Cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza

Ecco tutte le procedure per ottenere la prestazione a Cinquestelle e cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza.

6' di lettura

In questo articolo andremo a vedere tutte le procedure per ottenere il reddito di cittadinanza, in particolare, dopo aver inoltrato la richiesta e ricevuto il messaggio INPS, cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

Cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza: la domanda

Innanzitutto, prima di entrare nel vivo della questione andando a capire subito cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza, vediamo chi e in che modo può presentare domanda per ottenere il sussidio economico.

Partiamo con l’affermare che la misura è stata inserita nel 2019 come sussidio economico per sostenere tutte quelle persone in difficoltà economica.

Gli obiettivi di questa misura sono molteplici:

  • sostenere le persone in crisi;
  • favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro;
  • contrastare la povertà e le disuguaglianze;
  • aumentare l’occupazione;
  • favorire il reinserimento nella società dei cittadini in difficoltà economica.

Le persone interessate al sostegno, e in possesso di determinati requisiti che andremo ad analizzare tra pochissimo, potranno percepire il reddito di cittadinanza per un totale di 18 mensilità, al termine delle quali, se risultano ancora idonee a ricevere la misura, possono chiedere il rinnovo e attendere un mese di “stop”, per poi percepirla per altre 18 mensilità.

La prima ricarica in assoluto arriva a metà mese, tendenzialmente nella data del 15, nella stessa data arriva anche la ricarica del rinnovo dopo le 18 mensilità e il mese di stop. Mentre la ricarica ordinaria arriva nella data del 27; data che rimane standard dal secondo al diciottesimo pagamento.

La domanda per ottenere il Reddito di Cittadinanza può essere inoltrata sul sito dedicato alla misura, www.redditodicittadinanza.gov.it, ma anche sul sito ufficiale dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale. In alternativa, potrete compilare questo modulo e consegnarlo direttamente presso gli uffici di Poste Italiane, oppure sfruttare gli enti di patronato.

Ma chi può richiedere la misura? E cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza? Andiamo subito a vedere come funziona.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza: requisiti ed erogazione

Prima di inoltrare la richiesta per ottenere il reddito di cittadinanza, o di scoprire cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza, occorre essere a conoscenza di tutti i requisiti idonei alla percezione della misura. Scopriamoli subito insieme:

  • primo fra tutti il requisito della cittadinanza. Per poter ottenere la misura anti-povertà occorre essere un cittadino italiano, ma anche un cittadino europeo o un lungo soggiornante. È necessario essere risiedente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in maniera continuativa;
  • il reddito di cittadinanza verrà poi pagato mensilmente a tutte quelle famiglie o quei cittadini che hanno un ISEE, indicatore della situazione economica equivalente, aggiornato che non risulti superiore a 9.360 €. L’ISEE dovrà essere aggiornato e consegnato all’INPS annualmente, pena la sospensione del RdC;
  • il patrimonio finanziario e il reddito familiare dovranno essere entrambi inferiori a 6.000 €. Il primo potrà essere incrementato sulla base del numero dei membri della famiglia e delle eventuali disabilità degli stessi, mentre il secondo verrà moltiplicato per la scala di equivalenza e, nel caso di un nucleo familiare in affitto, incrementato fino a raggiungere 9.360 €.

Il patrimonio immobiliare, infine, non dovrà essere superiore a 30.000 €, differente dalla casa di abitazione.

In ogni caso, andiamo a vedere cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza. Dopo che il cittadino o il nucleo interessato alla misura pentastellata avrà inoltrato la domanda all’Istituto per la Previdenza Sociale, quest’ultimo invierà un messaggio di testo al numero di telefono che il richiedente avrà inserito nella fase di presentazione della domanda.

Questo primo messaggio servirà a far capire al cittadino che la domanda è stata ricevuta e che dovrà essere elaborata. Una volta che la domanda sarà stata analizzata e che l’istituto nazionale per la previdenza sociale avrà visualizzato tutti i requisiti del soggetto richiedente, verrà inviato un secondo SMS al cittadino per il ritiro della RdC Card.

Arrivati a questo punto non ci resta altro da fare che scoprire cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza.

Cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza
Cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza.

Cosa serve per ritirare la carta del reddito di cittadinanza: documenti e modalità

Una volta ricevuto il secondo Sms dall’INPS si potrà ritirare la carta RdC. Come? Per ritirare la carta del reddito di cittadinanza occorrerà recarsi fisicamente presso uno degli uffici di Poste Italiane, portando con sé un proprio documento d’identità valido, come ad esempio la carta d’identità o il passaporto, ma anche la patente, e un documento attestante il proprio codice fiscale, come ad esempio la tessera sanitaria.

Come anche sottolinea il sito ufficiale del reddito di cittadinanza, per poter ritirare la RdC Card senza alcun problema è consigliabile mostrare il secondo messaggio dell’INPS, quello in cui viene comunicato l’accoglimento della domanda, direttamente all’ufficio postale. I documenti di Identità accettati sono:

  • Carta d’identità italiana o emessa dagli uffici consolari per i cittadini iscritti all’AIRE;
  • Carta d’identità estera di un paese UE;
  • Patente di guida italiana;
  • Passaporto italiano o Passaporto di un paese UE.

Ecco, infatti quanto afferma l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale direttamente sulla sua pagina dedicata “Puoi ritirare la Carta per il Reddito di Cittadinanza recandoti presso il tuo ufficio postale di competenza e presentando semplicemente il tuo documento di identità e il tuo codice fiscale.”

Ora che abbiamo capito cosa serve per ritirare la carta del Reddito di Cittadinanza vi ricordiamo che:

  • il RdC viene concesso per 18 mesi, al termine dei quali è possibile chiedere il rinnovo per altri 18 mesi;
  • ogni anno deve essere presentato all’INPS entro il 31 gennaio, l’ISEE aggiornato, altrimenti l’Istituto sospende i pagamenti;
  • Chi percepisce il Reddito di Cittadinanza e lavora in nero rischia il carcere, come abbiamo detto anche in questo nostro articolo.  

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie