Campania, Covid: cala l’età media dei contagiati in condizioni critiche

La situazione in tutta la regione. Il caso Pisciotta, i positivi a Salerno e i ricoveri negli ospedali. L'obbligo delle mascherine anche all'aperto. Timori per la movida: scattano i super controlli. L'indice Rt regione per regione. L'età media dei contagiati è scesa a 40 anni.

5' di lettura

In Campania è tornato il timore per il contagio da Covid. E sono tornate le mascherine, anche per strada. Già questa mattina. Negli ultimi giorni si sono registrate 32 nuove infezioni e sono spuntati piccoli focolai, soprattutto tra le province di Salerno e Caserta.

Salerno, mascherine anche all’aperto

Proprio a Salerno – anche riprendendo l’ordinanza emessa ieri sera dalla Regione -, il sindaco, Vincenzo Napoli, ha chiesto maggiori controlli delle forze dell’ordine per il rispetto delle norme di sicurezza anti contagio. E ricordato ai salernitani l‘obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto. Una misura necessaria per porre un argine all’ondata di nuovi contagi in città. “In questa fasi di ritorno al bar – ha dichiarato – invito tutti a una maggiore attenzione”.

Multe da mille euro e locali chiusi

Le nuove disposizioni emanate dalla Regione – e valide fino al 31 luglio – prevedono il blocco dei mezzi pubblici (bus e treni) se a bordo vi è un passeggero privo di mascherina, che sarà multato e fatto scendere. Inoltre sarà previsto il massimo della sanzione (1.000 euro) per chiunque non indossi la mascherina dove era già previsto dalle ordinanze regionali (tutti i luoghi al chiuso). E’ obbligatorio portare con sé la mascherina.

Quarantena per chi arriva dall’estero

Ma non solo: i cittadini che arrivano dall’estero devono obbligatoriamente osservare la quarantena. Le aziende sanitarie dovranno individuare alberghi Covid da riservare all’isolamento di pazienti asintomatici.

La situazione a Pisciotta

I casi a Pisciotta hanno raggiunto quota 11. Il focolaio cilentano – dopo che ha rallentato la diffusione del contagio sia a Capaccio Paestum, sia a Casal Velino – sta suscitando una inevitabile apprensione. Il sindaco, Ettore Liguori, è stato il primo in Campania, in questa nuova fase della diffusione del Covid, ha imporre per tutti l’obbligo delle mascherine anche all’aperto. Per il primo cittadino, comunque, la situazione è sotto controllo: le persone positive sono tutte in isolamento, così come i loro contatti più stretti e appartengono a pochi nuclei familiari, tutti residenti nella zona della Stazione vecchia.

Le condizioni degli infetti sono al momento buone. Il focolaio di Pisciotta si è innescato dopo la cena a casa di un professionista salernitano, residente in via Salvatore Calenda (poi risultato positivo con la moglie), alla quale hanno preso parte persone di Pisciotta.

Ieri a Pisciotta sono stati elaborati 5 tamponi, i tre della frazione Rodio, sono risultati negativi. Dei due della frazione Marina uno è positivo.

Degli 11 contagiati 5 sono in ospedale

Delle 11 persone risultate positive, tutte in isolamento, cinque sono ricoverate in ospedale.

Il Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Salerno ha disposto – a scopo ricognitivo e cautelativo – una campagna di tamponi per lunedì 27 luglio. Riguarderà altre persone potenzialmente entrate in contatto con i positivi. Sono state individuate in base alla prossimità del nucleo di origine del contagio e alle notizie raccolte dalle persone risultate positivi;.

Un altro caso ad Agropoli

Intanto c’è un nuovo positivo ad Agropoli, e non sembra collegato con il focolaio di infezioni che è scoppiato nella vicina Capaccio Paestum. Si tratta di una persona che è tornata dalle vacanze all’estero e aveva già la febbre. A darne notizia, durante la messa in onore della Madonna di Costantinopoli, è stato il sindaco di Agropoli, Adamo Coppola.

L’annuncio del sindaco durante la messa

“Ho appreso pochi minuti fa – ha dichiarato il primo cittadino – di un caso positivo al Covid-19. L’ho annunciato durante la Santa Messa in onore della Madonna di Costantinopoli. Si tratta di un concittadino rientrato da una vacanza e che, già febbricitante, era chiuso in casa, non avendo così contatti esterni. Ha fatto il tampone ed è risultato positivo”.

Il sindaco di Agropoli ha anche annunciato l’ordinanza che obbliga residenti, turisti e tutti coloro che transiteranno per la cittadina di indossare la mascherina, anche all’aperto.

Si aggrava la condizione di un paziente di Giugliano

Si sono nel frattempo aggravate le condizioni del paziente di Giugliano ricoverato al Cotugno di Napoli insieme alla moglie. Aveva scambiato la febbre per un colpo di calore, era invece il Covid. Che gli ha causato una polmonite e una conseguente grave insufficienza respiratoria, con livelli di ossigenazione nel sangue molto bassi.

Contagiati in gravi condizioni

Al Cotugno è in gravi condizioni anche un altro paziente. Non è anziano. E’ ricoverato in sub intensiva, ha accusato i primi sintomi dopo un viaggio nel Balcani.

La situazione negli altri Covid Hospital

Un altro paziente in condizioni critiche è ricoverato al Covid Hospital di Scafati, è un napoletano.

A Napoli si sono registrati tre nuovi ricoveri per Covid. C’è anche un ventenne che ha febbre e affanno, è al Cotugno. Gli altri due sono invece stati trasferiti al Covid Center di Napoli Est. Tutti erano risultati negativi ai test sierologici: accade spesso ai pazienti che sono asintomatici.

Si è abbassata l’età media dei contagiati in condizioni critiche

In tutto al Cotugno sono ricoverati 15 pazienti con Covid conclamato. Tre sono in gravi condizioni. Un numero che è raddoppiato rispetto alla scorsa settimana.

Il quadro è cambiato rispetto ai mesi precedenti. I casi gravi non colpiscono più solo gli anziani, ma anche persone che sono nella fascia di età tra i 30 e i 55 anni.

Indice Rt e regioni più a rischio

A livello nazionale il numero dei contagi è più o meno stabile rispetto alla scorsa settimana. E l’Rt (indice di trasmissibilità, che dovrebbe sempre essere al di sotto di 1, altrimenti l’epidemia rischia di essere fuori controllo), è di poco inferiore a 1: 0,95.

E’ superiore a 1, in sei regioni: Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria, Lazio e Lombardia. In nove regioni, invece, si segnala un aumento dei casi rispetto alla settimana precedente, che non può essere attribuito solo agli arrivi dall’estero.

In Campania l’indice attuale è 0,80, in calo rispetto allo 0,93 di qualche giorno fa (in province come quelle di Salerno e Caserta era invece più alto).

In Italia – informa la Protezione Civile -, ci sono diversi focolai, di grandezze diverse, in quasi tutte le regiorni. L’età media dei contagi è scesa a 40 anni.

Indice Rt regione per regione

Ecco gli indici Rt regione per regione:

Abruzzo: Rt 0.5

Basilicata: Rt 0.06

Calabria: Rt 0

Campania: Rt 0.8

Emilia Romagna: Rt 1.14

Friuli-Venezia Giulia: Rt 0.71

Lazio: Rt 1.04

Liguria: Rt 1.06

Lombardia: Rt 1

Marche: Rt 0.62

Molise: Rt 0

Piemonte: Rt 1.07

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Leggi qui l'ultima rassegna stampa inviata.

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie