Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile / Congedo 104, più diritti per i caregiver

Congedo 104, più diritti per i caregiver

Congedo 104, più diritti per i caregiver: approvato il decreto legislativo in Consiglio dei Ministri, tutte le novità.

di The Wam

Giugno 2022

Congedo 104, più diritti per i caregiver: il governo approva il decreto che dovrebbe semplificare la vita per genitori e caregiver. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

In pratica è finalmente passato in Consiglio dei Ministri il decreto che sancisce quella serie di norme che sono state imposte dalla direttiva dell’Unione Europea.

Si tratta di modifiche che erano già state annunciate (proprio dopo i rilievi europei all’Italia), che aprono però le porte ad altre misure, molte delle quali sono contenute nella proposta di legge che una cinquantina di associazioni hanno depositato nelle mani del presidente del Consiglio e che dovrebbero rappresentare la base di una riforma dell’assistenza alle persone non autosufficienti. Riforma che è tra quelle che dovranno far parte della revisione del welfare dedicato alle persone con disabilità nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (su invaliditaediritti.it le 10 innovazioni previste).

Scopri la pagina dedicata ai benefici connessi alla Legge 104.

Ma veniamo alle norme che sono state approvate nel consiglio dei ministri.

Congedo 104, caregiver e lavoro agile

Lo schema di decreto legislativo prevede per i datori di lavoro pubblici e privati che stipulano accordi per l’esecuzione della prestazione di lavoro in modalità agile siano tenuti a riconoscere priorità alle richieste formulate dalle lavoratrici e dai lavoratori con figli fino a 12 anni di età o senza alcun limite di età nel caso di figli in condizioni di disabilità grave ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Qui puoi trovare il testo integrale del decreto legislativo

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Congedo 104, priorità smart working

La stessa priorità deve essere riconosciuta da parte del datore di lavoro alle richieste dei lavoratori caregiver ai sensi dell’articolo 1, comma 255, della Legge n. 205 del 27 dicembre 2017.

Quel comma «definisce caregiver familiare la persona che assiste e si prende cura del coniuge, dell’altra parte dell’unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, o di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé, sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 104, o sia titolare di indennità di accompagnamento».

Congedo 104: tutte le novità

Queste sono le altre novità introdotte nel decreto legislativo:

Congedo 104: basta discriminazioni

La lavoratrice o il lavoratore che richiede di fruire del lavoro agile non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito o sottoposto ad altra misura organizzativa avente effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro.

Congedo 104, Orlando: un passo importante

Per il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando, si tratta di «un passo importante per coniugare meglio i tempi di vita e i tempi di lavoro. Il recepimento della direttiva europea permetterà di avere un sostegno economico per i congedi parentali per tutte le famiglie con figli fino a 12 anni. I benefici saranno accessibili anche ai genitori soli e ai lavoratori autonomi».

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

«Abbiamo visto in particolare nell’ultimo periodo – ha concluso Orlando – come la coniugazione dei tempi di vita e di lavoro sia spesso uno dei motivi di uscita dal mondo del lavoro da parte delle donne. Questo provvedimento vuole essere un primo passo nella direzione giusta, consapevoli che le risorse da investire molte di più”.

Congedo 104, Stefani: novità per i caregiver

«Buone notizie – così le ha definite la ministra per le Disabilità, Erika Stefani – per i lavoratori che hanno figli con disabilità. Il provvedimento relativo all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare per genitori e prestatori di assistenza, approvato in Consiglio dei Ministri, chiarisce infatti l’obbligo da parte del datore di lavoro (pubblico o privato) a riconoscere priorità di lavoro agile per chi ha figli con disabilità, escludendo qualsiasi limite di età».

«Inoltre – ha aggiunto la ministra – ci sono novità per i caregiver, ai quali si riconosce ora la stessa priorità dei lavoratori che hanno figli con disabilità ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Siamo soddisfatti che si sia posta più attenzione e fatto un chiarimento normativo utile a tutelare i diritti di chi lavora prendendosi cura di persone con disabilità».

Congedo 104, più diritti per i caregiver
Congedo 104, più diritti per i caregiver

Congedo 104: quando entrano in vigore le novità

Il decreto legislativo non è ovviamente ancora operativo, dopo l’approvazione del consiglio dei ministri deve essere emanato dal Presidente della Repubblica e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Sarà in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione.

Insomma, quasi ci siamo.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp