Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Come non pagare la Siae e quando è possibile: esempi

Come non pagare la Siae e quando è possibile: esempi

Come non pagare la Siae? Ci sono due modi per non pagare la tassa sui diritti d'autore. Vediamoli insieme.

di Carmine Roca

Marzo 2023

Come non pagare la Siae e quando è possibile? Ecco alcuni esempi (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Come non pagare la Siae? Casi possibili

Quando si organizzano eventi, feste o celebrazioni in luoghi pubblici o quando si utilizza musica di sottofondo negli esercizi commerciali, come bar, ristoranti, negozi e centri benessere è obbligatorio pagare la Siae, la società che tutela i diritti d’autore in Italia.

Solo in due casi è possibile non pagare la Siae:

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come non pagare la Siae: licenze CC

Come non pagare la Siae? Ad esempio ricorrendo alle piattaforme con licenza Creative Commons (licenze CC), un’organizzazione senza scopo di lucro, fondata negli Stati Uniti, che ha una vasta gamma di opere utilizzabili in luoghi pubblici, non soggette al pagamento della Siae.

Chi volesse diffondere musica in un locale o suonare in pubblico senza pagare la Siae, può attingere dall’elenco delle opere condivisibili dell’organizzazione statunitense.

Le licenze prevedono soltanto alcuni diritti di utilizzo e non seguono la regola del copyright sulla riservatezza del diritto d’autore.

Una delle piattaforme con licenza CC più conosciuta e utilizzata da gestori e musicisti è Jamendo. Con JamendoPRO sono a disposizione degli utenti oltre 180.000 brani non soggetti a Siae.

La loro diffusione negli esercizi commerciali o negli spazi pubblici è completamente gratuita: i brani possono essere scaricati online in modo legale.

Gli artisti dei brani percepiscono comunque un compenso, nonostante il fruitore non paghi neppure un euro di Siae e, allo stesso tempo, hanno la possibilità di far conoscere al pubblico i loro brani.

E se il negozio o chi riproduce i brani riceve un controllo da parte della Guardia di Finanza o dalle Forze dell’Ordine, come fa a dimostrare che le canzoni sono prive di copyright? L’esenzione Siae è giustificata da un certificato di conformità giuridica che viene rilasciato a esercenti e gestori.

Inoltre, la piattaforma JamendoPRO fornisce il permesso di utilizzo dei brani in elenco anche per le pubblicità, per la realizzazione di documentari o filmati professionali e persino per i videogiochi.

Come non pagare la Siae: pubblico dominio

Come non pagare la Siae? La seconda possibilità è il ricorso a brani di artisti deceduti da più di 70 anni.

In questo caso, le canzoni sono libere dal diritto d’autore e vengono considerate di pubblico dominio.

In alternativa, se si vuole comunque utilizzare una o più canzoni sottoposte ai diritti d’autore, è possibile usufruire di uno sconto sulla diffusione della musica nelle attività commerciali.

Come? Tramite le convezioni Confesercenti-Siae-Scf (consorzio delle case discografiche), ottenendo uno sconto fino al 30% sui diritti d’autore e fino al 20% per i diritti discografici. I bar sono esclusi dall’accordo con le SCF.

Come non pagare la Siae
Come non pagare la Siae? In foto un microfono.

Quanto costa la Siae?

Abbiamo visto come non pagare la Siae e quando è possibile evitare la spesa. Ora, però, vediamo insieme a quanto ammonta il costo della Siae, quando si organizzano eventi pubblici o semplici feste come matrimoni, battesimi, comunioni o feste di compleanno (in caso di feste in musica organizzate in abitazioni private non si paga la Siae).

La Siae va pagata prima dell’evento e il costo è interamente a carico di chi organizza l’evento. Né il proprietario del locale, tantomeno il cantante, il gruppo musicale o il disc-jockey ingaggiato partecipano alla spesa.

Per una festa di compleanno il costo della Siae si aggira sui 79 euro, a patto che l’organizzatore dell’evento compi gli anni 15 giorni prima o dopo l’evento. Nel caso in cui si dovesse utilizzare musica registrata, è prevista una maggiorazione di 24 euro.

Il costo lievita per una festa di matrimonio: dai 199 euro se gli invitati sono meno di 200 ai 299 euro se sono previsti oltre 200 invitati. In caso di musica registrata sono previsti maggiorazioni di 79 o 199 euro a seconda del numero di invitati.

Per altri eventi, il costo varia dai 99 euro (fino a 200 invitati) a 149 euro (oltre 200 invitati) con maggiorazioni in caso di musica registrata di 34 o 54 euro, a seconda degli invitati presenti.

E se non si paga la Siae? In caso di controlli il rischio sanzioni è molto alto. La Siae è una tassa obbligatoria, non pagarla prevede multe salate che ricadono sull’organizzatore dell’evento e sul gestore del locale.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp