C’è un bar dove è vietato parlare di coronavirus

E' a Roma, nella zona di Ponte Galeria, c'è un cartello giallo che avvisa i clienti: in questo bar è vietato parlare di coronavirus. I clienti sono entusiasti, la proprietaria del locale più serena. E ora quel bar è diventata un'oasi di pace nel mare rumoroso delle chiacchiere da coronavirus.

C'è un bar dove è vietato parlare di coronavirus
Coronavirus: a Roma in un bar di Ponte Galeria c'è un cartello giallo con una scritta nera che avvisa i clienti che in quel posto è vietato parlare di coronavirus.
3' di lettura

Sono entusiasti i clienti di un bar dove è vietato parlare di coronavirus. Tra tanti obblighi, divieti e restrizioni, forse è quello più apprezzato. Avere un luogo, almeno uno, dove il principale argomento di discussione degli ultimi otto mesi è messo al bando. Senza deroghe.

Un cartello giallo con una scritta nera

Accade a Roma, in un bar nella zona di Ponte Galeria. Appena si entra si legge un cartello giallo con la scritta nera (come quello di Bocca di Rosa), ben visibile: «Vietato parlare di Coronavirus». A lato un altro consiglio. E qui si entra nel dettaglio di miriadi di conversazioni nelle quali anche voi, ne siamo certi, siete rimasti invischiati in questi mesi, forse anche ora, poco prima di leggere queste righe: «E’ sconsigliato formulare possibili scenari, veggenze sui prossimi dpcm, virologia». Ovvero: tutto quello che ascoltate in tv, vi viene raccontato da amici e colleghi e ripetuto e amplificato sui social, qui non si ripete.

Quel bar è diventato un’isola di silenzio in un mare rumoroso di coronavirus.

L’atmosfera tra i clienti si era fatta pesante

«Avevamo notato – ha dichiarato la proprietaria Cristina Mattioli – che dopo le vacanze serpeggiava il malumore tra i clienti. Tutti facevano colazione e prendevano il caffè da soli. E se qualcuno parlava era per rimuginare sul cattivo comportamento di chi in estate non aveva rispettato le regole… L’atmosfera si era fatta pesante».

Sono consigliati anche gli altri argomenti di discussione

In un bar, mentre si sorseggia un caffè o un aperitivo, l’atmosfera pesante non è contemplata. Rischia di rendere sgradevole anche un sorso del caffè dall’aroma più pregiato. Ma non solo. Pure per chi è dietro al bancone, giorno dopo giorno, deve essere complicato fare bene il lavoro in un clima che diventa teso per l’onnipresenza del coronavirus, con l’inevitabile contorno di sprovveduti esperti del giorno che discettano di ogni cosa sapendo poco o nulla di ogni cosa.

«Così – racconta Cristina Mattioli – ci è venuta questa idea per spingere i clienti a parlare d’altro. Dobbiamo ricominciare a vivere, ci sono anche altre cose che ci siamo persi oltre il coronavirus. Dobbiamo riprenderci in mano la nostra vita normale».

L’entusiasmo dei clienti

E i clienti, l’hanno presa bene? Forse anche meglio che bene. Almeno un posto dove il protagonista non si chiama coronavirus, dove a parlare non è un virologo e dove non c’è un conflitto d’interessi sui colori, che poi, a Roma, la questione tra giallo e rosso proprio non si pone. Quei due colori vanno insieme. Sempre. A meno che non si tifi Lazio.

E comunque, clienti entusiasti. Ligi – questa volta – a seguire un altro divieto, un altro obbligo: non si parla di coronavirus. E a farlo con il sorriso sulle labbra. La proprietaria ha anche consigliato una serie alternativa di argomenti di discussione.

«Nessuno sottovaluta il momento che stiamo vivendo – conclude Cristina Mattioli – e le precauzioni da rispettare, ma senza infrangere le regole abbiamo bisogno di leggerezza, almeno durante la pausa caffè».

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie