Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Conti e Carte » Servizi Finanziari / Conto corrente in rosso: tutti i rischi

Conto corrente in rosso: tutti i rischi

Scopri quali sono i rischi di un conto corrente in rosso e come evitarli.

di The Wam

Marzo 2022

Oggi parliamo dei rischi che si corrono ad avere un conto corrente in rosso, spiegando anche come fare a evitarli. Scopri le ultime notizie su mutui e prestiti. Leggi su Telegram tutte le news sulla finanza personale. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito.

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Conto corrente in rosso: che significa?

Un conto corrente è uno strumento bancario che ti consente di effettuare molti tipi di operazioni finanziarie.

L’apertura di alcuni tipi di conto ti dà diritto ad avere una carta di credito o debito, per effettuare acquisti o prelevare denaro agli appositi sportelli.

Grazie al conto corrente puoi avere un IBAN, che ti consente di effettuare o ricevere pagamenti. Sul conto corrente puoi far accreditare lo stipendio o la pensione. Usandolo puoi anche pagare le bollette e le rate di un prestito o di un mutuo.

A seconda del tipo di conto, se il contratto lo prevede, la banca può autorizzare pagamenti anche quando non ci sono soldi sufficienti, ma questo manderà il tuo conto corrente in rosso.

Se capita una volta di andare “sotto zero”, non si corrono molti rischi.

Facciamo un esempio: se lo stipendio che ricevi il primo del mese ti viene accreditato in ritardo, ma lo stesso giorno previsto per la ricezione dei soldi la banca fa partire i pagamenti delle rate del prestito e del mutuo insieme ad eventuali accrediti di bollette, questo viene visto dall’istituto come un “incidente di percorso” e non porta conseguenze.

Diversa, invece, la situazione se i tempi del conto corrente in rosso si allungano, anche con piccole cifre. Vediamo quindi cosa succede con il conto corrente in rosso.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulla finanza personale, la gestione del credito e dei debiti. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Conto corrente in rosso: i rischi

Avere un conto corrente in rosso fa correre molti rischi al proprietario, soprattutto dal 1° gennaio 2021. Da quella data, infatti, per via di una direttiva europea che l’Italia ha recepito, chi va sotto rischia di diventare moroso e vengono bloccati tutti gli addebiti automatici (si dice anche “andare in default”).

Per andare in default quindi si devono verificare due condizioni contemporaneamente:

C’è un limite temporale però, che serve alla banca per capire se si tratta di una problematica momentanea oppure di un debito difficilmente sanabile. Questo tempo è di 90 giorni. Il periodo può arrivare a 180 giorni per alcuni casi speciali.

Devi ricordare tre cose importanti:

A proposito di quest’ultimo punto devi infatti sapere che è consentito sottoscrivere degli accordi con la banca che accorda degli “scoperti“. Ricorda che questo tipo di operazione non è un obbligo di legge, ma una sorta di “favore” che fa la banca ed ha anche un costo: sulla cifra di scoperto, infatti, si pagato degli commissioni.

Diventa dunque fondamentale capire con il proprio istituto bancario se è prevista o no nel contratto la possibilità di andare in rosso senza essere segnalati e fino a quale cifra è possibile scendere. Questo si dovrebbe fare prima dell’apertura di qualsiasi strumento finanziario. Per ulteriori informazioni leggi questo approfondimento.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Conto corrente in rosso: tutti i rischi
Conto corrente in rosso: tutti i rischi

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp