Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Previdenza e Invalidità / Congedo straordinario 104 anche per i figli non conviventi

Congedo straordinario 104 anche per i figli non conviventi

Congedo straordinario 104 anche per i figli che non sono ancora conviventi con il genitore disabile: il requisito si può completare dopo la domanda.

di The Wam

Maggio 2022

Il congedo straordinario 104 deve essere concesso ai figli di genitore con disabilità anche se al momento della richiesta non sono conviventi. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Lo ha sancito la Corte Costituzionale con la sentenza numero 232 del 2018. La Consulta ha quindi dichiarato illegittimo l’articolo 42, comma 5 del decreto legislativo numero 151 del 26 marzo 2001.

Congedo straordinario 104: com’era prima

Quell’articolo non rispettava i dettati della Costituzione. Vediamo cosa imponeva:

«Il coniuge convivente di soggetto con handicap in situazione di gravità accertata ai sensi dell’articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, numero 104, ha diritto a fruire del congedo di cui al comma 2 dell’articolo 4 della legge 8 marzo 2000, numero 53, entro sessanta giorni dalla richiesta. In caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, ha diritto a fruire del congedo il padre o la madre anche adottivi; in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre, anche adottivi, ha diritto a fruire del congedo uno dei figli conviventi; in caso di mancanza, decesso o in presenza di

patologie invalidanti dei figli conviventi, ha diritto a fruire del congedo uno dei fratelli o sorelle conviventi».

Scopri la pagina dedicata ai benefici connessi alla Legge 104.

In pratica questa parte della 104 impediva di fatto al figlio non convivente di presentare la richiesta di congedo straordinario 104 se non era già convivente con uno dei genitori affetti da disabilità grave.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Congedo straordinario 104: la modifica

La norma è stata modificata subito dopo la sentenza della Consulta, ma sovrapponendosi a una precedente disposizione di legge continua a generare qualche confusione tra gli utenti. Riteniamo sia quindi importante ritornare sul punto e chiarire in modo definitivo come funziona.

Il congedo straordinario legge 104 con la dimora temporanea

Sulla questione c’è anche una circolare dell’Inps del 9 aprile 2019 che specifica:

«La sentenza della Corte Costituzionale ha esteso il diritto al congedo straordinario anche ai figli del disabile in situazione di gravità non conviventi al momento della presentazione della domanda di congedo».

Per la Consulta il requisito dell’obbligo di residenza prima della richiesta del congedo, anche se è adatto a garantire il miglior interesse della persona con disabilità, non può considerarsi come un criterio esclusivo e non deve impedire al figlio, che vuole convivere dopo la richiesta, di adempiere ai doveri di cura e di assistenza anche quando nessun altro familiare convivente può farsene carico.

Congedo straordinario 104: incostituzionale

Ma non solo. I giudici della Corte Costituzionale hanno anche specificato che questa preclusione è in contrasto con gli articoli 2, 3, 29 e 32 della nostra Carta e sacrifica in modo irragionevole e sproporzionato l’assistenza e l’integrazione della persona con disabilità nell’ambito della famiglia.

Congedo straordinario 104 e assegno ordinario di invalidità: cumulabili?

Oltretutto spiega la Consulta, il figlio che ha ottenuto il riconoscimento del congedo straordinario legge 104 ha comunque l’obbligo di instaurare subito dopo la convivenza che deve garantire al genitore una assistenza permanente e continuativa.

Il congedo straordinario 104 può essere interrotto?

Congedo straordinario 104: la ridefinizione della legge

Questa sentenza della Corte Costituzionale ha avuto come diretta conseguenza una ridefinizione delle persone che possono usufruire del congedo straordinario legge104, con questo ordine di priorità:

Congedo straordinario 104: la richiesta

Quindi come funziona la richiesta di congedo straordinario per il figlio non convivente?

Chi presenta la richiesta è tenuto a dichiarare, sotto la propria responsabilità, che – come si legge in una circolare Inps – «provvederà ad instaurare la convivenza con il familiare disabile in situazione di gravità entro l’inizio del periodo di congedo richiesto e a conservarla per tutta la durata dello stesso».

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp