Cosa bisogna evitare di pagare in contanti

Cosa bisogna evitare di pagare in contanti, non solo per una questione legata alle detrazioni fiscali, ma anche per essere garantiti sulle spese effettuate. Il pagamento digitale assicura la tracciabilità, va bene come garanzia per l'acquisto di un prodotto, ma anche per accertare senza bisogno di fatture di aver versato quel denaro. Senza contare le spese mediche.

4' di lettura

I pagamenti digitali sono ormai diventati necessari, anche per ottenere le detrazioni fiscali (ma non solo). In questo articolo vi descriviamo cosa bisogna evitare di pagare in contanti e perché è consigliato l’uso della carta o di un bonifico.

Bisogna ricordare sempre un dato e che avrete avuto modo di verificare nella compilazione dell’ultimo modello 730: sono sempre di più le spese che si possono detrarre nella dichiarazione dei redditi solo se il pagamento è stato effettuato in modo digitale.

La guerra al contante ha ragioni precise:

  • riduce l’evasione fiscale
  • risponde a logiche che sono più in linea con le nuove tecnologie.

La moneta digitale poco usata in Italia

Questo processo era in atto da tempo, ma procedeva con lentezza, soprattutto in Italia. Basta un dato: in Italia il bancomat o la carta di credito viene usata 30 volte l’anno, la media europea è 86, in Danimarca siamo a quota 243.

La pandemia ha comunque velocizzato questa trasformazione, anche nel nostro Paese. Ora non dovrete farvi trovare impreparati.

Meno diritti e agevolazioni

Ci sono dei pagamenti che possono essere fatti (per obbligo), solo in digitale, come quelli superiori a 2mila euro, che devono essere tracciabili.

In altri casi potreste anche farne a meno e utilizzare il metodo tradizionale del denaro contante. Ma rischiereste di perdere diritti e agevolazione. Evidentemente non vi conviene. Senza dimenticare che la tracciabilità vi mette al sicuro anche da equivoci.

Questi sono tutti gli strumenti che consentono di effettuare dei pagamenti tracciabili:

  • carte di credito
  • bancomat
  • assegno non trasferibile
  • bonifico (anche via web)
  • addebito diretto sul conto
  • nuovi pagamenti su dispositivi portatili

Ma vediamo cosa bisogna evitare di pagare in contanti.

Spese mediche

Sulle spese mediche non può esserci alcun dubbio, rientrano a pieno diritto nell’elenco di cosa bisogna evitare di pagare in contanti: le detrazioni del 19% sono possibili solo per saldare avete usato la carta di credito e il bancomat.

Il contante si può ancora usare, ma per acquistare medicinali, dispositivi medici o prestazioni sanitarie che sono state fornite da strutture pubbliche o private (se accreditate al Servizio Sanitario Nazionale).

Ristrutturazioni edilizia

Ci sono agevolazioni e detrazioni fiscali per chi decide di farsi ristrutturare l’abitazione. Ma è possibile accedere a questi benefici sono se si usa un bonifico parlante.

Cos’è un bonifico parlante? È un bonifico dove sono riportati i dati fiscali di chi paga e chi fornisce un servizio e il tipo di spesa.

È necessario pagare con carta o bancomat.

Elettrodomestici e prodotti tecnologici

Nell’elenco di cosa bisogna evitare di pagare in contanti rientrano anche gli elettrodomestici o i prodotti tecnologici (telefonini, Pc, tablet e così via). In questo caso non è una questione fiscale a consigliare l’uso del pagamento digitale.

Tutti questi prodotti hanno una garanzia, che non può essere inferiore a due anni.

Se il prodotto acquistato è difettoso, il rivenditore ha tre opzioni:

  • sollecitare il cliente a rivolgersi direttamente per un reclamo al produttore
  • riparare l’oggetto
  • sostituirlo
  • restituire il denaro all’acquirente

In ogni caso è necessario lo scontrino o la prova d’acquisto.

Se avete pagato in contanti e perso lo scontrino (dopo qualche mese è più che probabile), non sarà semplice dimostrare l’acquisto del prodotto.

Se avete invece pagato con bancomat, carta di credito o assegni, non c’è problema: basterà verificare l’estratto conto.

Prestiti

Se si presta il denaro a qualcuno, amico o parente, con il contante ci potrebbero sempre essere dei possibili equivoci, a partire dall’entità del prestito.

Se il prestito viene fatto con carta, bonifico o assegno, nessun problema. La tracciabilità toglie voce a qualsiasi equivoco.

Aziende

Per chi ha un’azienda il pagamento con carta o qualsiasi altro strumento tracciabile rappresenta una garanzia importante, soprattutto se ci sono dei controlli dell’Agenzia delle Entrate.

Probabilmente per le aziende la lista di cosa bisogna evitare di pagare in contanti è ancora più lunga. E proprio per i motivi che stiamo descrivendo.

Pagamenti a rate

Chi paga dei servizi o fa degli acquisti a rate, con il pagamento in contante, dovrà conservare delle ricevute. Versando il dovuto con strumenti digitali non ce ne sarebbe bisogno.

Affitto abitazione

Tra le spese che è consigliato saldare con carta c’è anche il fitto di casa. Per le stesse ragioni dei pagamenti rateali: non ci può essere equivoco sulle mensilità versate e su quando sono state versate.

Colf e badante

Se si ha del personale domestico, colf o badanti, non c’è ancora l’obbligo di pagare con carta. È possibile farlo anche in contanti. Ma in questo caso, come per altri segnalati prima, il pagamento con carta digitale (o assegno o bonifici), può evitare questioni antipatiche: come pretese su mensilità non versate.

La tracciabilità evita tutti questi possibili problemi.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie