Condominio non pagato: possono prendersi casa mia?

Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio? Scopri nell'approfondimento se non pagare le spese condominiali può portare ad un evento spiacevole come il provvedimento esecutivo del pignoramento della casa.

Immacolata Duni è un'avvocato e copywriter, specializzata in welfare.
Conoscila meglio

6' di lettura

Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio? Non pagare le spese condominiali può portare al pignoramento della casa, ma solo in alcuni casi (scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio: cosa dice la legge

Secondo la normativa italiana, del mancato pagamento delle spese condominiali, il condomino inadempiente risponde con tutti i suoi beni, presenti e futuri.

Già da questa affermazione si comprende bene che il pagamento delle spese condominiali è una cosa seria per il la nostra legislazione.

Molti si chiedono: si può pignorare la casa del condomino che non paga le spese condominiali?

C’è il divieto di pignoramento della prima casa? Sì esiste, ma non riguarda le spese condominiali. Il divieto di pignoramento della prima casa riguarda solo i debiti fiscali, ossia quelli da pagare all’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Per tutti gli altri debiti, questo divieto non sussiste. E quindi, in teoria, anche per il mancato pagamento delle spese condominiali, il condominio può procedere al pignoramento della casa, anche se si tratta della prima casa.

Questo può avvenire anche se l’immobile è inserito in un fondo patrimoniale.

Si può pignorare la casa a chi non paga le spese condominiali: qual è il limite d’importo?

La legge non pone un limite al di sotto del quale la casa non si può pignorare.

Il limite riguarda solo l’Agenzia delle Entrate che può iscrivere ipoteca per debiti di almeno 20mila euro e può avviare il pignoramento solo per debiti superiori a 120mila euro.

Il condominio, dopo aver fatto un valutazione di opportunità in assemblea condominiale, può avviare il pignoramento nei confronti di un debitore insolvente, anche per poche migliaia o centinaia di euro.

Questo può accadere anche se sull’immobile è presente l’ipoteca della banca.

Bisognerà, però, riflettere su i pro e i contro: il pignoramento immobiliare, infatti, è lungo e costoso come procedimento.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio: qual è il procedimento

Per avviare il pignoramento immobiliare nei confronti del condomino inadempiente, la legge non prevede la previa approvazione dell’assemblea.

L’amministratore di condominio ha il dovere di agire contro i morosi entro 6 mesi dalla chiusura dell’esercizio, senza autorizzazione. Anzi questo è un suo obbligo e, se non lo fa, rischia la revoca del mandato.

L’amministratore nominerà a tal fine un avvocato di propria che possa procedere prima di tutto con il decreto ingiuntivo.

Di solito l’avvio di questo spiacevole procedimento serve a spingere il condomino moroso ad adempiere e a pagare il debito.

Si potrà così arrivare ad un accordo, con l’autorizzazione dell’assemblea.

Alcune valide alternative, meno costose e meno lunghe del pignoramento immobiliare sono:

Scopri la pagina dedicata alla gestione dei debiti e a metodi per evitare il pignoramento.

Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio
Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio: in foto una coppia preoccupata di fronte ad un pc.

Si può pignorare la casa a chi non paga il condominio: come sospendere il pignoramento

In generale, è sempre vantaggioso per un debitore non permettere che avvenga il pignoramento, perché le conseguenze negative possono essere molto spiacevoli. 

Il pignoramento può essere evitato. Se non è ancora iniziato, il debitore può agire “in via preventiva”, per esempio richiedendo appello verso la sentenza. Sarà il giudice ad accogliere o meno la richiesta.

Se il debitore, invece, ha già ricevuto la notifica del precetto, potrà proporre opposizione anche a questo atto. Se il pignoramento è già iniziato, la sospensione può essere decisa solo dal giudice.

Il primo modo di ottenere una sospensione è accordarsi con i creditori. In questo modo si può fare richiesta di sospensione al giudice, che dovrà decidere entro 10 giorni.

La sospensione può essere disposta anche a seguito del deposito di un’opposizione per gravi motivi. Se il pignoramento viene sospeso, nessun atto esecutivo può essere effettuato dagli ufficiali giudiziari. Decorso tale termine, può ricominciare il procedimento esecutivo.

Se la procedura non viene riassunta o proseguita nel termine perentorio stabilito dalla legge o dal giudice, si estingue.

Come ritardare un pignoramento immobiliare?

La prima soluzione è, come abbiamo anticipato sopra, trovare un accordo con il creditore ed evitare che parta il procedimento esecutivo.

Un accordo può essere concluso anche una volta avviato il procedimento, in questo modo si potrà sospendere. La legge non pone limiti alle transazioni tra le parti anche nel corso di un processo; se c’è la possibilità di evitare rogne legale e processi, tutti sono disposti a farlo.

Gli accordi di solito possono essere:

  • saldo e stralcio: il debitore può pagare solo una parte del debito e vederlo cancellato;
  • dilazione: viene consentito di dilazionare in più rate il proprio debito, per dare maggiori possibilità al debitore di pagare il proprio debito.

La differenza tra la prima e la seconda soluzione è che, nel caso del saldo e stralcio, il creditore rinuncia a una fetta consistente del denaro. Nel pagamento a rate, invece, la somma del credito resta la stessa.

Se l’accordo dovesse concretizzarsi, le parti firmeranno una transazione e il creditore abbandonerà la procedura di pignoramento.

Abbiamo visto come si può pignorare la casa a chi non paga il condominio.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie