Covid-19, De Luca: il caso Ariano iniziato con una festa di religiosi scatenati

Il presidente della Regione ha ricostruito il caso Ariano Irpino.



1' di lettura

De Luca ricostruisce “il caso Ariano Irpino”. Già zona rossa, in provincia di Avellino, ieri in città si sono registrati altri quattro contagi da Coronavirus. Nel Tricolle c’è stato il maggior numero di casi e morti in Irpinia.

Coronavirus, De Luca: ad Ariano tutto iniziato con una festa

De Luca ha detto: “Non ringrazio la decina di irresponsabili che ad Ariano ha cominciato quella situazione che oggi stiamo scontando. Tutto è iniziato con una festa di carnevale di un gruppo religioso che si è scatenato. Sono rimasti contagiati le suore e poi la curia. Diversi irresponsabili sono andati in giro per l’italia a trovare parenti. Anche un medico ha provocato il caos con sua moglie”.

“Abbiamo – continua De Luca – avuto una successione di comportamenti irresponsabili ed illegali. Abbiamo interessato anche la magistratura. Quasi il 40 per cento dei contagi dell’avellinese è stato ad Ariano. Stiamo concludendo i tamponi in città. Abbiamo deciso un intervento a tappeto per spegnere questo focolaio”.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Hai qualcosa da segnalare? Clicca qui e scrivici su WhatsApp.