Comprare casa? Tassi alti, tra un po’ sarà difficile

Comprare casa? Meglio decidere in fretta, i tassi d'interesse potrebbero presto diventare insostenibili. Il costo della rata mensile è aumentata di molto dall'inizio dell'anno. Continuano a tirare il mercato i mutui giovani. Da verificare l'andamento dei finanziamenti con tasso variabile, che in questo momento sono più rischiosi di quelli fissi.

6' di lettura

Comprare casa? Se ha intenzione di fare questo passo, meglio affrettarsi: tra un po’ i tassi non saranno sostenibili. (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Tra meno di un mese, il 27 ottobre, la Bcr (Banca centrale europea), potrebbe incrementare ancora i tassi ufficiali. Un bis di quello che è già accaduto lo scorso 8 settembre. Un incremento dello 0,75%.

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti un pezzo sui mutui casa sempre più cari; ma anche perché sono difficili da ottenere; e infine: mutui casa giovani:sono ancora convenienti?

Comprare casa: altri aumenti dei tassi

E non è tutto: i tassi potrebbero essere aumentati di un altro mezzo punto nella riunione che è già stata fissata per il 15 dicembre.

Scopri la pagina dedicata ai prestiti e ai mutui più convenienti.

È la previsione degli esperti. Che poggia però su solide basi: la governatrice della Bce, Christine Lagarde ha annunciato meno di un mese fa che sarebbero state necessarie cinque sedute per raggiungere la neutralità dei tassi. Due di queste sedute ci sono già state: con relativo aumento dei tassi di interesse.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Comprare casa: caro denaro

I tassi di interesse vengono incrementati per cercare di porre un freno alla crescita esponenziale dell’inflazione. Gli ultimi due aumenti non hanno avuto esito positivo; l’inflazione in area euro è del 9,1% più alta rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Proprio per questo l’ipotesi più credibile è che la Bce continui con la sua politica restrittiva.

Non si tratta solo di numeri purtroppo. Gli effetti saranno molto concreti, per il piccolo risparmiatore e per le imprese. Il denaro costa di più. E costa di più anche farselo prestare, ovviamente.

Comprare casa: cosa succede ai mutui?

Il che significa avere anche delle ricadute negative sui tassi dei mutui. E in modo anche significativo.

Una simulazione è stata effettuata dal sito mutuionline. Vediamo insieme.

È stato preso come esempio un impiegato di 39 anni che chiede a una banca un mutuo da 140mila euro per finanziare l’acquisto di un immobile da 200mila.

Dopo i ritocchi ai tassi di interesse la rata mensile per il rimborso del mutuo a tasso fisso aumenta di 50 euro, considerando la migliore offerta. E quindi:

  • da 769 euro a 822 euro;
  • con una spesa aggiuntiva complessiva di 12.700 euro.

Non è poco. Anzi.

Per il tasso variabile l’incremento è ancora più consistente. La rata aumenta del 7,4%. Si passa da 664 a 713 euro al mese.

Chiaro che le situazioni possono essere diverse, ma questo esempio è indicativo di un andamento che è costante ormai ovunque.

Comprare casa: tassi fissi

I tassi fissi dei mutui sono passati dall’1,32% del gennaio scorso (quando gli investimenti immobiliari erano decisamente convenienti), al 3,18 di luglio e al 3,08% di agosto.

Comprare casa: tassi variabili

I tassi variabili sono rimasti fermi nei primi mesi dell’anno (e molti hanno scelto questa soluzione quando hanno firmato un contratto per la concessione di un mutuo), ma hanno cominciato a crescere in modo importante appena la Bce ha aumentato il costo del denaro.

Fino ad agosto sono rimasti sotto l’1% (un vero affare, anche considerata l’inflazione), ma ad agosto erano già all’1,6% e dovrebbero ora avere un nuovo significativo incremento.

In pochi mesi si è modificato completamente lo scenario: dai tassi ai minimi storici ora siamo in una fase di crescita costante del costo del denaro. Ci sono ancora delle offerte vantaggiose, ma si stanno riducendo sempre di più.

Comprare casa: investimento di lungo periodo

Gli esperti ricordano che comunque un mutuo è un investimento di lungo periodo e quindi non bisognerebbe troppo farsi influenzare da una congiuntura negativa come quella attuale, anche perché il mercato è in costante cambiamento proprio per la sua natura e in futuro sarà comunque sempre possibile attivare una surroga.

Chi vuole chiudere un contratto di mutuo con tasso fisso dovrebbe farlo il prima possibile (i tassi di interesse come abbiamo visto nel breve periodo sono solo destinati ad aumentare).

Per le stesse ragioni chi invece intende sottoscrivere un mutuo a tasso variabile, sa bene che avrà rate più basse subito, ma che sono destinate inevitabilmente ad aumentare.

Tutto vero: ma è proprio la congiuntura attuale che potrebbe convincere chi deve fare un investimento importante, come quello di acquistare un immobile, ad aspettare tempi migliori. O, per essere più chiari, un periodo dove le fibrillazioni e le incertezze sono meno radicali.

La crisi energetica e le crescenti tensioni geopolitiche in questo momento non sono un inno all’ottimismo.

Comprare casa? Tassi alti, tra un po’ sarà difficile

Comprare casa: variazioni e mutuo giovani

Nel frattempo per, e proprio per i tassi più vantaggiosi, negli ultimi mesi è cresciuta in modo considerevole la quota di mutui a tasso variabile:

  • nei primi tre mesi del 2022 erano il 12,1%;
  • oggi sono al 46,7% del totale.

E dunque quasi la metà dei mutui erogati è a tasso variabile. Questo però lascia anche supporre che siano stati stipulati da chi non ha troppo timore di un eventuale aumento della rata mensile. Ossia da persone che hanno una certa consistenza economica.

È palese che il tasso variabile sia una scommessa sul futuro. Resta il fatto che all’orizzonte, secondo le prospettive di quasi tutti gli analisti, si prospetta una recessione.

Nel frattempo comunque i mutui giovani continuano a crescere: rappresentano un terzo di tutte le richieste pervenute agli istituti di credito. C’è stata una battuta d’arresto tra giugno e luglio, quando le banche hanno offerto quasi esclusivamente dei finanziamenti a tasso variabile.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie