Covid Campania. Contagiato bimbo che ha frequentato la ludoteca

Non si fermano i contagi in Campania e cresce anche l'indice di trasmissibilità, ora superiore alla soglia d'allarme. A Pisciotta torna l'incubo dopo il contagio di un bambino che ha frequentato una ludoteca. Possibili nuovi focolai a Teggiano, Cimitile e Nola.

Covid Campania. Contagiato bimbo che ha frequentato la ludoteca
In Campania non si fermano i contagi: torna l'incubo ha Pisciotta per un bimbo con il Covid e nuovi focolai nel Napoletano e nel Vallo di Diano.
3' di lettura

Il contagio rallenta ma non si ferma in Campania. Anzi si sono innescati altri potenziali focolai, come a Pisciotta – di nuovo -, a Teggiano (nel Vallo di Diano), a Cimitile e a Nola. Non sono ancora segnalati nuovi casi a Salerno, mentre c’è attesa per molti tamponi che dovrebbero confermare o meno l’esistenza di nuovi cluster.

Buone notizie da Castellabate. Intanto l’indice di trasmissibilità (Rt) in Campania è oltre la soglia di rischio.

Pisciotta, contagiato un bambino: frequentava ludoteca

I contagi non si fermano, dunque, neppure a Pisciotta, dove l’ultimo positivo è un bambino. Il quarto infetto, dopo una di pausa che aveva suscitato un certo ottimismo, fa ripiombare il comune cilentano nella preoccupazione. Q

uesta volta motivata da un altro aspetto: il bambino infetto ha frequentato una ludoteca di Caprioli, dove c’erano tanti altri coetanei. E sua madre lavora in una struttura turistica.

La ricostruzione dei contatti, il caso Cimitile

L’Asl e il dipartimento della protezione civile stanno ora individuando l’intera rete dei contatti. Poi isolamento e tamponi. Si incrociano le dita, anche perché questi contagi, in contesti simili, si sono a volte rivelati inizi di focolai piuttosto estesi.

E’ lo stesso timore che si sta vivendo a Cimitile, in provincia di Napoli, dove una bambina che aveva appena terminato un campo scuola con altri coetanei, è risultata positiva al Covid.

Attenzione alta nel Nolano e nei paesi Vesuviani

Attenzione puntata anche su Nola: una fabbrica di infissi è stata costretta a sospendere temporaneamente la produzione dopo che tre operai sono risultati contagiati. Proprio il Nolano con i paesi Vesuviani desta un certo allarme: sono diversi i contagi segnalati negli ultimi giorni.

Castellabate, tamponi negativi

Buone notizie invece da Castellabate, sempre nel Cilento. I tamponi effettuati sulle 23 persone venute a contatto con un residente risultato positivo (e asintomatico), hanno dato tutti esito negativo. Il sindaco Costabile Spinelli ha revocato il divieto di qualsiasi festa o cerimonia, anche privata. L’ordinanza era stata emessa in via precauzionale. Ma è chiaro che bisognerà rispettare tutte le norme imposte per arginare la diffusione del Covid.

Il sindaco: totale trasparenza

“Avevo espresso – ha scritto il sindaco di Castellabate sulla sua pagina social – fin da subito le mie rassicurazioni sulla totale trasparenza in merito al caso, che è stata da subito circoscritto ed esaminato le voci hanno provocato grande agitazione e dobbiamo evitare sempre inutili allarmismi che risultano essere nocivi al nostro stesso territorio”.

“Dobbiamo però – ha concluso – continuare sulla stessa strada che stiamo percorrendo da marzo con il ligio rispetto delle regole e con senso il responsabilità di ognuno di noi nella gestione di un comune turistico che si appresta a vivere il periodo di maggior afflusso di persone”.

Carte d’identità al ristorante, c’è chi dice no

Pareri contrastanti sull’ultima ordinanza del governatore Vincenzo De Luca, quella che impone l’obbligo di esibire la carta d’identità quando si va in un ristorante. Il provvedimento è stato emesso dal presidente della giunta regionale dopo quanto è accaduto in un locale di Vico Equense: uno dei clienti è risultato positivo, ma è stato impossibile rintracciare molte delle persone presenti perché avevano fornito generalità fasulle ai gestori.

Molti ristoratori temono contraccolpi negativi per gli affari, senza contare che “non siamo poliziotti”. Per altri invece si perde un po’ di privacy, ma si acquista maggiore sicurezza per la salute pubblica.

Aumenta l’indice di trasmissibilità: oltre la soglia di rischio

Il continuo aumento dei casi di Covid in Campania, così come in altre regioni. ha avuto un effetto immediato: l’indice Rt, quello che segnala la trasmissibilità del contagio e dovrebbe essere sempre al di sotto di 1, è cresciuto in modo preoccupante. I cosiddetti focolai estivi hanno fatto impennare quell’indice. In Campania è salito a 1,42, ma c’è chi sta messo peggio. Come la Sicilia (1.55) e il Veneto (1.66).

Con l’indice superiore a 1, ci sono poi la Liguria (1.25), il Lazio (1.04), la provincia di Trento (1.34), quella di Bolzano (1.07) e l’Emilia Romagna (1.08). Sono numeri chi indicano anche una necessità: l”attenzione in questi territori deve essere massima. La diffusione del contagio è in bilico, tra il contenimento e la diffusione incontrollata.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie