Cosa succede se non si paga la Tari?

Cosa succede se non si paga la Tari? Si passa da sanzioni che variano a seconda del ritardo, al pignoramento e dopo 5 anni c'è la prescrizione. Come si applicano gli interessi di mora, la procedura per il pignoramento dei debitori e il tempo che deve trascorrere per la prescrizione della tassa non pagata.

4' di lettura

Cosa succede se non si paga la Tari? Domanda ricorrente per una delle tasse più detestate dagli italiani e che cambia da comune a comune.

La tassa sui rifiuti può essere pagata in una soluzione o divisa in tre rate (ma, dipende dall’ente locale…).

In genere è così suddivisa:

  • primo acconto entro aprile;
  • secondo acconto entro luglio;
  • terzo acconto entro il 31 dicembre.

Per effettuare i versamenti possono essere utilizzati il modello F24, il bollettino postale o il Mav.

In questo articolo cerchiamo di capire cosa succede se non si paga la Tari o se la tassa sui rifiuti viene versata in ritardo.

Cosa succede se non si paga la Tari: chi deve versarla

La tassa sui rifiuti è addebitata a tutti i cittadini che possiedono e gestiscono aree o immobili che producono rifiuti urbani,

E quindi a pagarla devono essere:

  • il proprietario di un immobile
  • l’affittuario (con un contratto superiore a 6 mesi)

Cosa succede sa la Tari si paga in ritardo?

Se la Tari viene versata in ritardo il comune applica una sanzione. Scattano gli interessi di mora: maggiore è il ritardo e più alti saranno gli interessi.

Vediamo come:

  • Tari versata entro i primi 14 giorni: mora dello 0,2% ogni giorno di ritardo;
  • Tra versata con un ritardo tra i 15 e i 30 giorni: sanzione fissa dell’1,5% dell’importo più gli interessi giornalieri (calcolati sul tasso di riferimento annuale);
  • Tari versata con un ritardo che varia fra 30 e 90 giorni: sanzione fissa dell’1,67% dell’importo più gli interessi giornalieri;
  • Tari versata con un ritardo che varia tra 90 giorni e un anno: sanzione fissa del 3,75% dell’importo più gli interessi giornalieri;
  • Tari versata con un ritardo superiore a un anno: sanzione del 30% sull’importo.

Entro un anno è possibile anche ricorrere al ravvedimento operoso. Oltre l’anno c’è poso da fare: scatta la sanzione del 30%.

Cosa succede se non si paga la Tari: sanzioni

Abbiamo visto cosa accade a chi versa la tassa sui rifiuti in ritardo, vediamo ora cosa succede se non si paga la Tari. Qui il discorso si complica, così come le possibili conseguenze.

Per chi non paga la Tari il rischio è l’iscrizione a ruolo del debito e la pratica passa tra le mani dell’Agenzia delle Entrate per il recupero della somma.

Non si procede subito con l’esecuzione forzata, ci sono dei passi preliminari:

  • la notifica della cartella di pagamento;
  • dopo 60 giorni, in caso di mancato pagamento, si avvia la procedura di pignoramento (non prima);
  • il pignoramento non può essere attivato oltre un anno dalla notifica (in quel caso è necessario inviare una nuova cartella esattoriale).

Cosa succede se non si paga la Tari: pignoramento

Quindi abbiamo visto cosa succede se non si paga la Tari, scatta il pignoramento.

Vediamo ora cosa può colpire e come avviene il pignoramento:

  • possono essere pignorati lo stipendio, la pensione, iol conto corrente e i fitti del contribuente moroso;
  • se gli importi sono piccoli può essere imposto il fermo amministrativo dell’auto;
  • difficile il pignoramento della casa: si può iscrivere l’ipoteca per importi superiori a 20mila euro, mentre per i pignoramenti immobiliari bisogna superare un debito da 120mila euro (difficile che una Tari non pagata superi quella soglia).

Cosa succede se non si paga la Tari: la prescrizione

Cosa succede se non si paga la Tari? C’è anche la possibilità della prescrizione. Come per tutte le altre tasse anche la Tari è soggetta a un limite: per la tassa sui rifiuti è di 5 anni.

In pratica il comune può pretendere il versamento della tassa solo sugli ultimi 5 anni di arretrati.

Per dire: se non pagate la Tari da 10 anni, il vostro pensiero deve riguardare solo gli ultimi 5. Quelli precedenti sono ormai andati, non dovete nulla.

Un esempio: la Tari non pagata il 2017 si prescrive il 31 gennaio del 2022.

Per le news e i video di TheWam segui questi link:

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie