Coronavirus mondo. Spagna: pronto piano vaccinazioni

L'OMS non ritiene adatto l'uso del Remdesivir per curare i pazienti affetti da coronavirus; l'Europa ci pensa e dà mandato agli scienziati di analizzare i dati. Intanto in Francia il virus rallenta. Germania e Spagna hanno già un piano vaccinazioni pronto. L'Austria annuncia uno screening di massa e in Serbia muore di covid il patriarca della Chiesa ortodossa.

Coronavirus mondo. Spagna: pronto piano vaccinazioni
Le ultime notizie sulla diffusione del coronavirus in Europa e nel resto del mondo.
4' di lettura

Oggi l’OMS ha bocciato l’uso del Remdesivir per curare i pazienti affetti da coronavirus. L’Europa ha recepito il messaggio, ma Ursula von der Layen, Presidente della Commissione, ha dichiarato che toccherà agli scienziati europei valutare le conclusioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

In un primo momento infatti il farmaco, non pensato appositamente per il coronavirus, sembrava avere degli effetti curativi, che permettevano di mitigare le complicazioni in fase avanzata dell’infezione. Per l’OMS, dopo mesi di indagini:

«Non ci sono prove che migliori la sopravvivenza o la necessità di ventilazione, a prescindere di quanto siano gravi le condizioni di salute. Il Remdesivir è sempre più utilizzato per curare i pazienti in ospedale, ma il suo ruolo nella pratica clinica è rimasto incerto».

Austria

L’Austria è al momento in regime di lockdown e, presumibilmente, lo sarà fino al 6 dicembre. Proprio tra il 5 e il 6 comincerà una campagna di test su larga scala, a dichiararlo è stato il cancelliere, Sebastian Kurz:

«Pochi minuti di test potranno evitare settimane di lockdown per tutto il paese. Potremo individuare rapidamente un alto numero di persone infette riuscendo a rompere le catene di contagio».

I primi test saranno effettuati sul personale docente, per garantire il proseguimento dell’attività scolastica con tranquillità. Poi si passerà alle forze dell’ordine e poi alla popolazione, in quest’ultimo caso sarà su base volontaria.

Serbia

La Serbia sarà in lutto per tre giorni per la morte del patriarca della Chiesa ortodossa serba Irinej, che è deceduto dopo aver contratto il coronavirus.

Probabilmente l’occasione in cui il novantenne Irinej ha contratto il virus è stata durante i funerali del patriarca della Chiesa ortodossa di Montenegro, Amfilohije, morto anche lui con il coronavirus.

coronavirus-mondo-irinej-patriarca-morto
Coronavirus mondo. Muore di Covid il patriarca serbo Irinej.

Nel corteo funebre le migliaia di persone che volevano dare l’ultimo saluto alla loro guida spirituale erano prevalentemente senza mascherina e non rispettavano alcun distanziamento sociale.

Francia

Sempre meglio la situazione in Francia che, come hanno annunciato rappresentanti di governo, comincia a vedere «la luce in fondo al tunnel».

È la prima volta che i dati scendono significativamente da una settimana all’altra. La settimana scorsa infatti c’è stata una media di 17390 casi a fronte dei 19940 della settimana precedente; inoltre, i posti occupati in terapia intensiva sono scesi da 3037 a 2761.

Senza abbandonarsi a facili entusiasmi sia il presidente Emmanuel Macron, che il ministro della Sanità, Olivier Veran, invitano alla prudenza. È vero che i contagi sono scesi e che ogni giorno c’è una notizia buona sui vaccini, ma la strada è ancora lunga.

La sera del 24 novembre è previsto un nuovo discorso alla nazione di Macron, in cui probabilmente sarà proclamato un allentamento delle misure anti-contagio. Tutto lascia pensare quello anche se, come dichiarato più volte nei giorni scorsi, saranno inasprite le misure nelle scuole, per garantire una serena attività didattica.

Regno Unito

Il comitato scientifico a cui si affida Boris Johnson, premier inglese, ha dichiarato che l’indice di contagio Rt sta rientrando verso l’1, quindi la normalità. Nonostante questo, il governo ha già dichiarato che le misure di distanziamento non saranno rimosse in vista del Natale.

È previsto un alleggerimento delle misure, ma non per quanto riguarda cerimonie e riunioni private, probabilmente riguarderà soprattutto le attività commerciali. Il piano per le riaperture sarebbe già al vaglio dell’esecutivo, che dovrà metterlo in atto a partire dal 2 dicembre, data di scadenza del lockdown nazionale.

Spagna

Ottimista il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, che ha annunciato che la maggior parte dei cittadini del suo paese sarà vaccinata entro il primo semestre del 2021. Queste le sue dichiarazioni:

«Le nostre aspettative, oltre ogni ragionevole scenario, mostrano che una parte consistente della popolazione spagnola potrà essere vaccinata, con ogni garanzia, entro la prima metà del prossimo anno».

La Spagna infatti sarà il primo paese, insieme alla Germania, ad avere un piano di vaccinazione contro il coronavirus già pronto per essere messo in atto. Martedì sarà votato in Consiglio dei ministri, dove subirà le ultime limature.

Germania

In Germania aumentano i nuovi contagi, fissando il nuovo record di 23648 infezioni in un giorno. A pubblicare i dati è stato il Centro epidemiologico nazionale, Robert Koch Institut. L’ultimo record era stato registrato venerdì scorso, con 23542 casi.

Quello che tranquillizza, relativamente, gli scienziati è che invece l’indice Rt è allo 0,99 quindi la diffusione del contagio è nella norma.

Il 25 novembre la cancelliera Angela Merkel dovrà incontrare i rappresentanti dei Laender per valutare la nuova strategia in vista delle festività. Potrebbero essere garantiti degli allentamenti delle misure restrittive, ma per i tedeschi la prudenza sarà la strada maestra.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie