Coronavirus, stop a tutti i giochi in tabaccheria. Resta solo il gratta e vinci

Nuova stretta anche sulle giocate per frenare il contagio da coronavirus. Le ultime disposizioni



1' di lettura

Stop alla raccolta di tutti i giochi praticabili nelle tabaccherie, con l’unica eccezione dei Gratta&Vinci. E’ quanto prevede – fonte Agipronews – il provvedimento dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli pubblicato oggi.

Dopo le chiusure di sale da giochi, bingo e scommesse e la sospensione di Lotto e SuperEnalotto, arriva un’ulteriore misura per limitare rischi da contagio da coronavirus che ferma momentaneamente anche 10 e Lotto, MillionDay, Win For Life, VinciCasa e scommesse virtuali.

«Negli ultimi giorni, sia gli Organi di Governo sia le Regioni maggiormente esposte al contagio, hanno registrato una situazione di allarme nella inosservanza del divieto di spostamento che ostacola il contrasto alla diffusione del virus», scrivono i Monopoli. In tale contesto, «continuano a pervenire segnalazioni che in alcuni esercizi, per i quali non vige obbligo di chiusura, gli avventori continuano a intrattenersi dopo la giocata in attesa delle estrazioni da remoto ovvero della verifica dell’eventuale vincita».

Per «adottare ogni misura finalizzata al contenimento del contagio», dispone dunque «la sospensione della raccolta del gioco presso le tabaccherie e gli esercizi per i quali non vige obbligo di chiusura anche dei giochi numerici “10&Lotto”, “Millionday” e “Winforlife” “Winforlife Vincicasa” nonché delle scommesse su eventi sportivi e non sportivi, ivi compresi quelli simulati». Rimane consentita «solo la vendita delle lotterie istantanee “Gratta&Vinci”».

La sospensione avrà efficacia a partire da domani, 31 marzo, «sino a provvedimento di revoca».

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Hai qualcosa da segnalare? Clicca qui e scrivici su WhatsApp.