Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Lavoro / Cosa fare se si devono soldi all’INPS

Cosa fare se si devono soldi all’INPS

Alcune volte può capitare che l'INPS, erogatore di NASPI, di reddito di cittadinanza e di gran parte dei bonus sociali, richieda a certi contribuenti la restituzione delle somme versate. Esaminiamo quali sono i motivi e cosa fare se si devono soldi all'INPS.

di Imma Duni

Novembre 2022

Cosa fare se si devono soldi all’INPS? (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Può capitare che l’INPS, erogatore di NASPI, di reddito di cittadinanza e di gran parte dei bonus sociali, richieda a certi contribuenti la restituzione delle somme versate. Esaminiamo quali sono i motivi e cosa fare se si devono soldi all’INPS.

Indice

Cosa fare se si devono soldi all’INPS: quando l’INPS può chiedere la restituzione

La legge consente all’INPS di effettuare nuovi calcoli sulle somme erogate ai contribuenti e di richiedere i soldi indietro nel caso i conti non tornino.

Se un contribuente, dunque, ha percepito più di quanto gli spettasse, è tenuto a restituire all’INPS la differenza, in un solo versamento o a rate.

Ma se l’errore non dipende dal contribuente che ha ricevuto le somme, ma da un funzionario o un dipendente INPS? In questo caso l’ente non può rivalersi sul contribuente innocente, ma sul dipendente colpevole.

Può invece richiedere indietro i soldi al contribuente quando l’errato calcolo sia dipeso dal dolo di quest’ultimo (ad esempio, quando un soggetto non ha dichiarato maggiori redditi percepiti, ha dichiarato maggiori familiari a carico, ha omesso informazioni importanti).

Sussiste il dolo anche se l’ente può dimostrare che il soggetto non abbia commesso l’errore o l’omissione apposta, ma una volta accortasene ha deciso di non denunciare.

In questi casi l’INPS può richiedere indietro i soldi entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello nel quale sono state erogate le maggiori somme non dovute.

Che accade trascorso tale termine? Che l’ente previdenziale non può più pretendere la restituzione delle somme indebitamente percepite dal contribuente.

Solo in caso di omessa dichiarazione dei redditi, il termine per richiedere le somme dovute si allunga sino a dieci anni. Mentre per i contributi previdenziali, il termine previsto dalla legge è di 5 anni.

Cosa fare se si devono soldi all’INPS? L’INPS può decidere di chiedere la restituzione delle somme di denaro nei seguenti casi:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cosa fare se si devono soldi all’INPS: restituzione NASPI ed errore di calcolo

L’INPS può richiedere indietro le prestazioni relative alla NASPI, ma quando può avvenire questo? Nei seguenti casi:

Le somme da restituire sono solo quelle illegittimamente percepite.

Qual è il primo passo da fare se l’ente previdenziale dovesse chiederti delle somme di denaro indietro? Rivolgiti ad un legale di fiducia esperto in diritto del lavoro, fai tutti gli accertamenti dopo di che esperisci il ricorso contro l’INPS.

In cosa consistono gli accertamenti che dovrebbe fare il nostro legale:

Se il ricorso amministrativo verso l’INPS non va a buon fine, non temete, potrete fare causa all’ente dinanzi al giudice del lavoro, sempre seguiti dal vostro avvocato.

La NASPI spetta a coloro che perdono il lavoro contro la loro volontà: licenziamento, scadenza contratto a termine, dimissioni per giusta causa.

La restituzione dell’indennità di disoccupazione all’INPS è dovuta se il disoccupato viene reintegrato nel posto di lavoro.

Lo afferma la Corte di Cassazione, che dispone la reintegrazione del lavoratore non comporta, di per sé, l’obbligo di restituzione delle somme percepite a titolo di NASPI.

Solo una volta che il licenziamento sia dichiarato illegittimo ed il rapporto venga ripristinato per effetto della reintegrazione, “le indennità di disoccupazione potranno e dovranno essere chieste in restituzione dall’Istituto previdenziale, essendone venuti meno i presupposti”.

Lo Stato, però, nel richiedere le somme indietro, deve essere equilibrato e deve tenere assolutamente conto della buona fede di chi ha ricevuto i pagamenti.

Cosa fare se si devono soldi all'INPS
Cosa fare se si devono soldi all’INPS?

Errore nel calcolo NASPI, cosa fare?

La NASPI è un’indennità molto importante, serve a dare respiro a chi si ritrova all’improvviso senza lavoro, non per sua volontà.

Essa ha sostituito, a partire dal 01.05.2015 l’Aspi e la MiniAspi. Hanno diritto alla NASpI:

Scopri la pagina dedicata alla disoccupazione e al reinserimento lavorativo.

Cosa fare se si devono soldi all’INPS?

Cosa fare se si devono soldi all’INPS? Per prima cosa bisogna accertarsi che queste somme siano davvero dovute all’ente previdenziale.

Lo Stato non è perfetto e spesso può sbagliare. Quindi rivolgetevi ad un legale di fiducia che possa accertare quanto prima se queste somme richieste indietro siano esistenti.

Per esempio, se le somme da restituire all’INPS non sono ascrivibili ad errori del contribuente, ma ad errori commessi dall’ente, non ci sarà alcuna restituzione secondo l’art. 52, comma 2 della L. n. 88 del 1986 e confermato dall’articolo 13 della legge 412/91.

Cosa fare se si devono soldi all’INPS, ma nella realtà non è così? Bisogna stabilire se:

Ricordiamo che si può fare sempre ricorso: sia contro l’ente (entro 90 giorni) e sia davanti al giudice del lavoro con una vera e propria causa.

Abbiamo visto cosa fare se si devono soldi all’INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp