Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale. Scopri quali sono i passaggi da seguire e le verifica da fare.

di Antonio Dello Iaco

Settembre 2022

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale. Scopriamo insieme tutti i passaggi che è sempre bene seguire per evitare di fare errori (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Nei prossimi paragrafi approfondiremo nel dettaglio anche come controllare che la cartella esattoriale sia stata notificata correttamente e come evitare il pagamento puntando su prescrizione e decadenza.

INDICE

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: i tempi

Il primo fattore da tenere in considerazione quando arriva una cartella esattoriale sono i tempi. Entro sessanta giorni dal ricevimento della notifica infatti, sei tenuto a pagare il debito al creditore.

Scopri la pagina dedicata alla gestione dei debiti e a metodi per evitare il pignoramento.

Queste date le ritrovi scritte sulla cartella esattoriale. Fai molta attenzione poiché a volte, in base alla tipologia del debito, potresti rientrare tra coloro che devono saldare il proprio passivo in minor tempo, anche entro trenta giorni.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

RDC, ASSEGNO UNICO, PENSIONI – PAGAMENTI SETTEMBRE

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: il mancato pagamento

Se non rispetti i termini previsti per il pagamento della cartella esattoriale, incorri il rischio di sanzioni più elevate.

Di fatto l’ente di riscossione, una volta notificata la cartella può solo procedere. Quindi, anche se a distanza di mesi o anni, potrai ricevere:

Se non dovessi riuscire a pagare tutto il debito in un’unica soluzione ricorda che puoi sempre chiederne la rateizzazione.

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: la corretta notifica

Quando arriva una cartella esattoriale è importante controllare anche la corretta notificazione da parte dell’ente di riscossione così come la presenza di tutti i dati scritti nel fascicolo.

Se qualche informazione è scorretta puoi fare ricorso avvalendoti dell’aiuto di un libero professionista. Se invece il problema è la notifica, il consiglio è quello di verificare l’errore dell’ agenzia di riscossione e far finta di nulla.

Solo al momento di una successiva comunicazione con un provvedimento più punitivo, potrai procedere con il ricorso.

Ricorda che la notifica è scorretta se avviene tramite una mail non certificata dell’ente o con una pec non iscritta nel pubblico registro (come è successo all’Agenzia delle Entrate qualche settimana fa).

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: come allungare il pagamento

Quando arriva una cartella esattoriale puoi anhe valutare la possibilità di allungare i tempi di pagamento sfruttando la prescrizione e la decadenza.

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: la prescrizione

Così come per le tasse, anche per le cartelle esattoriali non esiste un unico termine dopo il quale scatta la prescrizione.

Stando alla sentenza della Corte di Cassazione del novembre 2016, il termine di prescrizione dipende dal tipo di tributo o sanzione da pagare.

Quindi, per esempio, per le imposte statali il tempo è di dieci anni mentre per quelle comunali, provinciali e regionali è di cinque.

TassaDopo quanti anni va in prescrizione
Bollo auto3 anni
Contributi assistenziali Inail5 anni
Contributi previdenziali Inps5 anni
Violazioni del codice della strada5 anni
Varie sanzioni amministrative5 anni
Tosap5 anni
Tasi5 anni
Tari5 anni
Imu5 anni
Irpef10 anni
Irap10 anni
Ires10 anni
Iva10 anni
Imposta di bollo10 anni
Imposta ipotecaria10 anni
Imposta catastale10 anni
Canone Rai10 anni
Contributi alla camera di Commercio10 anni
Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: la prescrizione
Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: pagare il debito
Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: pagare il debito

Cosa fare quando arriva una cartella esattoriale: la decadenza

Diverso è il discorso per la decadenza. Anche in questo caso puoi sfruttare i tempi per evitare di pagare il debito della cartella esattoriale.

Per evitare che scatti la decadenza, la cartella esattoriale deve essere notificata entro il 31 dicembre:

Dopo di che il creditore non potrà più contare sull’aiuto dell’ente di riscossione ma potrà provare a recuperare il debito puntando sul codice di procedura civile tramite un decreto ingiuntivo.

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp