Covid. Con i vaccini la Cina punta a estendere la sua influenza nel mondo

Mentre gli Stati Uniti si sono chiusi nello slogan trumpiano prima gli Usa, i cinesi stanno utilizzando la corsa ai vaccini per estendere il loro soft power su aree importanti del pianeta. Pechino ha ben quattro studi nell'ultima fase e ha già fatto sapere che metterà il prodotto a disposizione di tutti i Paesi

Covid. Con i vaccini la Cina punta a estendere la sua influenza nel mondo
La Cina è il Paese più avanti nella ricerca di un vaccino contro il Covid: quattro studi sono nella fase finale e Pechino utilizzerà il vantaggio per ribadire il suo soft power.


2' di lettura

La Cina è la nazione che sta più avanti nella ricerca sul vaccino contro il Covid-19, ha quattro progetti nell’ultima fase e il presidente Xi ha già dichiarato che appena trovato un prodotto sicuro ed efficace sarà messo a disposizione di tutto il mondo.

Un approccio morbido e una “diplomazia sanitaria” che viene usata dal governo cinese per ampliare la sua influenza su molte aree del pianeta, una strategia, portata avanti da anni, e che ha subito una battuta d’arresto proprio con il Covid.

Le polemiche non hanno fermato i cinesi

Eppure le aziende cinesi che si sono recate all’estero per condurre studi clinici hanno generato polemiche e timori tra i residenti che temono di essere trattati come cavie. Timori che hanno rischiato di imporre uno stop alle scelte cinesi.

Ma Pechino non si è fermata e ha continuato a spingere con fiducia i suoi potenziali vaccini.

Diplomazia, promesse e obiettivi

I vertici del governo cinese hanno incontrato gli omologhi di Thailandia, Laos, Cambogia e Vietnam per mettere a tacere le critiche.

Nelle Filippine la Cina è in competizione con gli Stati Uniti (entrambi i Paesi sono interessati ad avere influenza nella regione), e il presidente Rodrigo Duterte ha richiesto al presidente Xi un aiuto per i vaccini. Non aveva scelta: Trump ha sempre detto, prima gli Usa. L’aiuto cinese che è arrivato il giorno dopo.

La Cina ha formulato le stesse offerte in Africa, America latina, Caraibi, Medio Oriente e Asia meridionale. Tutte regioni dove Pechino sta cercando di espandere la sua influenza.

Volontari all’estero, il Covid in Cina è sotto controllo

Se la Cina vincerà la corsa per i vaccini, dovrà il suo successo ad alcuni di questi paesi che hanno fornito il “materiale umano” per testare il prodotto.

Le agenzie di farmaci cinesi sono state costrette a uscire fuori dai confini per trovare volontari anche perché il Covid in Cina è sotto controllo da mesi.

Il Ministro degli Esteri di Pechino ha ribadito che la Cina non è interessata ad avere il monopolio sulla fornitura di vaccini. I media statali hanno anche respinto l’accusa che la Cina utilizzi i vaccini come strumento diplomatico.

La verità è che alcuni Paesi potrebbero avere poche alternative per il reperimento dei vaccini. Temono la crescita d’influenza o meglio, temono che questa solidarietà possa avere un costo, ma non ci sono alternative.

E’ l’altra faccia della corsa ai vaccini. Negli Usa è uno strumento di propaganda elettorale, in Europa una questione soprattutto economica e di prestigio internazionale, per la Cina l’occasione per estendere le sue già importanti aree di influenza.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie