Coronavirus Italia, contagi in discesa eccetto che in Veneto

Nonostante la stabilizzazione del contagio da coronavirus in Italia, in Veneto purtroppo non si riesce a invertire la tendenza. Dati troppo alti, che secondo Zaia sarebbero dovuti all'efficienza nel tracciamento, insomma loro farebbero i tamponi alle persone giuste.

Coronavirus Italia, contagi in discesa eccetto che in Veneto
Gli ultimi aggiornamenti sul contagio da coronavirus in Italia, con i dati su positivi e posti letto occupati regione per regione.
2' di lettura

I dati di oggi, 8 dicembre, sulla diffusione del contagio da coronavirus in Italia certificano quanto previsto dalla comunità scientifica: il contagio si è stabilizzato e si spera che cominci presto anche la fase discendente. Oggi il tasso di positività sul territorio italiano è del 9,9%, significa che 1 persona su 10 testate è positiva al coronavirus.

Nonostante sia ancora inizio settimana e sia giorno di festa, quindi i tamponi siano di meno rispetto alla norma, il tasso di positività è uno dei pochi dati che riesce a fotografare in modo veritiero la situazione del contagio. Si tratta del rapporto tra positivi riscontrati e tamponi eseguiti.

Oggi, come detto, è del 9,9%, con 14842 positivi su 149232 tamponi. Ieri era del 12,3%, con 13720 nuove infezioni a fronte di 111217 tamponi effettuati. Ad alzare la media nazionale è sempre la regione Veneto, che per il quarto giorno consecutivo è quella che registra il bilancio peggiore.

Coronavirus Veneto, Zaia: qui tracciamento migliore

Il presidente Luca Zaia, consapevole dei dati in controtendenza con il resto d’Italia, ha commissionato uno studio speciale all’Università di Padova per provare a capire quanto sia l’incidenza della malattia sulla popolazione teoricamente sana. Tiene però a ribadire che nella regione dove amministra i tamponi vengono fatti in modo molto mirato e questo aumenterebbe la probabilità di trovare positivi.

I dati di oggi portano il numero degli attualmente positivi in Italia a 737525. Di queste persone che hanno contratto il coronavirus: 704099 sono in isolamento domiciliare; 30081 hanno bisogno di cure negli ospedali perché presentano sintomi; 3345 sono ricoverati in terapia intensiva. Nelle ultime 24 ore sono entrate in rianimazione altre 192 persone.

I decessi sono purtroppo ancora molti e il virologo Crisanti proprio oggi ha dichiarato che nei primi mesi del 2021 potrebbero aumentare ancora di più. Da ieri a oggi ci sono stati altri 634 decessi. Dall’inizio dell’emergenza sono morte, per cause riconducibili al coronavirus, 61240 persone.

Le altre regioni che registano una percentuale di positivi superiore alla media nazionale sono la Lombardia, con 1656 casi su 16276 tamponi (tasso di positività del 10,1%) e il Friuli Venezia Giulia, con 658 nuovi contagiati a fronte di 6427 tamponi (tasso di positività del 10,2%).

Ecco nel dettaglio i numeri sulle persone attualmente positive al coronavirus in Italia. La tabella, che comprende anche il numero dei posti letto occupati nei reparti ordinari e in quelli di terapia intensiva, è stata estratta dal bollettino della Protezione Civile di oggi 8 dicembre 2020:

bollettino-coronavirus-italia-8-dicembre-2020
Il dettaglio sui contagi da coronavirus in Italia con il dato dei posti letto occupati, regione per regione.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie