutti i bandi vengono gestiti a livello ministeriale e quindi sono di tipo nazionale. Solo per quanto riguarda i concorsi per entrare nella Polizia locale le selezioni vengono seguite dall’ente che è alla ricerca dei nuovi dipendenti.

Esistono diversi metodi per lavorare nelle forze dell’ordine tramite concorso e in particolare:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Concorsi Forze Armate e Polizia: come prepararsi e superarli

Come lavorare nelle forze dell’ordine: i requisiti da rispettare

I requisiti da rispettare per partecipare ai vari concorsi per lavorare nelle forze dell’ordine cambiano a seconda della tipologia di accesso che scegli di perseguire. È il caso dei parametri anagrafici. A seconda del tipo di arruolamento che scegli infatti, devi rispettare determinati range di età.

Ci sono poi dei requisiti generali che tutti devono rispettare, pena la non possibilità di partecipare al concorso, come:

Anche i titoli di studio da possedere variano come i criteri anagrafici. Ci sono concorsi per i quali è necessaria solo la licenza media e altri dove è richiesto il diploma di maturità o la laurea.

Come lavorare nelle forze dell’ordine: la retribuzione

La retribuzione delle forze dell’ordine varia a seconda della tipologia di corpo al quale appartieni. Inoltre a gravare sull’importanza dello stipendio c’è il ruolo occupato, l’anzianità di servizio e gli eventuali straordinari o turni notturni.

Ciascuna delle forze armate e di polizia fan riferimento a un contratto collettivo nazionale differente. Quello della Polizia di Stato è stato rinnovato nel 2023 e ha previsto l’introduzione di aumenti medi pari a 95 euro lordi al mese.

Come lavorare nelle forze dell’ordine tramite scuole e accademie

La normativa italiana prevede l’istituzione di alcuni posti riservati all’interno di ogni concorso nazionale per entrare nelle forze dell’ordine.

Queste posizioni sono riservate a chi, tra i 15 e i 17 anni, ha deciso di arruolarsi presso una scuola militare delle forze armate.

La durata di questo percorso formativo è fino al conseguimento del diploma di maturità. Successivamente ogni candidato può scegliere se proseguire o meno gli studi iscrivendosi a un corso di laurea oppure se concorrere per l’ammissione in un’accademia militare.

Ed è proprio per i concorsi dedicati all’accesso nelle accademie militari che coloro che hanno frequentato una scuola militare per le forze armate hanno dei posti riservati.

Le accademie consentono, a chi riesce ad accedere, di ottenere una formazione di base come ufficiali dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dell’Arma dei carabinieri e di continuare gli studi. Di fatto si entra ricoprendo il ruolo di allievo ufficiale. Dopo aver seguito il percorso accademico poi, si esce dall’accademia con il ruolo di tenente e con una laurea riconosciuta dal MIUR.

Chiariamo che per iniziare un percorso formativo presso un’accademia, non è necessario aver studiato presso una scuola militare. Puoi infatti tranquillamente provare le selezioni come civile. In questo caso però non potrai beneficiare dei posti riservati. I requisiti da rispettare sono:

Come lavorare nelle forze dell’ordine nel ruolo di volontari VFP

L’obbligo di leva in Italia è stato sospeso a partire dal 1° gennaio 2005 con la legge 226 del 2004. L’arruolamento nelle forze armate avviene quindi in maniera volontaria.

Tuttavia esiste una modalità di accesso nel mondo delle forze dell’ordine che prevede proprio l’arruolamento volontario in ferma prefissata. Stiamo parlando dei cosiddetti VFP.

Superando un apposito concorso che puoi trovare sempre sulla Gazzetta Ufficiale all’atto della pubblicazione, puoi arruolarti nell’Esercito italiano, nella Marina o nella Aereonautica miliare come VFP1 (volontario in ferma prefissata per un anno).

Dopo aver superato la giusta formazione e aver appreso quanto previsto dalla normativa, puoi proseguire la tua carriera militare superando un concorso per VFP4 (volontario in ferma prefissata per quattro anni).

Successivamente puoi ottenere la così chiamata “possibilità di rafferma” e quindi puoi concorrere all’ottenimento della posizione di VSP (volontario in servizio permanente).

Per arruolarsi come VFP è necessario avere la licenza media (diploma di scuola secondaria di primo grado) e avere tra i 18 e i 25 anni non compiuti.

Come lavorare nelle forze dell’ordine nel ruolo di atleti

Sempre tramite concorso puoi lavorare nelle forze dell’ordine nel ruolo di atleti. Le forze armate e di polizia hanno infatti dei gruppi sportivi affiliati.

È il caso delle Fiamme Oro della Polizia di Stato o del Centro sportivo Carabinieri. Ogni anno queste organizzazioni competono a livello agonistico, anche a gare mondiali come le olimpiadi. Gianmarco Tamberi e Marcell Jacobs, per esempio, fanno parte delle Fiamme Oro della Polizia di Stato e hanno vinto diverse medaglie alle competizioni di Tokyo 2020.

Accedere a questi gruppi sportivi è più complicato. Ogni anno infatti vengono banditi degli appositi concorsi riservati ai migliori atleti italiani.

Vincendo queste selezioni potranno arruolarsi nei gruppi sportivi e contare sul supporto delle forze dell’ordine nel raggiungimento di grandi traguardi nelle proprie discipline.

Scopri la pagina dedicata alle offerte di lavoro e ai diritti dei lavoratori.

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp