Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Pensioni » Previdenza e Invalidità / Come si calcola l’invalidità INAIL

Come si calcola l’invalidità INAIL

Vediamo come si calcola l’invalidità INAIL e a cosa si ha diritto in base alla percentuale riconosciuta.

di Romina Cardia

Settembre 2023

Come si calcola l’invalidità INAIL? A cosa ho diritto in base alla percentuale di invalidità riconosciuta? (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Come si calcola l’invalidità INAIL

Molti ci chiedono come si calcola l’invalidità INAIL, visto che la metodologia applicata è completamente differente da quella adottata dall’INPS.

Ebbene: il calcolo l’invalidità INAIL, che può dare diritto a diverse prestazioni economiche, dipende da due fattori:

Quindi: la componente biologica viene misurata su una scala di valori che parte da: 

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Bisogna poi aggiungere la componente patrimoniale, anche in questo caso c’è un minimo e un massimo, che oscilla tra 14.600 euro a 27.200 euro.

Come si ottiene l’importo della rendita INAIL

L’importo della rendita INAIL si ottiene sommando la componente biologica e patrimoniale.

Esempio: Un operaio dipendente con un reddito annuo di 16.000 euro e un’invalidità del 100% avrà una componente biologica di 16.500 euro e una componente patrimoniale di 16.000 euro.

La rendita INAIL è la somma di queste due cifre, risultando in una rendita annua di 32.550 euro.

In breve, la rendita INAIL è calcolata considerando il reddito, la percentuale di invalidità e due componenti: biologica e patrimoniale.

Ma perché la componente patrimoniale oltre a quella biologica?

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Perché la componente patrimoniale

Le nuove regole INAIL stabiliscono che se il danno biologico supera il 15%, si presume che il lavoratore subirà conseguenze sulla sua capacità di guadagnare in futuro. Questo cambiamento è stato introdotto per tutelare i lavoratori.

È stato quindi definito un sistema di compensazione per i danni permanenti compresi tra il 16% e il 100% di invalidità.

Questo sistema si basa sul reddito effettivamente percepito dal lavoratore nell’anno precedente all’incidente o all’insorgenza della malattia professionale.

Tuttavia, il calcolo del danno patrimoniale non utilizza l’intero reddito come base. Invece, si applicano specifici coefficienti legati alla gravità del danno subito.

Ci sono quattro gradi di menomazione (A, B, C e D) e sette coefficienti moltiplicativi, che diminuiscono all’aumentare della percentuale di invalidità.

Per le menomazioni di grado “D” superiori all’86%, il reddito è considerato per intero (coefficiente = 1).

Come viene classificato il danno patrimoniale

Ecco come viene classificato il danno patrimoniale:

Ecco i coefficienti di riduzione in base alla percentuale di invalidità riconosciuta:

GradoDalAlCoefficiente
“A”16%20%0,4
“A”21%25%0,5
“B”26%35%0,6
“B”36%50%0,7
“C”51%70%0,8
“C”71%85%0,9
“D”86%100%1
Come si calcola l’invalidità civile. Tabella INAIL con i coefficienti di riduzione in base alla percentuale di invalidità

Queste nuove norme mirano a garantire una giusta compensazione ai lavoratori in caso di danni biologici significativi, assicurando una maggiore tutela dei loro diritti.

Tutte le prestazioni erogate dall’INAIL: vediamo quali sono e come si differenziano dalle misure INPS. Le tipologie, le prestazioni gli obiettivi e la tutela dell’integrità psicofisica del lavoratore. I tipi di rendita.

A cosa si ha diritto in base alla percentuale di invalidità

La Legge n. 144/1999 e il decreto legislativo n. 38/2000 hanno cambiato le regole per il risarcimento in caso di infortunio sul lavoro o malattia professionale.

Ora, l’INAIL deve pagare un risarcimento anche se il lavoratore ha un danno permanente all’integrità del corpo o della mente, anche se questo danno non causa problemi finanziari.

Prima di queste leggi, non c’era nessun risarcimento se l’invalidità era meno del 11%, e sopra questa soglia veniva pagato solo se il danno fisico impediva al lavoratore di svolgere il suo lavoro.

Il decreto legislativo attuale, nell’Art. 13, stabilisce vari tipi di risarcimento in base al grado di invalidità del lavoratore:

Invalidità INPS e rendita INAIL: quali sono le differenze, le percentuali che danno diritto a prestazioni economiche. Come funziona il calcolo della riduzione di capacità di lavoro, come vengono determinate la rendita INAIL e le misure erogate dall’INPS.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=BZxL_t6F9IQ?si=jCM9WkdEqMzcYu3a&w=560&h=315]

Il risarcimento in capitale

Per il risarcimento del danno biologico “in capitale,” vengono usate tabelle speciali che considerano il grado di invalidità (dal 6% al 15%) e l’età del danneggiato.

In passato, queste tabelle tenevano conto anche del genere, con risarcimenti più alti per le donne a causa della loro aspettativa di vita maggiore rispetto agli uomini.

Il processo di calcolo inizia con un valore di base, che aumenta quanto più grave è il danno subito.

Questo valore diminuisce man mano che l’età del danneggiato aumenta. In parole semplici, un lavoratore più giovane con la stessa percentuale di invalidità riceve un risarcimento “in capitale” più alto rispetto a un lavoratore più anziano.

Dal 2019, il risarcimento INAIL “in capitale” non è più influenzato dal genere (uomo o donna).

Per quanto riguarda l’età utilizzata nel calcolo, la legge stabilisce che si deve considerare l’età dell’assicurato al momento in cui guarisce clinicamente, ovvero quando il periodo di inabilità temporanea assoluta termina.

Se non c’è un periodo di inabilità temporanea assoluta, come nel caso di alcune malattie professionali, si utilizza l’età dell’assicurato al momento in cui l’INAIL riceve la denuncia di malattia.

Ricapitolando:

Cos’è e come si calcola l’invalidità temporanea? Chi può stabilire il tipo di risarcimento e quanto si incassa per ogni giorno di lavoro perso a causa di incidente? Ne parliamo in questo articolo.

La rendita vitalizia

In caso di un danno biologico permanente al 16%, l’INAIL offre due opzioni di risarcimento: un pagamento unico chiamato “rendita vitalizia” o una somma iniziale.

La rendita INAIL è un pagamento mensile che continua per tutta la vita. Non importa l’età o il sesso della persona danneggiata: tutti ricevono la stessa quantità di denaro, che aumenta con l’incremento della gravità del danno.

È importante notare che questa rendita non è considerata come un salario e quindi non è soggetta all’Irpef, il che significa che non è tassata.

Ricapitolando:

Le rendite INAIL sono state aggiornate di recente, ora con due circolari l’istituto annuncia che gli aumenti scatteranno a novembre 2023 per le rendite e a dicembre per il danno biologico. Per quelle date saranno erogati anche gli arretrati, che partono da luglio 2023.

Quota integrativa INAIL

L’articolo 77 del Testo Unico del 1965, ancora in vigore, prevede il riconoscimento di una quota extra per il coniuge e i figli dell’infortunato, entro certi limiti di età.

Questa quota non dipende dalla data del matrimonio o dalla nascita dei figli, anche se avvengono dopo l’infortunio.

Il comma 10 dell’articolo 13 del D.lgs. n. 38/2000 limita l’uso di questa quota al solo risarcimento del danno finanziario, come specificato nella circolare n. 57/2000 dell’INAIL.

Queste quote sono destinate a coprire un danno economico e non possono essere usate per il danno fisico.

La quota per il danno finanziario aumenta del 5% per diverse categorie:

Per determinare se un figlio è “a carico,” si considera il reddito limite per ricevere gli “assegni familiari” dall’INPS.

In caso di separazione o divorzio, l’infortunato ha diritto alla quota integrativa solo se ci sono obblighi economici verso l’ex coniuge sotto forma di assegno di mantenimento.

Scopri quali sono stati gli incrementi che hanno interessato le tabelle delle rendite INAIL aggiornate fino al 2024 relative alle prestazioni di assistenza.

Il danno differenziale

Il danno differenziale è quando c’è una differenza tra il danno permanente che l’INAIL riconosce e il danno extra che un lavoratore può ottenere secondo le leggi civili. Questo può includere danni da lesioni permanenti minori o danni non legati ai soldi.

Per quanto riguarda l’INAIL, l’indennizzo è automatico, ma per ottenere il danno differenziale, il lavoratore deve fare causa al datore di lavoro o a terzi responsabili.

Questo vale solo per la parte del danno che supera ciò che l’INAIL ha già pagato, come previsto dall’articolo 10, commi 6 e 7, del DPR n. 1124/1965.

Le tipologie di indennizzo dell’INAIL influenzano come calcoliamo il danno differenziale:

Come si calcola l'invalidità INAIL
Come si calcola l’invalidità INAIL. Nella foto: un uomo e una donna impegnati con dei calcoli

Rendite e indennizzi INAIL: la tabella riassuntiva

Eccoti una tabella che riassume quali sono le rendite e gli indennizzi INAIL in base alla percentuale di invalidità calcolata e attribuita:

Prestazione INAILRequisiti/Caratteristiche
Nessun indennizzoDanno inferiore al 6%.
Indennizzo una tantumDanno tra il 6% e il 15%. Somma erogata una sola volta, similmente al risarcimento del danno biologico in incidenti stradali. Può essere aumentata una sola volta se il danno peggiora.
Rendita mensile a vitaDanno tra il 16% e il 100%. Rendita soggetta a revisioni periodiche.
Risarcimento “in capitale”Basato su tabelle che considerano grado di invalidità (6%-15%) e età. Non influenzato dal genere dal 2019. Il valore base varia in base alla gravità del danno e diminuisce con l’età. Età di riferimento determinata in base alla guarigione clinica o, in assenza, alla denuncia di malattia all’INAIL.
Rendita vitaliziaDisponibile in caso di danno biologico permanente al 16%. Può essere una rendita vitalizia mensile o un pagamento unico. Non tassata (Irpef). Cresce con la gravità del danno.
Quota integrativaQuota extra per coniuge e figli entro certi limiti di età. Aumenta del 5% per coniuge, figli fino a vari limiti di età (18 anni, 21 anni se studente, 26 se studente universitario, figlio inabile a qualsiasi età).
Danno differenzialeDifferenza tra risarcimento INAIL e risarcimento leggi civili. Il calcolo varia in base al grado di invalidità:
Rendite e indennizzi INAIL: la tabella riassuntiva

Rivalutazioni di rendite e indennizzi

Il valore del “punto base” per il calcolo dei risarcimenti per danni fisici e le rendite vitalizie non sono attualmente adeguati regolarmente all’inflazione secondo l’Istat. Alcuni decreti sono stati emessi occasionalmente per aggiornare gli importi.

Dal 2000, sono stati emessi solo due decreti ministeriali per l’aggiornamento:

A differenza dei danni fisici, i risarcimenti per danni patrimoniali legati alla retribuzione vengono rivalutati annualmente secondo la variazione dei prezzi al consumo rilevata dall’Istat. Questo è stabilito dal Decreto Legge 38/2000.

In sintesi, ci sono due approcci diversi per l’aggiornamento dei risarcimenti INAIL:

FAQ (domande e risposte)

Cosa succede se non viene riconosciuto l’infortunio INAIL?

Se l’INAIL non riconosce l’infortunio, è importante innanzitutto capire la ragione di tale decisione. Potrebbe essere dovuto a documentazione incompleta o a una valutazione errata dell’evento. In questo caso, è possibile presentare ricorso all’INAIL per ottenere una revisione della decisione. È fondamentale assicurarsi di avere tutti i documenti e le prove necessarie per supportare la richiesta di riconoscimento dell’infortunio.

In quali casi posso presentare ricorso all’INAIL?

È possibile presentare ricorso all’INAIL in diversi casi, tra cui:

Quanto tempo si può stare in infortunio sul lavoro?

La durata dell’infortunio sul lavoro può variare in base alla gravità dell’evento e alle prescrizioni mediche. L’INAIL copre sia gli infortuni temporanei che quelli permanenti. Nel caso di infortuni temporanei, il periodo di inabilità viene determinato dal medico curante e può variare da caso a caso. L’importante è seguire le istruzioni del medico e sottoporsi a visite di controllo regolari per valutare il recupero.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1