Come pagare a rate l’Imu e la Tari arretrate 2021

Come pagare a rate l'Imu e la Tari arretrate: ora sarà possibile in tutti i comuni, il minimo e il massimo di rate e quando decade il piano di rientro. La differenza con l'Agenzia delle Entrate e il rischio di azioni esecutive dell'ente locale.

4' di lettura

Come pagare a rate l’Imu e la Tari arretrate. Fino a pochi mesi fa la materia era lasciata alla libera interpretazione dei Comuni. Ossia: alcuni consentivano di rientrare dei debiti accumulati con una rateizzazione dell’importo, altri no, e comunque con rateizzazioni diverse. Una piccola Babele.

Sul punto è intervenuto il Decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio del 2020. Il governo ha deciso di mettere un po’ di ordine e armonizzare a livello nazionale le norme che disciplinano il come pagare a rate l’Imu e le rate arretrate.

La possibilità di ottenere da un comune la rateizzazione dei debiti accumulati per il mancato versamento dei tributi, riguarda non solo i debiti pregressi (anche di anni), ma tutti quelli che sono ancora in corso e non sono stati pagati.

Vediamo cosa impone la nuova normativa.

Come pagare a rate l’Imu e la Tari arretrate: la rateizzazione

Minore è il debito, naturalmente, è minore sarà la possibilità di dilungare la rateizzzione.

Ci spieghiamo: c’è un minimo di 4 rate per chi deve corrispondere al comune 500 euro e un massimo di 72 rate mensili per tutti gli importi che sono superiori a 20mila euro.

Per capirci: un debito che si aggira intorno a 6 mila euro potrà essere rimborsato in 36 rate da 166,6 euro mensili.

Torniamo al come pagare a rate l’Imu e la Tari arretrate. La domanda di rateizzazione dovrà essere presentata al Comune, che è a tutti gli effetti il titolare del credito.

Deve però esserci un atto di accertamento, o almeno di ingiunzione, del tributo che sia stato già notificato al debitore.

Si può accedere alla rateizzazione anche se i termini di pagamento sono già scaduti. Il che consente di rimborsare a rate pure i debiti per Imu e Tari degli anni precedenti (anche se è già arrivata una cartella di pagamento).

Non è come l’Agenzia delle Entrate

Funziona come per l’Agenzia delle Entrate? Non proprio. C’è una differenza, e non è tanto piccola.

Quando l’agenzia di riscossione accoglie la domanda di rateazione, si bloccano tutte le procedure esecutive che sono state attivate. Restano sospese fino all’estinzione del debito. Cioè fino al pagamento dell’ultima rata del debito e quindi annullate.

Per i Comuni, e con i tributi comunali, questo non accade: le procedure esecutive (ipoteche e pignoramenti) andranno comunque avanti, anche se è stata accolta la domanda di rateazione e anche se quelle rate le state pagando regolarmente.

Cosa diversa se invece la domanda di rateazione viene presentata prima dell’arrivo degli atti esecutivi. In questo caso la richiesta di rimborsare il debito a rate blocca ogni futura azione sul nascere.

Per quale motivo è stata fatta questa scelta? Probabilmente è una forma di incentivo per spingere i cittadini a presentare la richiesta di rateazione e coprire il debito.

Cosa accade se non si pagano le rate

Su come pagare a rate l’Imu e la Tari arretrate abbiamo visto, vediamo ora cosa succede se dopo aver ottenuto la rateizzazione dei tributi non riuscite a pagare qualche rata.

I casi sono diversi e dipendono, come vedremo, anche dalla durata della rateizzazione.

Un esempio: se il vostro debito è stato dilazionato in sei rate, il piano di rientro decade se non vengono pagare due rate, anche non consecutive.

Ed è un bel problema: il piano di rientro non potrà infatti essere rinnovato e il comune darà il via libera alle azioni esecutive.

Quando il piano decade

Se il piano di rientro è più lungo, tipo uno, due anni, non sarà possibile saltare più di una rata a semestre. Altrimenti si va incontro alla decadenza, con le conseguenze che abbiamo descritto prima.

Comunque il comune non agirà senza prima avvisarvi. Cioè il piano di rientro dei debiti non sarà dichiarato decaduto in modo automatico. Al cittadino moroso verrà infatti notificato prima un sollecito, con il termine entro il quale dovrà versare le rate scadute. Oltre quel limite però non si potrà andare.

Abbiamo visto come pagare a rate l’Imu e la Tari arretrate secondo lo schema che è stato deciso a livello nazionale. I comuni dovranno adeguarsi alla normativa di legge se hanno già adottato una forma di rateizzazione per i cittadini morosi rispetto ai tributi. Se invece non avevano mai disciplinato questa materia dovranno adottare in toto le disposizioni di legge.

Per tutte le news e i video di TheWam segui questi link:

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie