Conto corrente di base: conveniente e nascosto dalle banche

Il conto corrente di base è una opportunità importante per le persone che hanno una situazione economica fragile. Le banche hanno l'obbligo di renderlo disponibile, gratuitamente (o quasi), a tutti cittadini che rispondono ai requisiti: Isee fino a 11.600 euro o pensionati con trattamento lordo annuo che non supera 18.000 euro. Perché conviene e come scegliere quello più economico.

5' di lettura

Il conto corrente di base è nettamente il conto corrente più economico sul mercato e tutte le banche sono obbligate a offrirlo (quasi gratis) a chiunque ne faccia richiesta e rientri nei requisiti previsti dalla legge.

Il conto corrente di base è stato ideato per consentire a tutti i cittadini italiani di avere un conto in banca e utilizzare strumenti di pagamento digitali.

Il conto corrente di base è stato istituito nel 2011, con il decreto Salva Italia. E nasce dalla convenzione tra il Ministero di Economia e Finanze, Banca d’Italia, Abi, Poste Italiane, Associazione Italiana Istituti di Pagamento di Moneta Elettronica e in collaborazione con le associazioni dei consumatori e dei pensionati.

Conto corrente di base: perché è stato istituito

Questo strumento si rivela particolarmente utile per le fasce della popolazione economicamente più fragili. Con i requisiti di cui ci apprestiamo a parlare si può avere accesso al conto corrente di base gratuitamente.

Funziona come un normale conto corrente, anche se consente l’accesso a un minor numero di funzionalità.

Con un conto corrente di base è comunque possibile:

  • accredito dello stipendio o della pensione
  • fare e ricevere bonifici
  • ottenere una carta di debito (bancomat)

Il conto corrente di base non prevede la possibilità di fare assegni o di andare in rosso.

Il canone annuo: e qualche banca ci marcia

L’unico costo previsto per un conto corrente di base è il canone annuo, che infatti viene applicato dalle banche e riteniamo sia troppo alto rispetto alla funzione che è stata assegnata a questo strumento finanziario. Le cifre oscillano infatti tra i 15 e i 70 euro l’anno.

15 euro va benissimo, un canone da 70 euro viene applicato solo per scoraggiare il cliente, evidentemente. Può convenire sceglierne uno che oscilla tra i 15 e i 30 euro.

I requisiti per il conto corrente di base

Il conto corrente di base deve essere offerto gratis e con l’esenzione dell’imposta di bollo ai clienti che hanno un Isee in corso di validità inferiore a 11.600 euro.

Ma non solo. Il conto corrente di base deve essere offerto gratuitamente (ma senza l’esenzione dell’imposta di bollo) a tutte le persone che ricevono un trattamento pensionistico lordo annuo non superiore a 18.000 euro.

In entrambi i casi, comunque, nonostante il canone sia gratuito c’è la possibilità, per le banche, di applicare spese per delle operazioni aggiuntive o per quelle che eccedono il contenuto minimo del prodotto.

Il conto corrente di base può essere attivato da tutte le persone che soggiornano legalmente in Italia, compresi i senza fissa dimora e i richiedenti asilo politico.

Quando le banche possono dire di no

Le banche e gli uffici postali hanno l’obbligo di offrire almeno un prodotto che abbia le stesse caratteristiche del conto corrente di base.

Le banche possono rifiutare l’apertura di un conto corrente di base solo se la persona che lo richiede non ha i requisiti necessari (Isee superiore a quello previsto, un altro conto in Italia, non soggiorna legalmente nel nostro Paese, e così via).

Si può fare opposizione al rifiuto della banca

La banca può dire di no anche se ha il fondato sospetto che il cliente userà il conto corrente di base per scopi illeciti.

Se la banca dice no, avete il diritto di essere informati del rifiuto, immediatamente e senza spese, entro 10 giorni lavorativi. L’istituto di credito deve anche indicare i motivi del veto.

È possibile fare opposizione al rifiuto della banca, inviando un reclamo all’istituto di credito, un esposto alla Banca d’Italia o rivolgendosi all’Arbitrato Bancario Finanziario.

Si può chiudere il conto senza penali

Il conto corrente di base si apre come abbiamo visto gratuitamente (se si esclude il canone annuo) e può essere chiuso in qualsiasi momento senza pagare nessuna penalità. Proprio come per qualsiasi altro conto corrente.

Chi chiude il conto corrente di base potrebbe comunque pagare spese per alcuni servizi, mentre il canone previsto è riferito solo al periodo in cui il conto è rimasto attivo.

Se qualcuno ha un conto corrente normale e vuole passare a un conto corrente di base può farlo tranquillamente. È ovviamente possibile trasformare un conto corrente di base in uno normale.

Come scegliere il conto corrente di base più conveniente

Come si sceglie il conto corrente di base più conveniente? È piuttosto semplice. Dovete prestare attenzione al documento informativo sulle spese che le banche hanno l’obbligo di sottoporre all’attenzione del cliente.

Quello che dovere verificare in particolare è l’Indicatore dei Costi Complessi, l’ICC.

L’ICC viene calcolato inserendo tutti i servizi e le operazioni che devono essere inclusi, secondo la normativa, nel conto corrente di base.

In pratica l’ICC è il canone annuo omnicomprensivo.

Per le news e i video di TheWam segui questi link:

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie