Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Risparmio e Investimenti / Abbonamento a Netflix con la pubblicità: ecco quanto costerà

Abbonamento a Netflix con la pubblicità: ecco quanto costerà

Nuova strategia per il colosso streaming: quanto costerà, ma soprattutto, in cosa consisterà l’abbonamento a Netflix con la pubblicità?

di Sara Fannino

Settembre 2022

Netflix, la compagnia di streaming video guidata da Reed Hastings è al lavoro per un nuovo piano, un po’ più economico dell’attuale, che includa anche le pubblicità. Andiamo subito a vedere quanto costerà, ma soprattutto, in cosa consisterà l’abbonamento a Netflix con la pubblicità (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Abbonamento a Netflix con la pubblicità, l’esperimento

Netflix ha iniziato a lavorare da qualche mese su un nuovo piano di abbonamento più economico dell’attuale, che prevede anche l’inserimento delle pubblicità. Secondo le ultime novità la compagnia di streaming potrebbe arrivare a proporre ai propri utenti, nei prossimi mesi, un mini abbonamento al costo compreso tra i 7 e i 9 dollari, con l’inserimento di quattro minuti di pubblicità per ogni ora.

Gli spot pubblicitari potrebbero essere inseriti prima e durante gli spettacoli, ma non dopo. Ad oggi, l’abbonamento base senza alcuna pubblicità è pari a 15,49 dollari.

In Italia i costi per un abbonamento Netflix variano a seconda dell’offerta, se premium, standard, oppure base. L’abbonamento base, infatti, costa 7,99 euro, mentre quello standard arriva a 12,99 euro al mese, infine, l’abbonamento premium è di 17,99 euro al mese.

Scopri tutti i bonus in scadenza al 31 dicembre 2022.

Con l’abbonamento più economico Netflix sarà attivo per un solo dispositivo, senza la possibilità di visione in HD; l’abbonamento di mezzo, quello standard, offre la possibilità di connettere due dispositivi contemporaneamente e di prendere visione degli spettacoli in Full HD; l’abbonamento più costoso, invece, permette l’utilizzo della piattaforma a quattro dispositivi in contemporanea e offre una visione in Ultra HD 4/K.

Ad oggi, Netflix ha un solo obiettivo: ricercare partner commerciali per trovare un equilibrio che implichi un allargamento della platea degli utenti, in particolare intercettando quelli un po’ più attenti ai costi, e dall’altra parte offrire un’esperienza piacevole, senza sovraccaricare gli spettacoli di spot pubblicitari.

Secondo le ultime notizie l’abbonamento a Netflix con la pubblicità dovrebbe arrivare nell’ultimo trimestre del 2022 e dovrebbe riguardare almeno una mezza dozzina di mercati nel mondo. Per il lancio completo, per tutti i continenti, occorrerà attendere fino all’inizio del 2023.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Abbonamento a Netflix con la pubblicità: ecco le cause

Ma come mai si sta lavorando a un abbonamento a Netflix con la pubblicità? Scopriamolo subito insieme.

Tutto sta nel calo di fatturato che è iniziato nel primo trimestre dell’anno corrente. Tra gennaio e marzo, infatti, la piattaforma di streaming ha perso all’incirca 200 mila utenti abbonati. Questo, si pensi, è stato il primo passo indietro in oltre dieci anni di continua crescita. Ma non è tutto, perché nel secondo trimestre, da aprile a giugno 2022, la piattaforma ha perso ulteriori 970 mila iscritti.

Le cause dell’abbonamento a Netflix con la pubblicità sono molteplici: innanzitutto, la concorrenza. Ormai possiamo trovare di tutto e di più in rete: Sky, Disney+, MediasetPlay, AmazonPrime, e potrei continuare all’infinito. Un secondo motivo è la condivisione dell’abbonamento, in molti, infatti, si mettono d’accordo, magari attraverso gli abbonamenti standard o premium, per guardare Netflix su due o quattro dispositivi, ammortizzando i costi.

Scopri gli sconti in arrivo sulle bollette del gas e sulla benzina.

Abbiamo, poi, la crisi dei consumi: l’inflazione, il caro vita ecc. sono davvero sulla bocca di tutti. Si pensi che solo nel primo semestre ogni famiglia italiana ha speso all’incirca l’equivalente di una tredicesima mensilità a causa dell’aumento dei prezzi. Insomma, in una situazione del genere, anche 12 euro al mese sembrano davvero troppi per i nuclei familiari con redditi medio-bassi.

Infine, c’è la fine dello stato di emergenza. Dopo due anni di pandemia, chiusi in casa, in molti hanno deciso di dedicare meno tempo alla “vita da divano” e sfruttare ogni situazione possibile per uscire, anche rinunciando a serie tv famosissime e seguitissime come Ozark, Better Call Saul o Stranger Things, disponibili solo su Netflix. Come biasimarli!

Abbonamento a Netflix con la pubblicità: ecco quanto costerà
Abbonamento a Netflix con la pubblicità: ecco quanto costerà. Immagine con una smart tv che mostra il logo di netflix e un telecomando.

Abbiamo visto che le cause dell’abbonamento a Netflix con la pubblicità sono differenti poiché l’azienda ha bisogno di monetizzare ampliando l’offerta dei propri abbonamenti, cercando di incassare l’incassabile anche dalle fasce economiche più umili.

Netflix ritiene la pubblicità un tassello fondamentale per rispondere alle esigenze di tutti, oltre che per tornare a crescere sul mercato. Reed Hastings, l’amministratore delegato di Netflix, ha dichiarato che serviranno almeno un paio d’anni prima che l’abbonamento a Netflix con la pubblicità inizia a diventare davvero significativo per il bilancio dell’azienda.

Scopri le ultime novità sulla pensione per casalinghe a mille euro.

Ad oggi la compagnia ha stretto una partnership con Microsoft grazie alla quale la Big Tech si è aggiudicata il diritto di essere il partner di vendita e tecnologia pubblicitaria esclusiva. nonostante Microsoft abbia poca esperienza nella streaming tv, negli ultimi anni ha costruito un impero pubblicitario di 10 miliardi di dollari.

Quanto costano gli altri servizi di streaming?

Accantoniamo, ora, l’argomento “abbonamento a Netflix con la pubblicità” e vediamo quanto costano i migliori servizi streaming on demand del 2022:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp