Avellino, tra le polemiche Maggio e Picariello a guidare i lavori del consiglio

5' di lettura

Termina così il primo consiglio comunale dell’amministrazione Festa. Tra polemiche urla e sospensioni si riescono ad eleggere Presidente, Ugo Maggio e Vice-presidente, Ferdinando Picariello, del Consiglio comunale. Il sindaco Gianluca Festa giura sulla costituzione e presenta la sua giunta

14.45- Gianluca Festa giura da sindaco sulla Costituzione italiana e presenta i membri della giunta. Prima del giuramento Nicola Giordano insorge contro Ugo Maggio chiedendo di discutere sull’elezione appena svolta.

14.40 – Si procede alla terza votazione come chiesto da Ettore Iacovacci. Viene eletto con venti voti a favore Ferdinando Picariello, vice presidente del Consiglio Comunale cittadino.

14. 26 – Dopo ulteriori polemiche di Iacovacci e Preziosi, l’opposizione minaccia di abbandonare l’aula. Seduta sospesa.

14.20 – Santoro rinuncia alla carica, nuova polemica in aula per la validità o meno della rinuncia.

14.15 – Terminata la votazione per il vice presidente del Consiglio Comunale si procede con lo scrutinio. Con venti voti a favore, nove schede bianche e un voto a Maggio e uno a Picariello, viene eletto Vice Presidente, Amalio Santoro del gruppo Si Può.

13.54 – Si rientra in aula. Pronti a rifare l’appello e procedere.

13.46 – Chiesta una nuova sospensione dal consigliere Gaeta. Maggio accoglie e si rifermano i lavori

13.41- Dopo quasi un’ora dall’inizio della polemica in aula tra D’Avanzo e Iacovacci, ancora non continuano i lavori. Si continua a lavorare sulla legittimità della seduta.

13.24 – La seduta passa in mano a Ugo Maggio. Dubbi su come procedere il Consiglio Comunale.

13.16 – Per Lissa il Consiglio deve continuare con Ugo Maggio alla presidenza e non con il consigliere più anziano, Iacovacci.

13.09 – Si verifica la presenza del numero legale. Inizia nuovamente l’appello. La maggioranza torna in aula

12.50- La maggioranza non risponde alla prima chiamata di voto. La minoranza di reca all’urna. Verso la caduta del numero legale.

12.38 – Continua la polemica in aula per l’elezione del vice presidente. Iacovacci e D’Avanzo si attaccano a vicenda

12.31 – Preziosi chiede la verifica della presenza del numero legale. Si procede con l’appello.

12.20 – Termina lo spoglio del Presidente del Consiglio Comunale. Ora si passa alla votazione per il vice presidente. Sospesi momentaneamente i lavori. Due membri dell’opposizione hanno votato l’urologo.

12.15- inizia lo spoglio: 23 voti Ugo Maggio e 10 schede bianche. Ugo Maggio è il presidente del consiglio comunale

11.48 -Prende la parola il sindaco di Avellino Gianluca Festa: “Io non prendo parte alla polemica riguardo la presidenza del consiglio. La maggioranza è insindacabile. L’anno scorso divenne Ugo Maggio perché c’erano i numeri in quanto Ciampi era in netta minoranza consiliare. Sono sempre disponibile ad ascoltare le parole degli altri. Io ascolto e cerco di far tesoro delle parole altrui. Sono molto disponibile all’ascolto concreto. Apprezzo molto gli interventi dei consiglieri, in particolare quello di Urciuoli. Lui è una persona molto chiara e diretta. Così si può lavorare molto bene in futuro. Non ci sono vittorie incerte. Qui c’è stata una vittoria certa e definita.  Noi siamo legittimamente chiamati a governare questa città per i prossimi cinque anni”.

11.35 – Interviene il consigliere del Partito Democratico Franco Russo: Faccio gli auguri al sindaco per il risultato ottenuto. La persona di Ugo Maggio è di tutto rispetto. Peccato che per il bene del consiglio è giusto scegliere un altro nome. La decisione sembra oramai presa. Mi auguro che nel futuro la maggioranza cambi metodo.

11.30 – Prende la parola il consigliere Urciuoli dei Cinquestelle: “Non capisco la polemica che si sta creando. Quali sono i nomi dei candidati, dove sono?

11.27 – Interviene la candidata della Lega Nord, Biancamaria D’Agostino: “invito tutti a portare avanti un’azione finalizzata all’interesse degli avellinesi. Andiamo alla votazione. La Lega ci sarà sempre nell’interesse dei cittadini”.

11.25 – Amalio Santoro: “Non tutto il giusto è nelle mani della maggioranza. Ho l’impressione che non si parta bene. Non si sta aiutando il Consiglio Comunale”.

11.15 – interviene Luca Cipriano. “Sembrate ancora essere i portatori della vecchia politica. Io le chiesi un’amministrazione smart, veloce. Non c’è alcuna volontà e possibilità di aprire un dialogo per la Presidenza del Consiglio. Preciso al consigliere Gaeta che il tema non è la persona ma il metodo che è stato e che viene proposto in questa consiglio. Gianluca Festa chiese di candidare Maggio l’anno scorso attuando un nuovo metodo. Passare alle opposizioni la presidenza del consiglio comunale. Oggi il metodo è già cambiato. Questo stiamo contestando, non la persona di Ugo Maggio che saluto. La nostra sarà un’opposizione forte e costruttiva. Pretendiamo delle regole ben precise per una collaborazione massima è utile alla città. Oggi si parte male. Si parte con uno sgambetto della maggioranza alle opposizioni. Prendiamo atto che questo è il metodo. Se volete creare una squadra bisogna fissare delle regole ben precise e chiare“.

11.08 – Dino Preziosi. per il leader di Forza Italia, il Presidente del Consiglio deve esser dato all’opposizione. Il primo atto di questa amministrazione non è stato quello da lei ribadito, sindaco. “Lei aveva detto di voler fare squadra e collaborare con le opposizioni e con Maggio non l’ha fatto”-sottolinea Preziosi.

11.00- Continuano gli appoggi a Ugo Maggio da parte della maggioranza del Consiglio Comunale. Parla Melillo dicendo di non soffermarsi troppo sulle polemiche. Bisogna lavorare per il bene della città e iniziare i lavori il prima possibile

10.57- Gianluca Gaeta sottolinea l’importanza di Ugo Maggio in consiglio comunale criticando le polemiche che si stanno creando in aula sulla sua candidatura. “Il gruppo Ora Avellino appoggia la candidatura del membro di maggioranza Ugo Maggio”- ha affermato

10.52- Ugo Maggio ringrazia il suo gruppo per l’appoggio come Presidente del Consiglio Comunale. “Parliamo di garanzie per la città e qui c’è n’è bisogno”- conclude Maggio

10.50-Nicola Giordano sottolinea la totale amarezza riguardo la non volontà di trovare un nome condiviso per il presidente del consiglio comunale. Giordano esprime la sua amarezza riguardo la scelta di Ugo Maggio che non può garantire l’imparzialità nel consiglio

10.40- Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle, Ferdinando Picariello, annuncia il ritiro della candidatura come Presidente del Consiglio Comunale.

10. 35- dopo la convalida degli eletti, è stata chiesta la sospensione del consiglio per trovare un nome unico per l’elezione del Presidente del Consiglio Comunale. In pole Ugo Maggio?

Si tratta del primo consiglio comunale dell’era Festa. All’ordine del giorno l’ingresso di sei nuovi consiglieri (Mario Spiniello, Elia De Simone, Jessica Tomasetta, Carmine Di Sapio, Mirko Petrozziello e Gabriella D’Aliasi). Saranno loro a sostituire gli eletti entrati in Giunta. Ci sarà poi la presentazione della squadra di governo, il giuramento del Sindaco e le illustrazione delle linee programmatiche.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie