Contributi per la pensione minima 2022: quanti ne servono?

Come cambia da quest'anno il calcolo di requisiti e contributi per la pensione minima 2022? Vediamolo insieme in questo approfondimento.

3' di lettura

Come cambia da quest’anno il calcolo di requisiti e contributi per la pensione minima 2022? (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook)

Sono diverse le novità introdotte già a partire dal primo gennaio, in fatto di trattamento pensionistico minimo e integrazione.

In questo articolo le vedremo nel dettaglio, per capire esattamente come cambia l’accesso alla pensione.

Pensione minima 2022: cambia l’importo

Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 l’importo di quella che viene comunemente definita pensione minima è stato pari a 515,58 euro, ossia 6.702,54€ l’anno.

A partire da quest’anno, però, l’importo verrà incrementato dell’1,7%. La percentuale indica il tasso di rivalutazione rilevato dai dati ISTAT e confermato dal Ministero dell’Economia con uno specifico decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

In altre parole, l’1 gennaio 2022 è entrata ufficialmente in vigore la nuova pensione minima, con un importo pari a 524,34 euro mensili, ossia 6.816,42€ l’anno.

Non ci sono solo buone notizie, per chi si avvicina alla richiesta del trattamento pensionistico: restano infatti esclusi dall’integrazione i pensionati che rientrano interamente nel sistema di calcolo contributivo.

Tutti gli altri dovranno certificare di possedere determinati requisiti e contributi per la pensione minima 2022: nel prossimo paragrafo ti illustriamo nel dettaglio come cambia l’accesso al trattamento minimo.

Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Contributi per la pensione minima 2022

Come abbiamo visto in apertura, oltre all’integrazione, variano anche requisiti e contributi per la pensione minima 2022.

Le oscillazioni di importo del trattamento pensionistico minimo, infatti, modificano anche le modalità di accesso.

Per questo dal 2022 si richiede ai pensionati di soddisfare un requisito economico, uno anagrafico e uno contributivo.

Per accedere alla pensione, infatti, si richiedono:

  • 67 anni di età e 20 anni di contributi solo quando l’assegno maturato ha un importo pari o superiore a 1,5 volte il trattamento minimo (la cifra di riferimento del 2022 corrisponde quindi a 10.224,63 euro) nel caso della pensione di vecchiaia;
  • età di 64 anni e 20 anni di contributi se la pensione maturata è pari o superiore a 2,8 volte il trattamento minimo, quindi 19.085,97 euro per il 2022, nel caso dei contributivi puri che vogliano accedere alla pensione anticipata.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi sui contributi per la pensione minima 2022 non esitare a scriverci su Instagram.

Contributi per la pensione minima 2022
Contributi per la pensione minima 2022: quanti ne servono?

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie