Congedo di maternità, 3 mesi in più per le autonome: domande

Congedo di maternità, 3 mesi in più per le lavoratrici autonome, si aggiungono ai 5 mesi ordinari, può usufruirne anche il padre, vediamo come. La norma è stata introdotta nell'ultima legge di Bilancio, A chi è rivolta, quali sono i requisiti e come e a chi presentare la domanda.

4' di lettura

Congedo di maternità, 3 mesi in più per le lavoratrici autonome: lo ha reso noto l’Inps, vediamo di cosa si tratta e come funziona. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Con la comunicazione dell’istituto di previdenza si autorizzano le lavoratrice autonome a presentare la domanda per usufruire di un prolungamento dell’indennità maternità. Un diritto che è stato riconosciuto dalla Legge numero 234 del 2021.

Maternità e lavoro: i diritti delle lavoratrici

Congedo di maternità 3 mesi in più: a chi spetta

Questo beneficio (tre mesi aggiuntivi ai cinque già riconosciuti) è stato disposto a vantaggio di queste categorie di lavoratrici:

  • le lavoratrici autonome e a quelle che sono titolari di rapporti di collaborazione continuata e continuativi, se iscritte alle gestione separata dell’Inps;
  • alle lavoratrici iscritte alle gestioni autonome Inps, e quindi:
    • commercianti;
    • artigiane;
    • coltivatrici dirette;
    • pescatrici autonome della piccola pesca marittima e delle acque interne.
  • Le libere professioniste che sono iscritte alle casse e agli enti di previdenza riconosciuti dalla legge, competenti alla corresponsione dell’indennità.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Congedo di maternità 3 mesi in più: requisiti

C’è comunque un requisito di reddito che bisogna rispettare per avere diritto ai 3 mesi aggiuntivi. La lavoratrice non deve infatti avere un reddito superiore a 8.145 euro, riferito all’anno precedente al periodo di maternità (la soglia viene aggiornata di anno in anno).

Questa indennità di maternità prolungata può spettare anche al padre, ma sono in questi casi:

  • morte o grave infermità della madre;
  • abbandono del figlio da parte della madre;
  • affidamento escluso del figlio al padre;
  • se la madre lavoratrice non ne fa richiesta.

Indennità di maternità 2022 e bonus asilo nido: le novità

Congedo di maternità 3 mesi in più: domanda

Le domande all’Inps vanno presentate in via telematica. I canali sono i consueti:

  • tramite il portale dell’Inps, nel servizio “Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata. È indispensabile avere le credenziali Spid (Sistema Pubblico di identità digitale) almeno di secondo livello, della carta di identità Elettronica (Cie) o della Carta Nazionale dei Servizi (Cns);
  • tramite il Contact Center Integrato dell’Inps, chiamando al numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164 164 da rete mobile;
  • tramite il Patronato.

Congedo di maternità 3 mesi in più: cosa scrivere

Quando si fa la richiesta per estendere la tutela della maternità (o della paternità) di altri tre mesi, sarà necessario spuntare con il “Sì” questa dichiarazione che è inserita nella pagina “Dati domanda”:

«Dichiaro di voler fruire di ulteriori 3 mesi di indennità di maternità. Dichiaro, a tal fine, che nell’anno precedente l’inizio del periodo di maternità/paternità, i miei redditi lordi risultano inferiori al reddito di riferimento riportato nell’ art.1 comma 239, della legge 30 dicembre 2021, n. 234 (8.145,00 euro da rivalutare annualmente in base all’indice Istat)».

Congedo di maternità 3 mesi in più: retroattiva

La domanda – ricorda l’Inps nella circolare che è stata diffusa – può riguardare anche dei periodi che sono precedenti alla presentazione dell’istanza. Ma bisogna tener conto che l’estensione della tutela di maternità o paternità do altri 3 mesi può essere possibile solo se il periodo di maternità (i primi cinque mesi) è a cavallo o successivo al primo gennaio del 2022, data dalla quale è entrata in vigore la legge numero 234 del 2021.

Assegno di maternità e bonus bebè: cosa posso chiedere

L’Inps aveva già fornito le prime istruzioni sui tre mesi aggiuntivi di congedo maternità per lavoratrici autonome e professionista con la circolare numero 1 del 2022. La misura è stata inserita nella Legge di Bilancio (legge numero 234 del 2021).

Chi si è interessato a questo articolo ha letto anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie