Coronavirus Italia oggi 6 febbraio: contagi in lieve calo

Coronavirus Italia oggi 6 febbraio: il bollettino aggiornato in tempo reale sulla diffusione del contagio in tutta Italia con i dati Regione per Regione. Ma anche aggiornamenti sulla campagna di vaccinazione, le ordinanza e i provvedimenti con flash anche dall'estero.

Coronavirus Italia oggi 6 febbraio: il bollettino aggiornato
Coronavirus Italia oggi 6 febbraio: il bollettino aggiornato in tempo reale sulla diffusione del contagio in tutta Italia con i dati Regione per Regione.
14' di lettura

In calo i nuovi casi di coronavirus in Italia: sono 13.442, (ieri 14.218), con 282.407 tamponi, 12mila più di ieri. Tanto che il tasso di positività torna a calare dopo tre giorni di aumento ed è al 4,7% (ieri 5,2%). I decessi giornalieri sono 385 (ieri 377), per un totale di 91.003 vittime da inizio epidemia. Ancora in calo i ricoveri: le terapie intensive sono 32 di meno (ieri -9) con 144 ingressi del giorno, e scendono a 2.110, mentre i ricoveri ordinari sono 167 in meno (ieri -168), 15.408 in tutto. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

La regione con più casi giornalieri è la Lombardia (+1.923), seguita da Campania (+1.546), Emilia Romagna (+1.383), Lazio (+1.014) e Puglia (+926). I contagi totali sono 2.625.098. Stabile il numero di guariti, 15.138 (ieri 14.995), per un totale di 2.107.061. Ancora in calo il numero delle persone attualmente positive, 2.084 in meno (ieri -1.159), che scende a 427.034 in tutto. Di questi, sono in isolamento domiciliare 405.516 pazienti, 1.885 in meno rispetto a ieri.

Ecco il dato, nel dettaglio in tutte le regioni della Penisola.

Lombardia, 1.923 nuovi positivi al coronavirus

Sono 1.923 i nuovi positivi in Lombardia, nelle ultime 24 ore, a fronte di 36.092 tamponi effettuati, su un totale di 5.852.056 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino di oggi del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Nelle ultime 24 ore ci sono stati 50 decessi che portano il numero delle vittime complessive, in regione, a 27.395. Le persone ricoverate con sintomi, in Lombardia, sono 3.540, di cui 354 (+22) in terapia intensiva, mentre in isolamento domiciliare ci sono 44.415 soggetti. I guariti/dimessi dall’inizio dell’emergenza sono 472.266 (+1.766). Questi i nuovi casi suddivisi per provincia: Milano 515, Bergamo 146, Brescia 369, Como 105, Cremona 38, Lecco 78, Lodi 35, Mantova 81, Monza e Brianza 218, Pavia 145, Sondrio 37, Varese 100.

Campania, i contagi sono 1.546

In Campania, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 1.546 positivi al Coronavirus, di cui 147 casi identificati da test antigenici rapidi, 616 guariti e 9 decessi (riferiti alle ultime 48 ore). Gli asintomatici sono 1.319 e i sintomatici 80, riferiti ai soli positivi al tampone molecolare. A comunicarlo l’Unità di crisi regionale. Il totale dei contagi da Covid-19, da inizio pandemia, sale a 230.392 (di cui 1.980 antigenici), i morti sono 3.888 e le guarigioni 162.264. I tamponi processati complessivamente 2.525.894 (39.778 antigenici) di cui 19.325 eseguiti ieri, dei quali 3.001 antigenici. Il report posti letto su base regionale riporta 656 posti letto di terapia intensiva disponibili, di cui 108 occupati mentre i posti letto di degenza disponibili, tra posti letto Covid e offerta privata 3.160, di cui 1.499 occupati.

In Piemonte i contagiati sono 717

In Piemonte sono 717 nuovi casi di persone risultate positive al coronavirus (di cui 125 dopo test antigenico), pari al 3,7% dei 19.359 tamponi eseguiti, di cui 13.121 antigenici. Dei 717 nuovi casi, gli asintomatici sono 282 (39,3%). I casi sono cosi’ ripartiti: 126 screening, 391 contatti di caso, 200 con indagine in corso; per ambito: 27 Rsa/Strutture Socio-Assistenziali, 74 scolastico, 616 popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 231.683 cosi’ suddivisi su base provinciale: 20.651 Alessandria, 12.042 Asti, 7975 Biella, 31.749 Cuneo, 18.163 Novara, 121.169 Torino, 8.601 Vercelli, 8.336 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.166 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 1831 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 140 (-7 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 2.007 (-14 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 10.018.

Calabria, altri 197 positivi

In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 504.906 soggetti per un totale di tamponi eseguiti pari a 534.256. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 34.064 (+197 rispetto a ieri), quelle negative 465.794.

Sicilia, 23 morti e 836 contagi

Sono 23 i morti da coronavirus registrati oggi in Sicilia. I contagi sono 836, per un totale di 39.266 attuali positivi. I guariti/dimessi sono 1.101. I tamponi: 25.710, tra rapidi e molecolari. I nuovi ingressi in terapia intensiva sono 10, per un totale di 177.

In Umbria 351 positivi, crescono i ricoveri

Nuovo aumento dei ricoverati per infezione da coronavirus in Umbria nelle ultime 24 ore: secondo i dati della Regione aggiornati al 6 febbraio, sono 458, quindici in più di ieri, dei quali 70 (quattro in più) quelli in terapia intensiva. I nuovi contagi sono 351. Segnalati altri otto morti, dopo i dieci di ieri (831 in tutto). I guariti sono 159 e gli attualmente positivi salgono a 6.582. I tamponi molecolari analizzati nell’ultimo giorno sono 4.270 (616.821 quelli eseguiti dall’inizio della pandemia), con un tasso di positività dell’8,2%, e i test antigenici sono 4.679 (50.339 in tutto).

Abruzzo, altri 509 positivi

Aumento dei casi di infezione da coronavirus in Abruzzo dove i nuovi contagiati sono 509. In provincia di Pescara c’è stata una crescita esponenziale,ì di contagiati. I morti a causa del virus sono invece 4. Ecco il dettaglio dei nuovi casi (tutti di età compresa tra i 2 e 90 anni): 46 in provincia dell’Aquila, 103 in provincia di Chieti, 303 in provincia di Pescara, 72 in provincia di Teramo, mentre 16 casi dei giorni scorsi con residenza in accertamento sono stati attribuiti alle province di appartenenza). Inoltre in Abruzzo sono stati eseguiti 4957 tamponi molecolari e 3114 test antigenici. Inoltre si registrano 32918 guariti (+178), mentre 10552 gli attualmente positivi (+326). In aumento anche il numero dei ricoverati: 461 ricoverati in area medica (+8), 49 ricoverati in terapia intensiva (+1), 10042 in isolamento domiciliare (+317).

Puglia, 926 contagi il tasso al 9.24%

In Puglia, a fronte di 9830 test per l’infezione da coronavirus, sono stati registrati 926 casi positivi, con un tasso di positività al 9.24%: 296 in provincia di Bari, 77 in provincia di Brindisi, 88 nella provincia BAT, 170 in provincia di Foggia, 108 in provincia di Lecce, 187 in provincia di Taranto, 3 provincia di residenza non nota. Tre casi di residenza fuori regione sono stati riclassificati e attribuiti. Sono stati, inoltre, registrati 31 decessi: 6 in provincia di Bari, 8 in provincia BAT, 2 in provincia di Brindisi, 8 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 4 in provincia di Taranto, 1 fuori regione. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.366.157 test, 73.859 sono i pazienti guariti, 51.075 sono i casi attualmente positivi.

Sardegna, 125 positivi

Sono 125 i nuovi casi di coronavirus registrati in Sardegna, dove si contano anche 6 decessi nelle ultime 24 ore, mentre il tasso di positività si attesta al 4,5%. In totale sono stati eseguiti 599.083 tamponi, per un incremento complessivo di 2.754 test rispetto al dato precedente. I contagi salgono a 39.373 e le vittime a 1.016. Calano i pazienti ricoverati in reparti non intensivi che attualmente sono 394 (-9) mentre quelli in intensiva sono 31 (+2). Le persone in isolamento domiciliare sono 14.223 e i guariti 23.476 (+173), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente sono 229. Dei 39.373 casi complessivamente accertati, 9.091 (+26) sono stati rilevati nella Citta’ Metropolitana di Cagliari, 6.336 (+16) nel Sud Sardegna, 3.315 (+15) a Oristano, 7.870 (+16) a Nuoro, 12.761 (+52) a Sassari.

Lazio, altri 1.014 contagi

Su oltre 10 mila tamponi nel Lazio (-754) e oltre 17 mila antigenici, per un totale di quasi 28 mila test, si registrano 1.014 casi positivi (-127), 38 decessi (+2) e 1.354 guariti. Diminuiscono i casi e le terapie intensive, mentre aumentano i decessi e i ricoveri. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 9%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 3%. I casi a Roma città scendono sotto quota 500.

Val d’Aosta, i positivi sono 8

Nelle ultime 24 ore, in Val d’Aosta, si sono verificati 8 casi positivi ed un decesso per coronavirus. I casi positivi attuali, in calo, sono 168, di questi 24 ricoverati e 3 in terapia intensiva. I decessi dall’inizio della pandemia sono 408

Basilicata, 87 contagiati

In Basilicata ieri sono stati analizzati 1.181 tamponi molecolari: 87 sono risultati positivi al coronavirus, ma solo 82 appartengono a residenti in regione. Lo ha reso noto la task force regionale, specificando che nelle ultime 24 ore sono stati registrati sei decessi (cinque di residenti in Basilicata), con il totale delle vittime lucane salito a 326. Sono 85 (ieri erano 86) le persone ricoverate negli ospedali, delle quali pero’ solo una in terapia intensiva, al San Carlo di Potenza. A seguito “di verifica e riallineamento tra le piattaforme della Regione Basilicata e dell’Istituto superiore di Sanità, sono state registrate – è scritto nel comunicato – ulteriori 97 guarigioni relative al periodo antecedente, in precedenza non conteggiate” e di conseguenza, con le 46 registrate nelle ultime 24 ore, il numero dei lucani attualmente positivi e’ sceso da 3.124 a 3.058 (2.973 in isolamento domiciliare). Dall’inizio dell’epidemia in Basilicata sono stati analizzati 215.657 tamponi molecolari, 199.758 dei quali sono risultati negativi e sono state testate 132.669 persone.

Al Policlinico di Bologna trovati dieci casi di variante

Dieci casi di coronavirus sono emersi al Policlinico Sant’Orsola di Bologna, si tratta di “varianti” – fa sapere l’ospedale – su cui sono in corso analisi ad hoc. Il focolaio e’ stato rilevato in seguito dello screening sui pazienti ricoverati che viene eseguito tramite tampone ogni tre giorni. I casi emersi, tutti asintomatici, sono nel reparto di Gastroenterologia: si tratta di quattro operatori e sei pazienti. “Una seconda analisi ha poi evidenziato che si tratta di varianti del Coronavirus, ancora in fase di definizione il tipo di variante”, si legge nel comunicato del Sant’Orsola. Immediate le misure di precauzione adottate per evitare la diffusione del contagio: in Gastroenterologia non sono stati piu’ ricoverati altri pazienti e i casi positivi sono stati trasferiti nei reparti Covid dell’ospedale. Sono stati anche eseguiti nuovamente i tamponi ai pazienti e agli operatori, risultati tutti negativi. Il tampone verra’ ripetuto anche nei prossimi due giorni. Potenziata la dotazione di dispositivi di protezione individuale fornendo a pazienti e operatori le maschere Ffp2 e limitate le possibilita’ di accesso ai parenti.

Provincia di Bolzano, da lunedì lockdown

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato l’ordinanza, che sarà in vigore a partire da lunedì 8 febbraio sino a domenica 28 febbraio compreso, che prevede una serie di misure più rigide in materia di contrasto ai contagi da coronavirus. Vietati gli spostamenti in entrata e uscita dal proprio comune di residenza se non per motivi di lavoro, studio, salute o esigenze di necessità. All’interno del comune, gli spostamenti dalla propria abitazione saranno consentiti (sempre con autocertificazione, che potrà essere compilata direttamente sul posto in caso di controlli) solo per motivi di lavoro, di studio, di salute, per effettuare acquisti o per esigenze di necessita’ come, ad esempio, recarsi presso persone bisognose di cura, presso il domicilio del partner o della partner, o raggiungere la più vicina area cani.

San Marino, due positivi nelle ultime 24 ore

Nella Repubblica di San Marino, nelle ultime 24 ore, si sono registrati due nuovi casi di positivita’ al Covid e un decesso. Lo comunica l’Istituto di sicurezza sociale sammarinese. Gli attualmente contagiati ammontano a 263. All’ospedale di Stato sono ricoverate 19 persone delle quali otto si trovano nel reparto di terapia intensiva.

Emilia Romagna, crescono i contagi: 1.383

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 225.545 casi di positività, 1.383 in più rispetto a ieri, su un totale di 28.369 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 4,9%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa prima fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, per poi proseguire con gli ultraottantenni assistiti a domicilio: il conteggio progressivo delle somministrazioni effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna.

Friuli Venezia Giulia, altri 413 positivi

In Friuli Venezia Giulia su 5.701 tamponi molecolari sono stati rilevati 309 nuovi contagi con una percentuale di positivita’ del 5,42%. Sono inoltre 6.241 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 104 casi (1,66%). I decessi registrati sono 17, a cui se ne aggiungono altri 8 antecedenti il 4 febbraio; si riducono i ricoveri nelle terapie intensive (63) cosi’ come quelli in altri reparti (533). Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 2.547, con la seguente suddivisione territoriale: 584 a Trieste, 1.240 a Udine, 555 a Pordenone e 168 a Gorizia. I totalmente guariti sono 54.764, i clinicamente guariti salgono a 1.644, mentre diminuiscono le persone in isolamento che oggi risultano essere 10.276. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 69.827 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.823 a Trieste, 30.987 a Udine, 15.834 a Pordenone, 8.349 a Gorizia e 834 da fuori regione.

Speranza autorizza le monoclonali

“Sulla base delle indicazioni dell’Agenzia Italiana del Farmaco e del parere del Consiglio Superiore di Sanità ho appena firmato il decreto che autorizza la distribuzione, in via straordinaria, degli anticorpi monoclonali. Così abbiamo, insieme ai vaccini, una possibilità in più per contrastare il coronavirus”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, su Facebook.

Appello di 1000 esperti: misure contro le varianti del coronavirus

Servono misure urgenti in Italia per riuscire a individuare le varianti del coronavirus e bloccarle prima che si diffondano. A lanciarla l’appello sono i componenti dell’Italian Renaissance Team contro il Covid, il gruppo che riunisce oltre mille esperti del mondo accademico, istituzionale e dell’industria riuniti, a titolo personale e non per conto delle organizzazioni cui appartengono, per essere di supporto ai decisori politici e non, per le questioni relative all’emergenza imposta dalla pandemia di Covid-19 in Italia.

«La situazione in Europa e soprattutto in Italia è, a tendere, estremamente preoccupante. Le misure alternate apri e chiudi intraprese negli ultimi mesi non hanno contribuito a riportare la situazione sotto controllo e si fa un’estrema fatica nel tenere stabile il numero delle nuove infezioni giornaliere», osserva il fondatore del gruppo, il farmacologo Carlo Centemeri, dell’Università Statale di Milano.

Il problema delle varianti è anche all’attenzione dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema): «Da Ema stiamo attentamente monitorando le varianti di coronavirus per capirne l’impatto sull’efficacia degli anticorpi monoclonali e sui vaccini”, dice Marco Cavaleri, presidente della task force Vaccini dell’Ema».

In Toscana 708 contagi

I nuovi casi di coronavirus registrati in Toscana nelle ultime 24 ore sono 708 su 16.803 test di cui 10.587 da tamponi molecolari e 6.216 da test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,21% (9,0% sulle prime diagnosi). Lo ha reso noto il presidente della Toscana Eugenio Giani. Il dato dei nuovi casi è in linea con il dato di ieri (erano 703), con una sostanziale stabilità dei test (erano 16.946) e del tasso di positivi (era del 4,15%) ma conferma il rialzo sopra i 700 nuovi pazienti giornalieri che si registra da tre giorni consecutivi.

Veneto, i nuovi positivi sono 831

La settimana in Veneto si chiude con un rialzo dei nuovi casi di infezione da coronavirus registrati dal sistema sanitario regionale: sono 831 nelle ultime 24 ore, che portano il totale a 316.340 malati. Aumentano rispetto a ieri anche i decessi, che sono 63 in più, con il totale a 9.253 dall’inizio della pandemia. Prosegue invece la discesa dei dati clinici, con 1.655 ricoverati nei reparti non critici, 91 in meno rispetto a ieri. Le terapie intensive scendono sotto quota 200, con 195 pazienti Covid, 15 in meno nelle ultime 24 ore

Marche, 493 contagiati nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore sono 436 i positivi tra le nuove diagnosi nelle Marche e altri 62 casi, invece, riscontrati da test antigenici rapidi, da confermare con tamponi molecolari. Nell’ultima giornata sono stati testati 5.490 tamponi: 3.398 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.550 nello screening con percorso Antigenico) e 2092 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 12,8%). Tra i 436 positivi sono 203 le persone della provincia di Ancona; seguono nella ‘classifica’ dei contagi giornalieri Pesaro Urbino (86), Macerata (64), Fermo (39), Ascoli Piceno (26); 18 contagiati provengono da fuori regione. I casi comprendono 49 soggetti con sintomi; ci sono contatti in setting domestico (95), contatti stretti di positivi (143), in setting lavorativo (14), in ambienti di vita/socialita’ (8), in setting assistenziale (3), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (12), screening percorso sanitario (5). Per altri 107 casi sono in corso indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico su 1.550 test riscontrati 62 casi positivi (da confermare con test molecolare. “Il rapporto positivi/testati e’ pari al 4%”.

Puglia, peggiora la situazione nelle terapie intensive

Peggiora la situazione nelle terapie intensive pugliesi, mentre nell’area medica Covid la percentuale di occupazione dei posti letto resta stabile anche se elevata. Lo rileva il report dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, aggiornato a ieri 5 febbraio. In Puglia il 37% dei posti letto di Intensiva è occupato da pazienti positivi al coronavirus, +3% rispetto al precedente aggiornamento e 7 punti sopra la “soglia critica” fissata dal ministero della Salute al 30%. Nell’area medica (pneumologia, malattie infettive, medicina) il tasso di occupazione e’ pari al 41%, stabile ma un punto percentuale in piu’ rispetto alla “soglia critica”. Entrambi i dati sono oltre la media nazionale, in Italia infatti il tasso di occupazione dei posti letto di Intensiva e’ del 25%; quello di medicina Covid è del 31%. Proprio l’alta occupazione dei posti letto dovrebbe lasciare la Puglia in zona arancione.

In Alto Adige 802 contagiati

Volano i contagi e il numero delle persone in quarantena in Alto Adige, dove lunedì scatta un lockdown. Sono infatti 802 i nuovi casi, 4 i decessi e 16.143 persone in quarantena. I laboratori dell’Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.973 tamponi pcr e registrati 389 nuovi casi positivi. Inoltre 413 test antigenici positivi su 6.377 effettuati. Per quanto riguarda invece i ricoveri i numeri sono piuttosto stabili: 242 (ieri 255) pazienti Covid nei normali reparti ospedalieri, 162 (159) nelle cliniche private e 34 (32) in terapia intensiva.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie