Coronavirus mondo. Oms: 3 genitori su 10 non vaccinano figli

Dopo 28 anni cala la copertura vaccinale, 80 milioni di bambini rischiano di ammalarsi di malattie prevenibili. In Francia si avvisa che distanziamento sociale e mascherine resteranno anche dopo le vaccinazioni e negli Stati Uniti milioni di americani sono in viaggio per ricongiungersi con i parenti in occasione della Festa del Ringraziamento, nonostante il coronavirus.

Coronavirus mondo. Oms: 3 genitori su 10 non vaccinano figli
Le ultime notizie sul contagio da coronavirus in Europa e nel mondo. Le contromisure che stanno adottando i paesi più colpiti dal virus.
3' di lettura

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità per la prima volta in 28 anni è calata la copertura vaccinale. Questo significa che 80 milioni di bambini rischiano di ammalarsi di patologie prevenibili.

La causa di questo cala è certamente il coronavirus. Tre genitori su dieci, infatti, hanno rinviato le sedute vaccinali o per paura del contagio oppure perché gli stessi centri adibiti per la vaccinazione sono stati chiusi. Un rischio che quindi interessa non solo l’Italia, bensì tutta Europa.

Francia

Il Ministro della Salute francese, Olivier Veran, ha annunciato che la Francia somministrerà i vaccini alla popolazione probabilmente già prima della fine di dicembre. Il governo ha sottolineato che non saranno obbligatori, secondo alcuni infatti quella dell’obbligatorietà potrebbe essere una scelta controproducente e creare tensioni nella società.

Ci sarà massima trasparenza sul piano di vaccinazione del governo e, soprattutto, non cadrà l’obbligo della mascherina e del distanziamento sociale. Non si sono ancora certezze, infatti, su quanto durerà la protezione dal coronavirus per gli eventuali vaccini approvati.

Inoltre, il primo ministro Jean Castex ha ribadito l’importanza di misure per il sostegno psicologico della popolazione. Secondo quanto riportato il numero telefonico di assistenza psicologica riceve circa 20mila chiamate al giorno.

coronavirus-mondo-jean-castex-francia
Jean Castex, primo ministro francese

Germania

In un discorso al Bundestag la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha annunciato che probabilmente si comincerà la distribuzione dei vaccini già prima di Natale. La precisazione è che però, come era previsto, saranno distribuiti prima al personale medico e sanitario.

Il contagio in Germania si è stabilizzato e la crescita si è fermata. Il governo è però preoccupato perché non aveva previsto si stabilizzasse a un numero così alto.

La media nazionale dei contagi è di 140 ogni centomila abitanti. Nella zona della Turingia, nel distretto di Hildburghausen, si è arrivati a 603. Ecco perché è partirà immediatamente uno screening di massa su tutti i bambini residenti in zona. La scelta è dovuta alla volontà di comprendere quanto sia effettivamente sicuro tenere ancora aperte le scuole.

Regno Unito

Il governo britannico si appresta a terminare il periodo di lockdown e ritornare al sistema delle chiusure strutturate su tre livelli. Una scelta aspramente criticata dalla comunità scientifica, che auspicava una chiusura fino a dopo le vacanze.

Proprio il periodo natalizio sarebbe particolarmente pericoloso per via delle riunioni famigliari. Secondo le stime, infatti, una sola persona positiva può infettare un terzo degli individui con cui entra in contatto.

Boris Johnson, premier inglese, ha fatto queste valutazioni spinto dall’ottimismo per le notizie sui vaccini e la flessione in positivo dei dati sul contagio. Oggi c’è stata infatti un’ulteriore diminuzione, con 17555 casi rispetto ai 18mila di ieri. Anche i tamponi sono aumentati: 356mila a fronte di 311mila.

Spagna

Il ministro della Salute, Salvador Illa, ha dichiarato che il piano di screening di massa nelle feste natalizie non è percorribile. Bisogna affidarsi al buon senso della popolazione, sia per una questione di personale sanitario che dispendio di energie per i controlli che bisognerebbe effettuare.

Per le altre decisioni non ci sono ancora certezze. La strada è però quella di porre a sei persone il limite per gli incontri famigliari. Inoltre, sarà possibile mangiare solo in ristoranti che avranno posti disponibili all’aperto o comunque in luoghi non al chiuso.

Stati Uniti

Nonostante il numero record di decessi per coronavirus negli Stati Uniti (ieri 1 ogni 40 secondi) milioni di persone sono in viaggio per raggiungere i propri cari per il giorno del ringraziamento. L’invito del neopresidente e degli scienziati è di stare a casa, ma è ormai scontato che non sarà recepito.

Secondo Michael Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy dell’University of Minnesota, questi spostamenti determineranno un picco di contagi che andrà a coincidere proprio con il periodo natalizio. Una situazione esplosiva e pericolosa, insomma.

Intanto la Corte Suprema ha annullato le limitazioni imposte sulla frequentazione delle cerimonie religiose che aveva imposto il governatore di New York, Andrew Cuomo.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie