Coronavirus Italia Oggi. Contagi ancora in aumento

Coronavirus Italia Oggi (4 febbraio 2021): il bollettino sulla diffusone del contagio da coronavirus regione per regione. I dati aggiornati in tempo reale con flash da tutto il mondo e novità sulla somministrazione dei vaccini.

Live Coronavirus Italia Oggi. Tutti i dati in tempo reale
Coronavirus Italia Oggi (4 febbraio 2021): il bollettino sulla diffusone del contagio da coronavirus regione per regione.
16' di lettura

Sono in leggero aumento i nuovi casi coronavirus in Italia: i positivi sono 13.659 i positivi, contro i 13.189 di ieri, ma con 9mila tamponi in meno, 270.142. Il tasso di positività è salito per il secondo giorno di fila al 5% (ieri 4,7%).

I decessi sono 422 (ieri 476), con il totale delle vittime che supera quota 90mila, 90.241 in tutto. Tornano ad aumentare le terapie intensive, 6 in più (ieri -69) con 147 ingressi del giorno, e sono 2.151.

Ancora in calo invece i ricoveri ordinari, 328 in meno (ieri -246), che tornano sotto quota 20mila per la prima volta dal 2 novembre scorso, 19.743 in tutto

In totale da inizio epidemia i casi sono 2.597.446, i morti 90.241. Gli attualmente positivi sono 430.277 (-4.445), i guariti e i dimessi 2.076.928 (+17.680), in isolamento domiciliare ci sono 408.383 persone (-4.123)

Le persone ricoverate in terapia intensiva in Italia sono 2.151, in aumento di 6 unita’ rispetto a ieri, nel saldo tra ingressi e uscite; gli ingressi giornalieri sono 147. I ricoverati con sintomi sono invece 19.743, quindi 328 in meno di ieri.

La regione con piu’ casi nelle 24 ore è la Lombardia (+1.746), seguita da Campania (+1.544), Emilia Romagna (+1.192), Lazio (+1.174) e Puglia (+975). I casi totali sono 2.597.446. I guariti sono 17.680 (ieri 15.749), per un totale di 2.076.928. Sempre in discesa il numero delle persone attualmente positive, 4.445 in meno (ieri -3.043): i malati ancora attivi sono ora 430.277. Di questi, 408.383 sono in isolamento domiciliare, 4.123 meno di ieri.

Questa la situazione nel dettaglio in tutte le regioni.

Liguria, 489 contagi

Sono 489 i nuovi positivi al coronavirus oggi in Liguria, a fronte di 4.865 tamponi molecolari, a cui si aggiungono 2.932 tamponi processati con test antigenico rapido effettuati nelle ultime 24 ore. I decessi sono 10, mentre gli ospedalizzati calano di 14 unità. Lo comunica il bollettino della Regione.

In Sicilia 789 positivi

Sono complessivamente 789 su 22.377 tamponi processati i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia, dove il numero complessivo dei positivi scende a quota 40.654 con 468 casi in meno rispetto a ieri. Il dato è contenuto nel bollettino quotidiano del ministero della Salute, da cui emerge che le vittime in un solo giorno sono state 24 (3.603 dall’inizio dell’emergenza sanitaria) e i guariti 1.233. Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 1.286, mentre si trovano in terapia intensiva 187 pazienti. Questa la ripartizione su base provinciale dei nuovi casi: 315 a Palermo, 211 a Catania, 49 a Messina, 10 a Ragusa, 61 a Trapani, 63 a Siracusa, 36 a Caltanissetta, 34 ad Agrigento e 10 a Enna.

Piemonte, ci sono 807 contagi

In Piemonte ci sono 807 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 98 dopo test antigenico), pari al 4,6% dei 17.449 tamponi eseguiti, di cui 10.327 antigenici. Degli 807 nuovi casi, gli asintomatici sono 300 (37,2%). I casi sono così ripartiti: 153 screening, 426 contatti di caso, 228 con indagine in corso, per ambito: 32 RSA/Strutture Socio-Assistenziali, 63 scolastico, 712 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 230.030 così suddivisi su base provinciale: 20.533 Alessandria, 11.963 Asti, 7.929 Biella, 31.590 Cuneo, 18.053 Novara, 120.168 Torino, 8556 Vercelli, 8253 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1163 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1822 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 143( – 4 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 2.065( – 27rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 9.805 I tamponi diagnostici finora processati sono 2.565.179 (+ 17.449rispetto a ieri), di cui 1.043.567risultati negativi.

Emilia Romagna, 1.192 contagi e 58 morti

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 222.804 contagi, 1.192 più di ieri, su un totale di 25.882 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi, rispetto al numero di tamponi fatti da ieri, è del 4,6%, l’età media è 41,3 anni.

I decessi sono 58, 9714 in totale: in calo casi attivi (-592) e i ricoveri: i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 188 (-6 rispetto a ieri), 2.046 quelli negli altri reparti Covid (-76). Questi i principali dati sul coronavirus registrati alle 12 di oggi in Emilia Romagna.

Sardegna, 205 positivi

Sono 39.079 i casi di infezioni da coronavirus complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Sono stati rilevati nelle ultime 24 ore 205 nuovi casi. In totale sono stati eseguiti 593.009 tamponi, per un incremento complessivo di 2.941 test rispetto al dato precedente. Si registrano 4 decessi (1.005 in tutto). Sono 398 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-18 rispetto al dato di ieri), mentre sono 28 (-1) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 14.325. I guariti sono complessivamente 23.086 (+286), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’isola sono attualmente 237. Sul territorio, dei 39.079 casi positivi complessivamente accertati, 9.015 (+67) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.307 (+20) nel Sud Sardegna, 3.266 (+49) a Oristano, 7.818 (+30) a Nuoro, 12.673 (+39) a Sassari.

Abruzzo, 526 nuovi contagi

Sono 526 i nuovi positivi in Abruzzo su 7482 test effettuati con tasso di positività del 7 per cento e sei morti. In particolare sono complessivamente 44189 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 526 nuovi casi (di età compresa tra 1 mese e 95 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 114, di cui 12 in provincia dell’Aquila, 45 in provincia di Pescara, 34 in provincia di Chieti e 23 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 6 nuovi casi e sale a 1488 (di età compresa tra 51 e 87 anni, 2 in provincia di Pescara, 1 in provincia dell’Aquila, 1 in provincia di Teramo e 2 in provincia di Chieti). Del totale di oggi 2 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni scorsi e comunicati solo oggi dalla Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 32458 guariti (+296 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 10243 (+224 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 636762 tamponi molecolari (+5161 rispetto a ieri) e 85683 test antigenici (+2321 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 7 per cento. 452 pazienti (+25 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 47 (invariato rispetto a ieri con 3 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 9744 (+199 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 12310 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+71 rispetto a ieri), 10196 in provincia di Chieti (+176), 9827 in provincia di Pescara (+207), 11310 in provincia di Teramo (+103), 371 fuori regione (+5) e 175 (-36) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

In Campania 1.544 nuovi contagi

Sono 1.544 i nuovi casi di coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania (di cui 101 identificati da test antigenici rapidi). Dei 1.544 nuovi positivi, 83 sono sintomatici. I tamponi analizzati sono 18.514, di cui 2.623 antigenici. I casi totali di coronavirus registrati in Campania dall’inizio dell’emergenza sono 227.181 (di cui 1.728 antigenici), i tamponi complessivamente processati sono 2.489.654 (di cui 34.511 antigenici). Nel bollettino odierno diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti 36 nuovi decessi, 11 dei quali avvenuti nelle ultime 48 ore e 25 avvenuti in precedenza, ma registrati ieri. Il totale dei morti in Campania dall’inizio della pandemia da Covid-19 è 3.856. Sono 1.276 i nuovi guariti: il totale dei guariti in Campania sale a 160.976. In Campania sono 100 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 1.468 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

Calabria, 202 nuovi contagi

In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 500.314 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 529.075 (allo stesso soggetto possono essere effettuati piu’ test). Le persone risultate positive al Coronavirus sono 33.628 (+202 rispetto a ieri), quelle negative 466.686. Sono questi i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute. I casi confermati oggi sono cosi’ suddivisi: Cosenza 64, Catanzaro 12, Crotone 6, Vibo Valentia 14, Reggio Calabria 106. Altra Regione o stato estero 0. Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 105.

Lazio, 1.174 contagi

Su quasi 13 mila tamponi nel Lazio (+1.291) e oltre 21 mila antigenici per un totale di oltre 34 mila test, si registrano 1.174 casi positivi (+10), 42 i decessi (-7) e +2.875 i guariti. Aumentano i casi, mentre diminuiscono i ricoveri, i decessi e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 9%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 3%. I casi a Roma città sono a quota 500.

Paziente in terapia intensiva con variante sudafricana

Sbarcato dal Malawi a Malpensa con sintomi riconducibili al coronavirus, il paziente risultato positivo alla variante sudafricana resta ricoverato in terapia intensiva a Varese. Lo ha reso noto Ats Insubria (Varese), durante la consueta conferenza stampa settimanale. L’uomo, 60 anni, non si era registrato sul portale di Ats Insubria dedicato ai viaggiatori esteri e una volta rientrato a casa si e’ autonomamente messo in isolamento. Dopo aver avvertito un peggioramento delle sue condizioni, ha chiamato il 112 chiedendo l’intervento di un’ambulanza. Una volta in ospedale i medici del laboratorio del Circolo diretto dal professore Fabrizio Maggi, hanno effettuato gli esami di rito, alla ricerca di una possibile variante del virus, che hanno riscontrato.

Coronavirus a San Marino 13 nuovi positivi

Nella Repubblica di San Marino, nelle ultime 24 ore, si sono registrate 13 nuove positività al Covid. Lo comunica l’Istituto di sicurezza sociale sammarinese. Considerato un guarito, i casi attivi salgono a 269. All’ospedale di Stato sono ricoverate 19 persone delle quali otto si trovano nel reparto di terapia intensiva. Dall’inizio della ‘seconda ondata’ i decessi sono stabili a 26.


Coronavirus, in Friuli Venezia Giulia 355 casi e 19 morti

In Friuli Venezia Giulia su 3.902 tamponi molecolari sono stati riscontrati 252 nuovi contagi. La percentuale di positività à del 6,45%. Sono 1.881 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 103 casi (5,47%).

I morti registrati sono 16, a cui si aggiungono 3 pregressi relativi al periodo dal 22/1 all’1/2; i ricoveri nelle terapie intensive sono 64 mentre quelli in altri reparti scendono a 550.

I decessi complessivamente ammontano a 2.490, con la seguente suddivisione territoriale: 568 a Trieste, 1.205 a Udine, 550 a Pordenone e 167 a Gorizia. I totalmente guariti sono 53.616, i clinicamente guariti salgono a 1.601, mentre le persone in isolamento sono 10.647.Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 68.968 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.715 a Trieste, 30.542 a Udine, 15.638 a Pordenone, 8.244 a Gorizia e 829 da fuori regione.

In Puglia risalgono i contagi: 975

In Puglia, sono stati effettuati 10.148 test per l’infezione da coronavirus e 975 casi positivi: 502 in provincia di Bari, 92 in provincia di Brindisi, 73 nella provincia BAT, 60 in provincia di Foggia, 86 in provincia di Lecce, 163 in provincia di Taranto, un caso di residenza non nota. Due casi di residenti fuori regione sono stati riclassificati e attribuiti. Sono stati, inoltre, registrati 31 decessi: 10 in provincia di Bari, 7 in provincia di Foggia, 8 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.346.440 test, 71.423 sono i pazienti guariti e 51.430 sono i casi attualmente positivi.

Valle d’Aosta, 11 positivi

Sono 11 i nuovi positivi al Covid-19 su 84 persone sottoposte a tampone nelle ultime 24 ore in Valle d’Aosta. Secondo l’ultimo bollettino regionale, che non segnala decessi, i casi di contagio scendono a 188. I guariti sono 12. I positivi ricoverati nell’ospedale Parini di Aosta sono 22 (3 in terapia intensiva) e 5 nell’ospedale da campo allestito dall’esercito.


Vaccino Campania, a breve si parte con gli over 80

La Campania è in uno stato avanzato di somministrazione di vaccini ai sanitari e come previsto tra il 10 e il 15 febbraio darà il via alle dosi per gli ultraottantenni. È quanto emerso dalla riunione che il presidente della Regione Campania ha tenuto oggi con i direttori generali delle Asl della Regione. Ogni direttore ha fatto il punto sullo stato di avanzamento del proprio territorio e i numeri consentono la previsione del via libera alla prima fase della cittadinanza. Intanto da Pfizer la Campania ha appreso che all’inizio della prossima settimana verranno consegnate 46.000 dosi di vaccino, ci sarà un lieve calo nella settimana successiva e poi si riprenderà ai livelli intorno ai 45-50.000 vaccini.

Marche, 622 pazienti in ospedale

È stabile il numero dei pazienti coronavirus assistiti negli ospedali delle Marche: sono complessivamente 622, 4 in meno rispetto a ieri, dei quali 605 ricoverati nei reparti, 2 piu’ del giorno precedente, e 17 (-6) nei pronto soccorso. Nelle terapie intensive sono assistite 76 persone, 8 in piu’ rispetto al giorno precedente: 22 (+3) a Pesaro, 16 (-1) a Torrette, 10 (+2) a Jesi, 13 (+2) al Covid Hospital di Civitanova Marche, 7 (+1) a Fermo e 8 (+1) a San Benedetto del Tronto. Nelle aree di semi-intensiva sono assistiti in 151, uno meno piu’ di ieri: 52 a Pesaro, 19 (-1) a Torrette, 6 al covid di Senigallia, 10 (-2) a Jesi, 8 a Macerata, 28 al Covid Hospital di Civitanova Marche, 12 a Fermo, 8 San Benedetto del Tronto e 8 (+2) ad Ascoli Piceno. E’ quanto emerge dal secondo bollettino del Servizio sanitario regionale.

Abruzzo, 526 nuovi contagi

Sono complessivamente 44189 i casi positivi al coronavirus registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 526 nuovi casi (di età compresa tra 1 mese e 95 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 114, di cui 12 in provincia dell’Aquila, 45 in provincia di Pescara, 34 in provincia di Chieti e 23 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 6 nuovi casi e sale a 1488 (di età compresa tra 51 e 87 anni, 2 in provincia di Pescara, 1 in provincia dell’Aquila, 1 in provincia di Teramo e 2 in provincia di Chieti). Del totale odierno 2 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni scorsi e comunicati solo oggi dalla Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 32458 dimessi/guariti (+296 rispetto a ieri).

Vaccino, somministrate in Italia 2.233.982 dosi

Sono 2.233.982 le dosi di vaccino contro il Covid-19 finora somministrate in Italia, il 93,4% del totale di quelle consegnate (2.390.985). La somministrazione ha riguardato 1.403.909 donne e 830.173 uomini.

Il dato è aggiornato alle 8:04 di oggi. Le persone che hanno già ricevuto anche la seconda dose sono 867.237. Nel dettaglio, le dosi sono state somministrate a 1.577.602 operatori sanitari, 420.692 unita’ di personale non sanitario, 219.610 ospiti di strutture residenziali e 16.078 over 80.

Veneto, i nuovi positivi sono 896

Sono 896 i nuovi positivi in Veneto a fronte dei 39 mila tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (una incidenza pari al 2,74%) per un totale di oltre 314mila positivi trovati dall’inizio dell’emergenza. Sono 1.978 i positivi ad oggi ricoverati in ospedale (-91 rispetto a ieri nell’area non critica e invariate le terapie intensive) e 62 i decessi registrati nelle ultime 24 ore.

Basilicata, altri 70 contagi

In Basilicata ieri sono stati analizzati 1.119 tamponi molecolari: 70 sono risultati positivi al coronavirus, ma solo 64 appartengono a residenti in regione. Lo ha reso noto la task force regionale, specificando che nelle ultime 24 ore sono stati registrati tre decessi con il totale delle vittime lucane salito a 321. Sono 72 le persone ricoverate negli ospedali, delle quali solo una in terapia intensiva, al San Carlo di Potenza. A seguito “di verifica e riallineamento tra le piattaforme della Regione Basilicata e dell’Istituto superiore di Sanita’, sono state registrate – e’ scritto nel comunicato – ulteriori 26 guarigioni relative al periodo antecedente, in precedenza non conteggiate” e di conseguenza, con le 26 registrate nelle ultime 24 ore, il numero dei lucani attualmente positivi e’ ora di 3.220 (3.148 in isolamento domiciliare). Dall’inizio dell’epidemia in Basilicata sono stati analizzati 213.191 tamponi molecolari, 197.470 dei quali sono risultati negativi e sono state testate 131.249 persone.

Alto Adige, boom di contagi: 747

Boom di contagi di coronavirus e di persone in quarantena in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore si registrano infatti 747 nuovi casi e – per la prima volta – oltre 15 mila persone in quarantena. I laboratori dell’Azienda sanitaria hanno effettuato 2.677 tamponi pcr rilevando 350 casi di positività. A questi vanno aggiunti 397 test antigenici positivi su 4979 effettuati. Nei normali reparti ospedalieri attualmente si trovano 249 pazienti (ieri 241), nelle cliniche private 159 (invariato) e in terapia intensiva 35 (32). Nelle ultime 24 ore sono deceduti due pazienti covid mentre sono in quarantena 15.429 altoatesini. Si tratta di un dato record mai registrato dall’inizio della pandemia in Alto Adige

Marche, i positivi sono 480

Nelle Marche sono 480 positivi al coronavirus rilevati tra le nuove diagnosi nelle ultime 24 ore e 66, da confermare con test molecolare, dopo i test antigenici. Nell’ultima giornata sono stati testati 5.384 tamponi: 3.337 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.068 nello screening con percorso Antigenico) e 2.047 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 14,4%).

Ancona si conferma la provincia che fa registrare il numero di casi più alto tra le nuove diagnosi, 179. Seguono le province di Pesaro Urbino (105), Macerata (74) Ascoli Piceno (52) e Fermo (49); 21 i contagi di persone provenienti da fuori regione. Tra i casi 53 sintomatici; ci sono contagi da contatti in setting domestico (97), contatti stretti di positivi (138), in setting lavorativo (29), in ambienti di vita/socialità (11), in setting assistenziale (4), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (18), screening percorso sanitario (3). Per altri 127 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico (1.068 test, 66 positivi da confermare) il rapporto positivi/testati e’ al 6%.

Toscana, 760 positivi

I nuovi casi positivi al coronavirus registrati in Toscana sono 760 su 16.651 test di cui 10.510 tamponi molecolari e 6.141 test rapidi, con un tasso dei nuovi positivi del 4,56% (9,6% sulle prime diagnosi). Il numero dei nuovi casi è salito rispetto a ieri (erano 551), con una diminuzione del numero dei test (erano 17.586), rapporto che fa salire il tasso di nuovi positivi (era del 3,13%).

Varianti, il vaccino sarà come quello influenzale

«Non ha senso avere preferenze sui tipi di vaccini contro il coronavirus, che hanno valori comparabili, vedendo la casistica coloro a cui viene somministrata la seconda dose hanno degli effetti più intensi, come febbre e stanchezza, che svaniscono però nell’arco di due giorni. In chi è stato positivo nel corso della prima ondata è stato osservato che gli eventi avversi sono stati più intensi, perché si riattiva con il siero una risposta immunitaria ampia». Lo afferma ha dichiarato Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano. E sul capitolo varianti spiega che «le mutazioni che conosciamo hanno numero maggiore di variazioni nello spike, cioè una conformazione diversa nelle caratteristiche morfologiche del virus. Dagli studi che sono stati fatti da Pfizer e Moderna al momento i vaccini sono efficaci anche su queste varianti, ma nel tempo ciò potrebbe diventare un problema, cioè potrebbero non reagire più al vaccino stesso, per cui è probabile che ci sarà un richiamo vaccinale come per l’influenza».

«La speranza – conclude – è di terminare le vaccinazioni del 70% della popolazione entro settembre, ma credo che ciò sia molto difficile. Il virus comunque non sparirà, ma nel tempo avremo con lui una convivenza civile soprattutto per quanto riguarda gli effetti più letali della malattia».

Locatelli: Entro giugno attesi almeno 20 mln vaccinati

«La disponibilità di vaccini anti-coronavirus entro il mese di giugno è quantificabile nell’ordine più o meno dei 40 milioni di dosi. Quindi dovremmo arrivare largamente a una cifra importante di persone che vengono a essere vaccinate. Siamo nell’ordine dei 20 milioni di persone almeno per il mese di giugno». A dichiararlo è Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), ospite di ‘Buongiorno’ su Sky TG24.

«Entro giugno contiamo 20 milioni di vaccinati possibili sulla base dei numeri di dosi disponibili. Abbiamo avuto 2 milioni di dosi a gennaio – insiste Locatelli – e parlando solo dei vaccini per ora approvati avremo 4 milioni per febbraio, 8,3 per marzo e poi 25 milioni per il trimestre successivo. È chiaro che, se arriveranno ulteriori dosi di vaccini o ci saranno vaccini che verranno approvati, questo numero si può incrementare. Oggi questi sono i numeri rispetto ai tre vaccini Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca e in funzione di quella che è la previsione di fornitura».

Coronavirus: primo caso variante inglese in Alto Adige

L’Alto Adige registra il primo caso (per il momento ancora sospetto) della variante inglese. Lo conferma l’Azienda sanitaria, dopo una comunicazione dell’assessore alla sanità Thomas Widmann in consiglio provinciale, che è in attesa delle analisi di un laboratorio austriaco. Altri casi sospetti sono stati invece inviati a Roma.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie