Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bandi e Concorsi » Lavoro / Concorso Comune Messina 2023: bandi, posti e prove

Concorso Comune Messina 2023: bandi, posti e prove

Concorso per lavorare al Comune di Messina. Scopri quali sono i posti liberi, le prove da superare e tutte le info utili

di Antonio Dello Iaco

Gennaio 2023

Concorso per lavorare al Comune di Messina. Il sindaco Federico Basile ha annunciato il nuovo piano assunzioni da 341 posti (scopri tutti gli annunci e le offerte di lavoro sempre aggiornati. Ricevi su Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Le figure ricercate sono numerose. 107 posizioni sono riservate ai diplomati mentre per le altre è necessario avere una laurea.

Indice:

Concorso per lavorare al Comune di Messina: bandi e posti

I 341 posti disponibili nel concorso per lavorare al Comune di Messina sono suddivisi in diversi bandi in base ai vari profili richiesti. In particolare bisogna essere laureati per essere assunti come:

I ruoli riservati ai diplomati invece sono:

I bandi li puoi consultare cliccando sui vari profili ricercati negli elenchi precedenti oppure visitando il sito ufficiale del comune di Messina. Se scegli di affidarti alla piattaforma dell’ente siciliano è necessario:

Aggiungiti al canale Telegram di news sul lavoro ed entra nella community di TheWam per ricevere tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Concorso Comune Messina 2023 – 341 posti per diplomati e laureati

Concorso per lavorare al Comune di Messina: le prove

Per vincere il concorso per lavorare al Comune di Messina, è necessario superare delle prove. In base al numero dei candidati saranno eseguite delle eventuali prove preselettive i cui dettagli saranno comunicati in seguito dagli uffici comunali.

È già previsto invece dai bandi lo svolgimento di una prova scritta e di una orale. Il test scritto consiste in una prova da svolgere da remoto (da computer o da un altro mezzo tecnologico dal proprio domicilio e/o residenza) suddivisa in due quesiti a risposta aperta.

Il tempo per completare la prova è pari a sessanta minuti e le due domande verteranno sulle materie oggetto della selezione, che variano a seconda dei profili ricercati.

L’esame orale invece consiste nell’accertamento della conoscenza delle materie d’esame, delle competenze tecnlogiche, della lingua inglese e degli altri parametri formativi previsti dai vari bandi.

Per superare entrambe le prove è necessario conseguire un punteggio minimo pari a 21 punti su 30 per ogni prova.

Concorso Comune Messina 2023: bandi, posti e prove
L’immagine mostra una foto della città di Messina – Concorso per lavorare al Comune di Messina

Concorso per lavorare al Comune di Messina: le materie d’esame

Le materie d’esame da studiare per superare il concorso per lavorare al Comune di Messina variano a seconda del profilo al quale ti candidi. I temi più trattati dalle prove saranno i seguenti:

Per non rischiare di sbagliare la preparazione in vista delle prove d’esame, consulta bene il bandi che più ti interessano. All’interno dei testi infatti troverai informazioni dettagliate sui temi che saranno oggetto dei test.

Concorso per lavorare al Comune di Messina: i tempi e le modalità di candidatura

Hai tempo fino al 16 febbraio 2023 per presentare le domande di partecipazione al concorso per lavorare al Comune di Messina.

Le modalità di candidatura sono espresse nei vari bandi e prevedono il collegamento a un’apposita piattaforma messa a disposizione dall’ente siciliana. Per accedere al sito è necessario identificarsi con l’identità digitale Spid.

Scopri la pagina dedicata alle offerte di lavoro e ai diritti dei lavoratori.

Concorso per lavorare al Comune di Messina: costi e compatibilità

Per partecipare al concorso per lavorare al Comune di Messina è necessario versare un contributo di segreteria pari a 10 euro. Il pagamento di questa tassa non è rimborsabile in nessun caso (anche qualora la procedura di concorso venisse revocata).

Non esistono incompatibilità tra i bandi. È quindi possibile partecipare a più concorsi contemporaneamente e candidarsi per più profili.

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp