Coronavirus, calciatore con sintomi senza tampone dopo quindici giorni

Quindici giorni con sintomi in casa, senza che gli sia stato effettuato il tampone. La denuncia dell'attaccante Giuseppe Guardabascio

Fatemi il tampone


2' di lettura

Giuseppe Guardabascio, bomber del Marcianise calcio, legatissimo all’Irpinia (ha militato in varie squadre irpine fra promozione ed eccellenza), ha raccontato la sua storia a CRT Radio. (Qui il link alla diretta con tutti gli aggiornamenti sul Coronavirus)

“Da oltre 15 giorni chiuso in casa con sintomi, ma nessuno viene a farmi il tampone”. La denuncia, forte e finora inascoltata.

“Assurdo! Nemmeno oggi vengono a farmi il tampone…. inizialmente mi hanno detto di stare chiuso nella stanza fino a quando sarebbero venuti senza darmi una data precisa….. mi sono arrabbiato come una bestia e si sono ripresi per l’ennesima volta i dati dicendo che verranno domani, poi si sono giustificati dicendo che oggi non faranno tamponi a nessuno perché non ci sono e perché l’asl ieri sera aveva comunicato di non farli oggi… insomma non sapeva che dire!”. Così aveva scritto il calciatore in un sentito messaggio diventato virale sui social.


“Ho avuto la febbre – diceva ancora – dal 6 al 10 marzo, poi di nuovo dal 13 al 18 e la seconda volta è stata devastante, ho dormito per due giorni, non riuscivo a tenere gli occhi aperti, poi ho cominciato ad avere difficoltà a respirare con dolori al petto, infine perdita di gusto e olfatto che ancora non recupero. Ho chiamato tutti i numeri indicati: quello nazionale, quello regionale, il medico di base, numero asl, il 118 e infine anche i carabinieri…. non si è fatto vedere nessuno e non mi ha chiamato nessuno fino ad oggi”.

“L’unica cosa che chiedevano – conclude – era se avessi crisi respiratorie importanti, siccome avevo “SOLO” difficoltà a respirare hanno ritenuto opportuno non fare nulla! Sono rinchiuso in una cameretta da più di 10 giorni, l’unica cosa che mi hanno detto di fare senza sapere se sono positivo o negativo, per il resto ABBANDONO TOTALE!!! Ho provato a sentire pareri di diversi medici, ho fatto ricerche su siti attendibili, purtroppo non c’è chiarezza… informazioni contrastanti, chi dice che si è contagiosi per 14 giorni dalla manifestazione dei sintomi, chi dice che lo si è anche dopo la scomparsa dei sintomi… insomma ci si ritrova in balia delle onde, una cosa però l’ho capita : BISOGNA FARE I TAMPONI A TUTTI!”

“Io . Concludeva – sono stato coscienzioso e mi sono isolato senza sapere di essere o meno positivo, ma ci sono tante persone asintomatiche che vanno in giro a contagiare gli altri senza saperlo! Poi ci meravigliamo dei numeri impressionanti di morti e contagiati che ogni giorno travolgono gli italiani….Continuiamo a cantare dai balconi e a scrivere che ce la faremo, con la disorganizzazione degli ospedali e l’assenza totale dello Stato la vedo molto dura…..per uscire da questo incubo ci vuole solo la dittatura come la Cina!”

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Hai qualcosa da segnalare? Clicca qui e scrivici su WhatsApp.