Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto » Risparmio e Investimenti / Qual è il contratto di affitto più conveniente oggi?

Qual è il contratto di affitto più conveniente oggi?

Qual è il contratto di affitto più conveniente oggi? Vediamo insieme quale tipologia è più vantaggiosa per il locatore e per il locatario.

di Carmine Roca

Maggio 2022

Attualmente qual è il contratto di affitto più conveniente? E come valutare le migliori condizioni sul mercato? Ne parliamo in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Contratto di affitto più conveniente: cosa valutare?

Ad oggi qual è il contratto di affitto più conveniente? Per stabilirlo è doveroso prendere in esame due fattori: la tipologia del contratto di locazione e il regime fiscale applicabile ai canoni di locazione.

È chiaro che, non sempre, il contratto più vantaggioso per il proprietario di casa è ugualmente vantaggioso per l’affittuario.

Il primo punto da risolvere quando si parla di contratti d’affitto è la registrazione. Un contratto di affitto non registrato probabilmente è più conveniente per il locatore e per il locatario, ma in caso di controversie nessuna delle due parti potrà rivolgersi a un giudice per far valere le proprie ragioni, in quanto il contratto sarebbe nullo, mai esistito.

Inoltre, si potrà pure risparmiare qualche decina di euro in termini di costo d’affitto e fiscali, ma parliamo sempre di una frode nei confronti dello Stato (evasione fiscale). Quindi è sempre più conveniente registrare il contratto d’affitto.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Contratto di affitto più conveniente per il locatario

Una persona o una famiglia alla ricerca di un appartamento da affittare per molti anni, per convenienza dovrebbe firmare un contratto di affitto a canone libero.

Questa tipologia di contratto ha una durata più lunga, non può essere rescisso prima di 4 anni e dopo la scadenza viene rinnovato automaticamente per altri 4 anni (da qui il nome di “4+4”). Il canone è più costoso degli altri, perché può essere concordato tra le parti e non è calmierato dagli accordi di categoria.

Se si vuole, invece, risparmiare sul costo del canone potrebbe essere opportuno siglare un contratto di affitto a canone concordato (3+2), che ha una durata di tre anni rinnovabile per altri due anni, ma è più economico del tipo di contratto spiegato in precedenza. Il costo del canone è il più basso sul mercato ed è fissato dagli accordi locali delle organizzazioni della proprietà edilizia e delle organizzazioni dei conduttori.

Anche a livello fiscale, il canone concordato è più conveniente, perché l’inquilino potrà godere di due detrazioni per l’abitazione principale, per i primi tre anni dal trasferimento nell’abitazione:

Se, invece, non si cerca un appartamento per un lungo periodo, è opportuno firmare un contratto di locazione per uso transitorio della durata di massimo 18 mesi (rinnovabili per altri 18 mesi), che permetta un recesso in tempi brevi, a differenza delle altre due tipologie di contratto, dove il recesso del canone non può avvenire prima della scadenza del contratto, a patto che non sia per giusta causa.

Canone di affitto più conveniente
Qual è il canone di affitto più conveniente oggi?

Contratto di affitto più conveniente per il locatore

Per un proprietario di casa, invece, il canone di locazione più conveniente è sicuramente il canone libero, poiché l’importo del fitto è determinato dai prezzi di mercato.

Il contratto di locazione a canone concordato è comunque vantaggioso per il proprietario di casa, perché può essere rescisso in tempi brevi (3 anni e successivamente 2 anni). Questo tipo di canone è conveniente a livello fiscale perché è prevista una riduzione della base imponibile dell’IRPEF al 30%, nel caso in cui non si dovesse scegliere la cedolare secca.

Inoltre è prevista una riduzione della base imponibile per l’imposta di registro pari al 30%. In caso di opzione cedolare secca, l’aliquota è ridotta al 10% anziché al 21%.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp