Conto corrente non pignorabile: quando si è al sicuro?

Conto corrente non pignorabile: esiste davvero un deposito al sicuro dal recupero crediti? Scoprilo in questo articolo.

3' di lettura

Cosa intendiamo esattamente per “conto corrente non pignorabile”?

Partiamo dal presupposto che qualsiasi conto corrente può subire un pignoramento da parte di soggetti terzi (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

In questo articolo troverai un approfondimento in merito alla questione.

Conto corrente non pignorabile: cosa significa?

Conto corrente non pignorabile: esiste davvero? Di fatti, nessun conto corrente è “al sicuro” dal pignoramento da parte di terzi. Basta anche una piccola cifra depositata, in pratica, per far scattare la procedura.

Da precisare che anche un conto Paypal e un conto all’estero sono soggetti al recupero crediti (d’altra parte, è chiaro che in tal caso i tempi si allungano, a volte di molto, tanto che alcuni creditori addirittura “rinunciano” a raggiungerli).

Stesso discorso per quanto riguarda le carte di credito e le carte di pagamento in generale (cioè anche quelle senza Iban): tutte quante possono essere oggetto di una procedura di pignoramento se sono a nome del debitore. Detto ciò, esistono alcune eccezioni particolari alle summenzionate regole generali.

Ricevi tutte le news sul conto corrente non pignorabile, sui bonus e sulle notizie dal mondo del lavoro direttamente su whatsapp. Ricevi tutti gli aggiornamenti sulla finanza personale entrando nel nostro canale Telegram o sul gruppo Facebook dedicato a questo argomento.

Pagamento reddito di cittadinanza luglio: ecco le nuove regole

Quando un conto corrente non è pignorabile?

Conto corrente non pignorabile: esiste davvero? In sostanza, nessun conto corrente è al sicuro dal pignoramento, tuttavia, in alcuni casi è praticamente impossibile svolgere su di esso una procedura di recupero crediti.

Nello specifico:

  • se un conto corrente è in rosso – non c’è alcune cifre depositata – non può essere oggetto di pignoramento
  • Allo stesso modo non possono essere pignorate le somme depositate sui conti affidati (il fido costituisce un finanziamento, quindi, un debito e non soldi del correntista) o quelli su cui sono accreditati solo ed esclusivamente trattamenti dedicati agli invalidi (il pignoramento si attiva se nel flusso entrate/uscite ci sono anche altri redditi)

Sono parzialmente pignorabili, invece, i conti correnti cointestati (le somme appartengono al 50% al titolare del debito e si possono pignorare solo in questa misura). Da ricordare, infine, che sui conti dove si accredita stipendio e pensione il pignoramento può scattare solo oltre la soglia del triplo dell’assegno sociale (poco sotto i 1.500 euro).

Se vuoi fare delle domande sul conto corrente non pignorabile, sui bonus o sui temi legati al mondo del lavoro seguici su Instagram

Per ricevere tutte le ultime notizie, entra subito nei gruppi social per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Aggiungiti a 79mila persone e guarda le video-guide sui bonus sul canale YouTube di TheWam.net.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie