Coronavirus. Restrizioni per feste: crolla spesa alimentare

Coronavirus. L'allarme lanciato dalla Coldiretti: niente cenoni, niente pranzi allargati, il calo della spesa alimentare sarò di cinque miliardi. Incide anche lo stop agli spostamenti degli italiani: lo scorso anno durante le feste si erano mossi dieci milioni di concittadini.

Coronavirus. Restrizioni per feste: crolla spesa alimentare
Coronavirus: le restrizioni che il governo si appresta a varare per le feste di fine anno causeranno un crollo verticale della tradizionale spesa alimentare.
2' di lettura

Le restrizioni in programma per le prossime feste di Natale per contenere la diffusione del coronavirus, quelle che dovrebbero scattare a partire dal 19 o dal 23 dicembre, e che prevedono tra l’altro lo stop agli spostamenti tra regioni e comuni, interessa circa 10 milioni d’italiani. O almeno lo scorso anno sono stati 10 milioni i concittadini che si sono spostati in occasione delle festività di fine anno. Per raggiungere parenti e amici o per andare in vacanza.

Lo scorso anno tavolate in media di 9 persone

Il turismo perderà 4.1 miliardi per questi divieti, tra mancati introiti per le strutture ricettive, trasporti, ristorazione e shopping. E la Coldiretti, che ha effettuato una analisi con l’istituto demoscopico Ixè, è preoccupata anche per altro: le limitazioni a cenoni e pranzi – come prevede il governo per limitare la diffusione del coronavirus in ambito familiare – mette a rischio i 5 miliardi che sono stati spesi lo scorso anno, in casa o per cenare fuori. Le tavolate del 2019 – ricorda la Condiretti – erano composte in media da 9 persone. Numeri improponibili con le limitazioni che si prevedono per questo 2020 segnato dal coronavirus.

Ecco la lista dei prodotti invenduti

La riduzione delle maxi cene per il coronavirus è destinata a provocare un taglio sostanzioso ai consumi.

La Coldiretti ha fatto stime precise ecco i cali nel dettaglio.

Pandori e panettoni: -70 milioni di chili

Bottiglie di spumante: -74 milioni di bottiglie

Pasta: -80 milioni di tonnellate

Cotechini, zamponi, frutta secca, pane, carne, salumi e formaggi: -6 milioni di chili

E questo solo per la vigilia di Natale e il cenone di Capodanno.

Pochi o nessun invitato: calano le portate

Un Natale, in tempi di coronavirus, nel ristretto nucleo familiare – sostiene la Coldiretti – «significa infatti anche maggiore sobrietà, meno brindisi e una netta riduzione di portate. Senza contare i tanti italiani, spesso anziani, che saranno costretti a trascorrerlo da soli».

Per la Coldiretti «il crollo delle spese di fine anno a tavola e sotto l’albero rischiano di dare il colpo di grazia ai consumi alimentari degli italiani che nell’intero 2020 fanno segnare un crollo storico del 12% con una perdita secca di 30 miliardi di euro. E le pesanti difficoltà di bar, ristoranti e pizzerie non sono compensati dal leggero aumento degli acquisti familiari di cibo e bevande».

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie