Coronavirus Italia. 23.641 contagiati, altri 307 morti

Coronavirus Italia. 23.641 contagiati, altri 307 morti nella Penisola con un tasso di contagio che è al 6.6% e la Lombardia si conferma la regione con più contagi. Il Cts ha espresso grande preoccupazione per l'impennata di infezioni, dovute alla diffusione delle nuove varianti, e sollecitato un inasprimento delle misure di restrizione. Aumentano i ricoveri.

3' di lettura

Sono 23.641 i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 3.046.762. Ieri i contagi sono stati 24.036. Sono invece 307 le vittime in un giorno per un totale di 99.578.

Sono 355.024 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 378.463. Il tasso di positività è del 6,6%, in aumento di 0,3 rispetto al 6,3% di ieri.

Sono 2.571 i pazienti in terapia intensiva per il Covid in Italia, 46 in più rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione, secondo i dati del ministero della Salute, sono 214 (ieri erano 222). Nei reparti ordinari ci sono invece 20.701 persone, in aumento di 327 unità rispetto a ieri.

Lombardia oltre 5mila casi

Ad oggi in Italia ci sono 465.812 attualmente positivi, in aumento di 9.342 rispetto alla giornata di ieri. I guariti e i dimessi dall’inizio dell’emergenza sono invece 2.481.372, con un incremento di 13.984 nelle ultime 24 ore.

La Lombardia è ancora nettamente la Regione con più contagiati (5.658 casi), poi l’Emilia Romagna e la Campania.

La preoccupazione del Cts

Sulla base di questi numeri il Comitato tecnico scientifico ha espresso grande preoccupazione per l’evoluzione della pandemia che richiede «l’innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale e la riduzione delle interazioni fisiche e della mobilità».

«Alla luce dell’aumento sostenuto della circolazione di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità – si legge in una nota – si ribadisce di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e della mobilità. Analogamente a quanto avviene in altri paesi Europei, anche a causa delle varianti virali che potrebbero potenzialmente ridurre l’efficacia di alcuni vaccini, si rende necessario un rafforzamento/innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale al fine di ottenere rapidamente una mitigazione/contenimento del fenomeno epidemico, indipendentemente dai valori di incidenza».

Chiudere tutte le scuole

Nel corso della riunione gli esperti hanno anche auspicato una «tempestiva conclusione» della revisione dei parametri del monitoraggio, in modo da rendere «più rapida l’azione di contenimento/mitigazione» da attuare sia a livello di contagio da coronavirus nazionale che locale.

Nel Dpcm entrato in vigore oggi, spiegano ancora gli esperti, è stato inoltre previsto che le scuole di ogni ordine e grado devono passare in didattica a distanza nelle zone dove l’incidenza supera i 250 casi ogni 100mila abitanti.

Questa stessa soglia il Cts l’aveva proposta lo scorso 8 gennaio per far scattare in automatico la zona rossa, ma era stata bocciata dai presidenti di Regione e poi accantonata dal governo che non l’aveva inserita nel Dpcm del 14 gennaio. Ora invece è stata recepita, ma solo per quanto riguarda le scuole e si è lasciato ai governatori la responsabilità di intervenire ulteriormente. Gli esperti hanno però ribadito al governo che alla limitazione dell’attività scolastica faccia seguito anche una limitazione degli altri servizi, compresa la chiusura dei centri commerciali.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie