Coronavirus Italia oggi: aumentano contagi e morti

Coronavirus Italia oggi (11 febbraio 2021): tutte le notizie in tempo reale, aggiornamenti da tutte le regioni e flash da tutto il mondo, con news sulla campagna di vaccinazione, la diffusione delle varianti, le decisioni del governo ei provvedimenti delle Regioni.

Coronavirus Italia oggi: si diffonde la variante inglese
Coronavirus Italia oggi (11 febbraio 2021): tutte le notizie in tempo reale, aggiornamenti da tutte le regioni e flash da tutto il mondo con news sulla campagna di vaccinazione.
14' di lettura

Sono 15.146 i nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. Le vittime sono, invece, 391.

Sono stati 292.533 i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, con un tasso di positività rispetto ai nuovi casi che sale al 5,1% dal 4,1% di ieri. Le persone attualmente positive sono 405.019 (-5.092), mentre i guariti o dimessi sono 2.185.655 (+19.838 rispetto a ieri).

Le persone attualmente ricoverate in terapia intensiva in Italia a causa del Covid sono 2.126, due in meno rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi sono invece 18.942 (-338 rispetto a ieri).

Le vittime totali del coronavirus ad oggi in Italia sono 92.729. Per il secondo giorno consecutivo La Valle d’Aosta non registra decessi per coronavirus.

La regione con piu’ casi giornalieri è la Lombardia (+2.434, in netta crescita), seguita da Campania (+1.694, anche qui dati in aumento da giorni), Emilia-Romagna(+1.345), Lazio (+1.271) e Puglia (+1.248). Il totale dei contagi da inizio epidemia sale a 2.683.403.

In aumento i guariti, 19.838 (ieri 16.467), per un totale di 2.185.655. Ancora in calo il numero delle persone attualmente positive, 5-092 in meno (ieri -3.856), 405.019 in tutto. Di questi, 383.951 sono i pazienti in isolamento domiciliare, 4.752 in meno rispetto a ieri.

Lombardia, 2.434 contagiati

Sono 2.434 i nuovi positivi in Lombardia a fronte di 41.935 tamponi effettuati. Il tasso di positività è del 5,8% (ieri era del 5%). E i morti sono 54. Lo comunica la Regione Lombardia nel consueto bollettino sull’andamento della pandemia. Diminuiscono i ricoverati nelle terapie intensive (-3) e nei reparti (-14). I guariti/dimessi totale complessivo: 481.626 (+1.981), di cui 3.086 dimessi e 478.540 guariti.

Liguria, 319 positivi

Sono 319 i nuovi positivi al Coronavirus oggi in Liguria, a fronte di 3.888 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 2.606 tamponi antigenici rapidi. Otto sono i decessi mentre gli ospedalizzati calano di 3 unità.

Calabria, altri 198 contagi

In Calabria sono stati sottoposti a test, dall’inizio della pandemia, 516. 656 persone per un totale di tamponi eseguiti 546.673. I contagiati dal coronavirus sono 34.933 (+198 rispetto a ieri), quelle negative 481.723. Sono morte altre 6 persone.

Sicilia, 760 positivi

Sono 760 i nuovi positivi al coronavirus in Sicilia su 21.602 tamponi processati con una incidenza di positivi di poco piu’ del 3,5%, in leggera risalita rispetto a ieri. La regione e’ ottava nel contagio di oggi e scende di una posizione rispetto a ieri. Le vittime sono state 26 nelle ultime 24 ore e portano il totale a 3.783. Il totale degli attualmente positivi è 36.655, con una diminuzione di 932 casi rispetto a ieri. I guariti sono 1666. Negli ospedali continuano a diminuire i ricoveri che adesso sono 1.236; 42 in meno rispetto a ieri e diminuiscono anche quelli in terapia intensiva che sono 165, cinque in meno rispetto a ieri. La distribuzione nelle province vede Palermo con 374 casi, Catania 104, Siracusa 85,Messina 66, Trapani 43, Caltanissetta 33, Agrigento 28, Ragusa 20, Enna 7.

In Campania i contagi sono 1694

Sono 1.694, di cui 151 casi identificati da test antigenici rapidi, i nuovi contagi di coronavirus registrati in Campania nelle ultime 24 ore, a fronte di 21.458 tamponi, di cui 3.142 antigenici. Dei nuovi positivi 1.451 sono asintomatici, 92 i sintomatici. I guariti sono 1.140, le vittime sono 12. Ammontano a 115 i posti letto di terapia intensiva occupati (656 il totale di quelli disponibili), 1.425 i posti di degenza (3.160 complessivamente a disposizione).

Lazio, 1.261 positivi

Nel Lazio su oltre 12 mila tamponi (+492) e oltre 17 mila antigenici per un totale di oltre 30 mila test, si registrano 1.261 casi positivi (+234), 31 decessi (-20) e +2.930 i guariti. Aumentano i casi, mentre diminuiscono i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi e’ al 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende sotto il 4%. I casi a Roma citta’ sono a quota 600. Il valore Rt in lieve crescita ma rimane sotto 1. Diminuiscono i focolai, i tassi di occupazione di posti letto in area medica e terapia intensiva e il tasso di incidenza. Il Lazio rimane in zona gialla ma occorre massima attenzione alle misure di prevenzione

Piemonte, 1189 nuovi casi

In Piemonte sono 1.189 nuovi casi di persone risultate positive al coronavirus (di cui 143 dopo test antigenico). Dei 1.189 casi, 974 sono nuove segnalazioni di oggi e 215 sono aggiornamenti relativi a ieri. Positivi al tampone 5.9% dei 20.128tamponi eseguiti, di cui 11.657 antigenici. Dei 1.189 nuovi casi, gli asintomatici sono 430(36,2%). I casi sono così ripartiti: 217 screening, 593 contatti di caso, 379 con indagine in corso; per ambito: 36 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 119 scolastico, 1.043 popolazione generale.

Abruzzo, 540 nuovi contagi

Sono complessivamente 46686 i casi positivi al coronavirus registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 540 nuovi casi (di età compresa tra 5 mesi e 95 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 91, di cui 5 in provincia dell’Aquila, 39 in provincia di Pescara, 32 in provincia di Chieti e 15 in provincia di Teramo.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 5 nuovi casi e sale a 1538 (di età compresa tra 55 e 95 anni, 2 in provincia di Chieti, 1 in provincia dell’Aquila, 1 in provincia di Teramo e 1 in provincia di Pescara).

Emilia Romagna, 1345 positivi e 71 morti

In Emilia-Romagna i nuovi positivi sono 1.345, mentre i decessi sono 71.Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus si sono registrati 231.415 casi di positività.I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati 27.703 e la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 4,9%.

In Sardegna 125 nuovi contagi

Il Sardegna il tasso di positività al Covid è pari al 3,6% .Le vittime sono state 10. Il numero totale dei casi accertati dall’inizio dell’emergenza sale a a 39.950, quello delle vittime a 1.046. I nuovi contagi sono 125 su 3.415 test eseguiti rispetto al dato di ieri: il totale dei tamponi effettuati da marzo 2020 raggiunge quota 646.950 tamponi.

Friuli Venezia Giulia, 295 nuovi positivi

Sono 295 i nuovi contagi rilevati oggi in Friuli Venezia Giulia su 8830 tamponi molecolari, 66 i ricoverati nelle terapie intensive mentre scendono a 457 quelli negli altri reparti. Sono 16 i decessi che complessivamente ammontano a 2659: 596 a Trieste, 1325 a Udine, 567 a Pordenone e 171 a Gorizia. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 71.285 persone: 14.065 a Trieste, 31.762 a Udine, 16.108 a Pordenone, 8.498 a Gorizia e 852 da fuori regione.

Due scuole chiude per variante in inglese in provincia di Milano

Due scuole chiuse, materna ed elementare, a Bollate, nel Milanese, per la presenza di casi di contagio da variante inglese al coronavirus.Dall’analisi genotipica di alcuni dei 59 tamponi positivi rilevati nella scuola materna Munari e nella scuola elementare Marco Polo di Ospiate, è emersa la presenza della variante ‘inglese’ del Covid 19.Immediatamente sono state sospese le lezioni in presenza dei due plessi scolastici mediante attivazione della didattica a distanza.L’Ats, che ha processato i tamponi, ha chiesto, in via precauzionale, la sospensione delle lezioni e l’attivazione della dad anche per la scuola elementare di via Diaz a partire da domani, venerdì 12 febbraio e fino a tutta la prossima settimana.

Val d’Aosta, 9 contagi

Sono 9 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Valle d’Aosta: il totale dei contagi da inizio pandemia sale così a 7.886. È quanto emerge dal bollettino della Regione: il numero complessivo degli attuali positivi cresce di una unità a 148 totali. Nessun decesso Covid è stato comunicato nelle ultime 24 ore: il numero delle vittime in Valle d’Aosta rimane a 411. Sono invece 8 i guariti per un complessivo di 7.327: 309 i tamponi processati nello stesso arco temporale.

Puglia, 1.248 positivi

In Puglia, sono stati registrati 10.372 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.248 casi positivi: 431 in provincia di Bari, 157 in provincia di Brindisi, 58 nella provincia BAT, 216 in provincia di Foggia, 72 in provincia di Lecce, 304 in provincia di Taranto, 5 residenti fuori regione, 5 provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 33 decessi: 13 in provincia di Bari, 9 in provincia BAT, 3 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.408.642 test. 84.760 sono i pazienti guariti. 44.178 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia e’ di 132.459, cosi’ suddivisi: 50.237 nella Provincia di Bari; 14.417 nella Provincia di Bat; 9.672 nella Provincia di Brindisi; 27.470 nella Provincia di Foggia; 11.258 nella Provincia di Lecce; 18.710 nella Provincia di Taranto; 555 attribuiti a residenti fuori regione; 140 provincia di residenza non nota.

In Friuli Venezia Giulia 17 casi di variante inglese

Sono 17 i casi positivi che presentano la variante inglese individuati nei laboratori di virologia delle tre aziende sanitarie del Friuli Venezia Giulia e dalla Salus di Trieste. A darne notizia è il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

«Lo studio – spiega il vicegovernatore – è stato compiuto su un campione formato da 343 tamponi raccolti nei giorni compresi tra i 3 e 4 febbraio, riesaminati con test TermoFisher per valutare l’idoneità del materiale al sequenziamento. Del materiale a disposizione, 267 tamponi presentavano caratteristiche tali da poter essere valutati, e, di questi, 48 campioni avevano le caratteristiche in base alle quali era possibile verificare la presenza o meno della mutazione del gene S tipiche di questa variante e sono stati sequenziati con tecnica ngs presso l’area di ricerca di Trieste».

Campania, previsto un aumento dei contagi

Una previsione di oltre 254.000 casi di covid19 in Campania al 28 febbraio, rispetto ai 223.000 del primo febbraio. E’ l’allarme lanciato dall’Unita’ di Crisi della Regione sul covid nella relazione emessa dopo l’ultima riunione per verificare l’incidenza dei contagi scolastici. Per questo la Regione ha elaborato sulla base degli algoritmi un sistema di alert territoriale per individuare Comuni, Province o Macro aree “soggette ad incremento dei contagi idonei ad impattare in maniera significativa sull’incidenza della malattia a livello regionale”. L’Unita’ di Crisi sottolinea che gli alert dovranno orientare le decisioni locali.

Campania, aumenta il contagio nelle scuole

Nella prima settimana di febbraio si registra in Campania un aumento del numero assoluto dei contagi, pari a 9.226, dei focolai attivi, che sono 1.914, nonche’ di nuovi focolai, calcolati in 1.066. Lo rende noto nell’Unita’ di crisi regionale nella relazione tecnica pubblicata sul sito della Regione. Dal primo al 7 febbraio, inoltre, si evidenziano 29 focolai scoppiati in ambito scolastico (erano 7 nella settimana precedente), due in ambito ospedaliero, uno nelle carceri, uno registrato in un istituto religioso.

Campania, De Luca: misure straordinarie per il fine settimana

“Siamo alla vigilia di un fine settimana nel quale avremo il Carnevale e la festa di San Valentino. In un Paese nel quale i livelli di controllo sono ridotti a zero, e’ indispensabile che vi siano decisioni efficaci di contenimento degli assembramenti da parte del Ministero della Salute. Se in questi giorni avremo le strade e le piazze nelle condizioni dello scorso fine settimana, dovremo aspettarci nelle settimane successive una vera e propria esplosione di contagi nel nostro Paese. Riteniamo urgenti e indispensabili misure nazionali di prevenzione e contenimento”. Cosi’ il governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

Veneto, 708 nuovi positivi

Sono 708 i nuovi positivi al coronavirus trovati in Veneto a fronte 31mila tamponi di effettuati nelle ultime 24 ore (il 2,26% di incidenza). Sfiorano i 320 mila i positivi totali dallo scorso 21 febbraio ad oggi (319.515 per la precisione). Trentuno i decessi registrati nelle ultime 24 ore.

Alto Adige, 680 contagi

Dieci decessi, 680 nuovi casi, 453 pazienti covid ospedalizzati e – per la prima volta – oltre 18 mila persone in quarantena: sono questi i dati dell’ultimo bollettino dell’azienda sanitaria dell’Alto Adige. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 2601 tamponi pcr, registrando 308 casi positivi, e 8315 test antigenici con 372 casi positivi. Nei normali reparti ospedalieri attualmente si trovano 251 pazienti, nelle cliniche private 161 e in terapia intensiva 41 pazienti. Per la prima volta supera soglia 18 mila il numero degli altoatesini in quarantena, questo corrisponde a quasi il 3,5% della popolazione della Provincia di Bolzano

Basilicata, altri 104 contagi

In Basilicata ieri sono stati analizzati 988 tamponi molecolari: 104 sono risultati positivi al coronavirus e di questi 101 appartengono a residenti in regione. Lo ha reso noto la task force regionale, specificando che nelle ultime 24 ore e’ stato registrato un decesso, con il totale delle vittime lucane salito a 335. Sono 82 (cinque in meno di ieri) le persone ricoverate negli ospedali, delle quali cinque (come ieri) in terapia intensiva, tre al San Carlo di Potenza e due al Madonna delle Grazie di Matera. A seguito “di verifica e riallineamento tra le piattaforme della Regione Basilicata e dell’Istituto superiore di Sanita’, sono state registrate – e’ scritto nel comunicato – ulteriori 91 guarigioni relative al periodo antecedente, in precedenza non conteggiate” e di conseguenza, con le 55 registrate nelle ultime 24 ore, il numero dei lucani attualmente positivi e’ sceso da 3.117 a 3.071 (2.989 in isolamento domiciliare). In totale i guariti lucani sono 10.189. Dall’inizio dell’epidemia in Basilicata sono stati analizzati 219.886 tamponi molecolari, 203.583 dei quali sono risultati negativi e sono state testate 134.784 persone.

Toscana, 894 contagiati

I nuovi casi registrati in Toscana sono 894 su 19.422 test di cui 12.306 tamponi molecolari e 7.116 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi al coronavirus è 4,60% (9,0% sulle prime diagnosi). Lo ha annunciato su Facebook il presidente della Toscana, Eugenio Giani, anticipando il dato del bollettino regionale sull’andamento dell’epidemia di coronavirus. «Dobbiamo tenere la massima attenzione – ha aggiunto Giani -, continuiamo a portare sempre la mascherina e restiamo responsabili. Forza Toscana!».

Leggi anche: così ieri in Italia

Marche, i contagi sono 530

Nelle Marche sono stati individuati nelle ultime 24 ore 530 nuovi casi di infezioni da coronavirus, il 20,3% rispetto ai 2.614 tamponi processati all’interno del percorso per le nuove diagnosi; il giorno precedente, i positivi erano stati 421, il 18,6% dei 2.257 test effettuati. Il totale dei positivi dall’inizio della crisi pandemica è salito cosi’ a 59.533. Lo si apprende dal primo aggiornamento del Servizio sanitario regionale.

I nuovi positivi al coronavirus sono stati individuati 89 in provincia di Macerata, 242 in provincia di Ancona, 118 in quella di Pesaro-Urbino, 28 nel Fermano, 35 nel Piceno e 18 fuori regione. Questi casi comprendono 61 soggetti sintomatici, 108 contatti rilevati in ambiente domestico, 169 contatti stretti con positivi, 36 contatti rilevati in ambienti di lavoro, 11 in ambienti di socialità, 6 in ambiente assistenziale, 29 contatti con il coinvolgimento di studenti e 3 rilevati attraverso lo screening del percorso sanitario; per altri 107 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Sempre ieri, sono stati effettuati 1.913 test antigenici e riscontrati 143 casi di positività (7,5%), che saranno sottoposti al tampone molecolare, e 2.158 nel percorso guariti, numero che fa scendere il rapporto complessivo positivi/testati all’11,7%,rispetto al 12,1% del giorno precedente.

Variante inglese, Abruzzo verso la zona arancione

«Le proiezioni sui dati trasmessi a Roma per il report settimanale mostrano un forte incremento dell’indice Rt, che oscilla intorno a 1,20 e comunque con un valore minimo intorno o superiore a 1,10. Con questi dati, la Cabina di Regia che si riunirà domani non potrà che classificare l’Abruzzo in zona arancione». Lo ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

«Se l’ordinanza del ministro verrà pubblicata sabato (com’è probabile), la nuova disciplina scatterà da domenica 14. Purtroppo, la forte incidenza della variante inglese del coronavirus in alcune aree del territorio abruzzese, e in particolare nell’area metropolitana Pescara-Chieti (per la quale sono operative da oggi le misure restrittive contenute nell’ultima ordinanza presidenziale), sta facendo rapidamente risalire la curva dei contagi. A tal proposito, domani mattina il Gruppo Tecnico-Scientifico Regionale tornerà a riunirsi per proseguire nel monitoraggio costante dell’andamento epidemiologico, con particolare attenzione ai Comuni sottoposti a discipline piu’ restrittive e a segnalazioni di allerta».

«Verrà sottoposta a valutazione anche l’opportunità di prorogare o no la zona rossa per i comuni di Atessa, San Giovanni Teatino e Tocco da Casauria, sulla base dei contagi registrati nella settimana trascorsa. La virulenza e la velocità di trasmissione di questa ‘terza ondata’ – prosegue il presidente della Regione Abruzzo – è ben maggiore della seconda ondata che ci ha colpiti a novembre. Per arrestare la corsa del virus e la risalita degli indicatori, che altrimenti porterebbero l’intera Regione in zona rossa tra un’altra settimana, occorre intensificare gli sforzi e l’applicazione di comportamenti corretti».

Vaccino Astrazeneca «fino a 55 anni»

«Oggi sono previste le prime 500 dosi AstraZeneca a Fiumicino. Stiamo concludendo il residuo dei medici liberi professionisti. Poi procederemo secondo le indicazioni e proprietà dettate dal piano, ovvero insegnanti, forze dell’ordine e poi classi dal 1966 a ritroso fino ai 18 anni. Auspichiamo che possa essere rivista la raccomandazione sul vaccino AstraZeneca contro il coronavirus anche in seguito alle raccomandazioni dei tecnici Oms. La limitazione dei 55 anni comporta per noi delle difficoltà operative molto rilevanti in quanto si suddividono intere categorie professionali e lavorative. Questo genera delle difficoltà. Speriamo che ministero della Salute ed AIFA possano rivedere la posizione associandola alla Germania, ovvero fare AstraZeneca fino ai 65 anni».

Lo ha detto l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato all’avvio ufficiale del nuovo hub vaccini di Fiumicino.

«Tutto dipende dalle dosi – ha aggiunto – abbiamo una macchina di fuoco con il freno a mano tirato. Potremo fare 5 volte le somministrazioni che facciamo giornalmente. Con le dosi attuali e con Pfizer e Moderna è previsto che termini ad aprile la campagna over 80. Se ci fosse la disponibilità di aumentare le dosi a disposizione è chiaro che i tempi si anticipano».

D’Amato ha ribadito che per il Lazio non è in vista «alcun cambio di colore: abbiamo ad oggi una previsione di tendenza stabile con un piccolo incremento RT ma con un abbassamento delle soglie delle intensive e posti occupati in area medica. Al momento quindi nessun cambio di colore nel Lazio».

Musumeci, la Sicilia verso la zona gialla

«Stiamo raccogliendo alcuni dati, per fortuna, confortanti: diminuisce il numero dei ricoveri anche in terapia intensiva, dei contagiati da coronavirus e abbiamo un Rt intorno allo 0,60, anche se ancora non ufficiale. Ho buoni motivi per pensare che col dato ufficiale di domani potremo chiedere al governo non solo l’introduzione della zona gialla, mi piacerebbe se il ministro ci autorizzasse a consentire ai ristoratori e a chi somministra cibo di potere tenere aperti i locali per questo fine settimana fino alle 22, in occasione della festa di San Valentino». Lo ha dichiarato il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, in conferenza stampa, a Palermo.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie