Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Contributi a fondo perduto Sostegni Bis: guida rapida

Contributi a fondo perduto Sostegni Bis: guida rapida

Contributi a fondo perduto del Decreto Sostegni Bis: quando si deve fare domanda?

di Guglielmo Sano

Maggio 2021

Nuova tranche di contributi a fondo perduto nel Decreto Sostegni Bis: per alcuni scatterà il pagamento in automatico mentre altri dovranno fare domanda. Una guida completa e veloce al meccanismo che regola i Ristori (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

INDICE:

Contributi a fondo perduto: a chi spettano in automatico

Con il Decreto Sostegni Bis è stata messa a disposizione delle aziende più in difficoltà, a causa del Covid, una nuova tranche di contributi a fondo perduto. Sarà erogata in automatico a chi ha ricevuto quella prevista dal primo Decreto Sostegni: c’è tempo fino al 28 maggio per presentare richiesta.

L’importo dei Ristori che si riceveranno rimarrà lo stesso della prima tranche (requisito fondamentale che la Partita Iva richiedente sia ancora attiva).

Nel caso in cui si ritenga che debba essere maggiorato, quindi, bisognerà presentare una nuova domanda: in tal evenienza valgono i requisiti richiesti per i nuovi beneficiari. Detto questo, anche per i “vecchi” beneficiari sarà necessario presentare una nuova domanda all’Agenzia delle Entrate. Una procedura utile a ottenere il saldo finale dei contributi a fondo perduto – Bonus introdotto dal Sostegni Bis – in base alle perdite emerse nel confronto tra il periodo di imposta 2019 e quello 2020.

Chi deve presentare la domanda per i ristori?

Per richiedere i contributi a fondo perduto, previsti dal decreto Sostegni Bis, bisognerà rispettare alcuni requisiti. Li vedremo fra poco.

Nel piano di aiuti c’è un minimo 1.000 euro e un massimo 150mila euro che possono essere percepiti sotto forma di erogazione diretta o a titolo di credito di imposta. Il saldo finale è calcolato in base alle perdite di esercizio effettive nel confronto tra il 2019 e il 2020. Ecco i requisiti:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp