Contagio covid, aumentano i positivi: ma non è preoccupante

Contagio covid, aumentano i positivi: ma non è preoccupante anche perché coincide con un boom di tamponi effettuati per il green pass obbligatorio. Ma non solo: l'incremento dei positivi in questo fine settimana non si è tradotto in un aumento dei ricoveri, che invece sono in costante calo. Se la vaccinazione prosegue con questi ritmi entro dicembre si raggiungerà il 90%. E in primavera addio green pass e mascherine.

4' di lettura

Il contagio covid torna a crescere in Italia, anche per il grande aumento dei tamponi elaborato, diretta conseguenza del green pass obbligatorio sul lavoro.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Il contagio covid torna a crescere in Italia, ma dobbiamo preoccuparci? Non molto, non ora, non fino a quando le vaccinazioni continuano a questo ritmo: se si continua così già a dicembre la percentuale dei vaccinati dovrebbe raggiungere la ragguardevole soglia del 90% di over 12 immunizzati.

Contagio covid: 90% immunizzato, conseguenze

Il 90% era un limite definito da molti “irraggiungibile”. Eppure quasi ci siamo.

Una soglia di immunizzati che potrebbe avere tre conseguenze immediate:

  • la riduzione dei test per il Green Pass obbligatorio;
  • l’aumento complessivo della protezione;
  • l’allentamento delle misure di sicurezza (addio green pass e mascherine).

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Contagio covid: 90%, addio green pass e mascherina

Il 90% dei vaccinati è una soglia già raggiunta dalla Danimarca. Gli esperti sostengono che se in Italia si dovesse concretizzare quel traguardo, subito dopo l’inverno potrebbe essere eliminato il green pass obbligatorio e l’uso della mascherina.

Il contagio covid in aumento non preoccupa fino a quando non si registra una crescita parallela dei ricoverati in ospedale, dunque.

Contagio covid: numeri in discesa poi la fiammata

Da settimane ci siamo abituati a numeri di positivi in costante discesa.

A inizio agosto si contavano 45.651 contagi ogni sette giorni. A ottobre quel numero è precipitato a 17.751.

Ora, negli ultimi due giorni una nuova improvvisa fiammata: tra sabato e domenica i contagi sono stati 5.420.

Contagio covid: segnali di ripresa?

È il segno della ripresa del contagio covid nel Paese? Non esattamente. Con l’introduzione del green pass obbligatorio, come sapete chi non è vaccinato deve sottoporsi al test. E questo ha causato un consistente aumento dei tamponi effettuati.

Tra sabato e domenica ne sono stati elaborati 853.686.

Il che significa (numeri alla mano), che a fronte di un aumento dei test del 27,9% i positivi sono cresciuti del 7,8%.

Contagio covid: tasso in discesa, individuati asintomatici

Questo cosa significa? Che il tasso di contagio covid è sceso allo 0,6%. Più basso rispetto ai giorni scorsi.

Il green pass obbligatorio, che ha costretto tante persone a effettuare il tampone, non ha dunque fatto crescere la percentuale dei positivi, ma ha consentito di individuare un bel po’ di asintomatici. Che si traduce in un concreto limite all’eventuale nuova diffusione del virus su scala più larga.

Contagio covid: attenzione all’influenza

C’è comunque chi invita a non abbassare la guardia, a non ritenere che la pandemia sia già una pagina del passato.

«È importante – ha dichiarato il virologo Pregliasco – osservare con attenzione il numero delle persone che sono ricoverate. Se aumentano le considerazioni sono differenti. Va detto comunque che l’arrivo dell’inverno e il ritorno nei luoghi chiusi potrebbe portare a un aumento dei contagi. Il problema è che questo dato potrebbe incrociarsi con l’influenza che, rispetto al 2020, quest’anno si sta diffondendo».

Contagio covid: gli indici sotto osservazione

La questione dei ricoveri incide direttamente sul sistema dei colori delle Regioni. Molto più dell’indice Rt, che è quello che segnala la trasmissione del contagio.

E questo dato al momento è tranquillizzante. Perché il calo delle persone ricoverate in ospedale per contagio covid è costante.

Con il numero dei positivi in aumento entra in gioco un altro indice per il sistema dei colori, che è quello del numero dei contagi ogni 100.000 abitanti.

Quel dato potrebbe avere delle ripercussioni. Non solo per i “colori di rischio”, ma anche per i viaggi: infatti in molti Paesi europei andare oltre determinate soglie per quell’indice viene considerato un potenziale rischio.

È pur vero – e questo è sostenuto da un numero importante di esperti – che l’aumento della vaccinazione dovrebbe impedire anche l’aumento significativo di quel dato.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie